Lampade di nuova generazione

17/feb/2014 13.07.47 Massimo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Negli ultimi anni l'uso dei diodi ad emissione luminosa chiamati LED sono diventati di uso comune. Questo tipo di sorgente luminosa trova impiego nelle luci decorative, nelle torce, nei fari delle auto, nei display dei prodotti elettronici e in un crescendo di applicazioni . Forse non tutti sanno che risale al 1962 la data della scoperta che un led poteva emettere luce entro lo spettro visibile all'occhio umano. Si trattava di un led che emetteva luce rossa. 

Ciononostante, è solo di recente che si è iniziato a utilizzare le lampade led come sorgenti luminose per uso domestico e commerciale. Inizialmente i costi di queste sorgenti erano elevati e cosi il loro impiego era più dedicato a settori pubblici che privati Ora grazie anche alla direttiva europea244 che ha messo al bando le lampadine tradizionali che avevano una bassa efficienza luminosa, e per l'ampia produzione che si è creata, i diodi led si trovano a prezzi molto vantaggiosi.

 

L'alta richiesta del mercato ha fatto si che i produttori sviluppino un numero sempre maggiore di lampadine che a poco a poco stanno andando a sostituire sia le lampadine tradizionali che le lampadine a basso consumo (al neon)
Tutto questo grazie all'efficienza luminosa dei LED . Efficienza che permette di sostituire una lampadina tradizionale da 40W con lampadine di appena 4-6W e con durata superiore alle 25000 ore d'utilizzo.
Nel campo del design si è creato un fervore d'idee e di progetti. La maggior parte delle aziende del settore si è dedicata allo sviluppo e alla ricerca dell'utilizzo di tali sorgenti.
Da quest'impegno sono nati prodotti meravigliosi leggeri, compatti e funzionali come per esempio la Kelvin Led disegnata per Flos da Antonio Citterio ma si sono anche industrializzate lampade storiche come l'Arco disegnato da Castglioni che possiamo trovare identico all'originale ma con sorgente luminosa attualizzata. Allo stesso modo troviamo la Caboche e la Twiggy terra di Foscarini che mantenendo lo stessa identica forma e luminosità dell'originale, nascono ora con sorgenti a diodo incorporate.
Sicuramente nei prossimi anni l'evoluzione di queste tecnologie sarà crescente e considerato il minor consumo e la quasi assenza di manutenzione, la lampadina voluta e inventata con anni di appassionate ricerche dal Sig. Edison sarà solo un bel ricordo che potremo raccontare e spiegare ai nostri figli o nipoti visitando qualche museo di scienza.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl