Inquinamento Mare: Il Robot Dei Mari (Planet Inspired)

09/ago/2012 10.37.26 Tagliani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L'eccellente connubio tra mondo accademico e sviluppo tecnologico

Un piccolo grande progetto della WASS per l’esplorazione sottomarina utile all’industria, ma che sarà soprattutto amico dell’ambiente.
L'ambiente e la lotta all'inquinamento del mare hanno un prezioso alleato. WASS, la società Finmeccanica che prende il nome dal suo fondatore Robert Whitehead, inventore del siluro, ha ampliato il proprio bacino d'intervento al campo civile. Essere leader a livello globale nell'ingegneria dei sistemi integrati sottomarini (solo nell'ultimo biennio ha depositato oltre 30 brevetti), con un background ultracentenario, ha reso possibile l'ampliamento delle proprie capacità a nuove e promettenti aree di business. Lo dimostra appieno il progetto "V-Fides", primo prodotto "dual use" sviluppato dall'azienda livornese.

Si tratta di un' iniziativa finanziata dalla Regione Toscana, dove WASS agisce da capofila di un raggruppamento comprendente Kayser Italia, altra impresa livornese ad alta vocazione in ricerca e sviluppo, ed il Crim (Centro di Ingegneria Microelettronica) della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.

Si tratta di un piccolo robot (solo di dimensioni!) subacqueo, in grado di analizzare le specificità chimico-fisiche dell'acqua a diverse profondità, consentendo una mappatura molto dettagliata del grado di inquinamento da mercurio dei mari in cui si trova a operare.

Dietro la sigla che dà il nome al prototipo si cela un avanzatissimo ingranaggio filoguidato, mirato all'identificazione, la ricognizione e l'esplorazione sottomarina. Questo "piccolo computer dei mari" è in realtà un dispositivo ad altissima tecnologia che integra sistemi complessi e la cui caratteristica principale sarà senza dubbio la flessibilità d'impiego. Il veicolo sottomarino potrà infatti svolgere i compiti più vari, dall'esplorazione dei fondali attraverso sensori acustici e non acustici integrati a bordo, alla sorveglianza e raccolta di informazioni per la sicurezza e la manutenzione delle installazioni industriali. Una bella invenzione, che attraverso il connubio tra ricerca e innovazione valorizza l'ambiente riconoscendone il ruolo di primo piano nella comunità mondiale. Le risorse e le competenze di un grande Gruppo industriale si manifestano così, anche nella realizzazione di attività di ricerca nel campo della robotica subacquea, per applicazioni civili rivolte alla sicurezza dei trasporti e alla tutela della fauna e flora marine.

Fonte: Planet Inspired

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl