Ricerca Trend Micro su minacce Web: utenti aziendali più consapevoli

Ricerca Trend Micro su minacce Web: utenti aziendali più consapevoli Comunicato stampa Minacce Web: cresce la consapevolezza dei rischi tra gli utenti aziendali Secondo uno studio* condotto da Trend Micro su un campione di 1600 utenti in varie aree del mondo, il 54 % degli intervistati conosce questo tipo di minaccia ed è consapevole dei pericoli connessi Milano, 23 luglio 2007 - Trend Micro Incorporated (TSE: 4704), leader mondiale nella creazione di software e servizi per la protezione dai virus di rete e per la sicurezza dei contenuti Internet, ha annunciato i risultati di un'analisi sui livelli di consapevolezza degli utenti finali aziendali rispetto alle minacce Web.

23/lug/2007 17.30.00 M&CM Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

                                                                     Comunicato stampa

 

 

Minacce Web: cresce la consapevolezza dei rischi

tra gli utenti aziendali

 

Secondo uno studio* condotto da Trend Micro su un campione di 1600 utenti in varie aree del mondo,  il 54 % degli intervistati

conosce questo tipo di minaccia ed è consapevole dei pericoli connessi

 

 

Milano, 23 luglio 2007 - Trend Micro Incorporated (TSE: 4704), leader mondiale nella creazione di software e servizi per la protezione dai virus di rete e per la sicurezza dei contenuti Internet, ha annunciato i risultati di un'analisi sui livelli di consapevolezza degli utenti finali aziendali rispetto alle minacce Web.

 

Una minaccia Web è una qualsiasi minaccia che faccia uso del Web per scopi illegali agendo all'insaputa dell'utente. Questo genere di minaccia sfrutta Internet per portare a termine attività criminali, e sono addirittura in grado di auto-riprodursi; generalmente si tratta di uno o più programmi maligni che vengono installati sul computer di un utente completamente ignaro, nel momento in cui questo accede a Internet. Spesso tali minacce possono essere totalmente invisibili o presentarsi sotto forma benigna: una volta attivate però, sia individualmente che in associazione ad altre, sono in grado di sottrarre illegalmente informazioni confidenziali dal computer colpito o di utilizzarne le risorse senza che l'utente ne sia al corrente o ne abbia dato il permesso.

 

Lo studio ha coinvolto 1.600 utenti aziendali negli Stati Uniti, Regno Unito, Germania e Giappone; dai risultati raccolti è emerso che a livello mondiale circa la metà degli intervistati (54%) sa cosa siano le minacce Web e ne è consapevole. Il livello di consapevolezza più alto tocca alla Germania con un 63%, seguita dal Regno Unito al 57% e dagli Stati Uniti al 54%. Ultimo il Giappone con il 43%: una percentuale così bassa può trovare giustificazione nel fatto che rendere l'espressione “consapevolezza della minaccia” in lingua giapponese è abbastanza difficile, tanto che non è utilizzata spesso.

 

Le minacce Internet sono oggi ancora più pervasive e rappresentano il vettore a più rapida crescita per sferrare attacchi illegali: sono molto più sofisticate, sono costituite da componenti multiple e quindi più complesse, e fanno leva sul Web per aggiornare, nascondere, comunicare e trasmettere informazioni violate. Anche il mondo dei pirati informatici è sempre più e meglio organizzato, motivato in primis da promettenti profitti economici. Questo non fa altro che incrementare più che mai le opportunità e le attività illegali.

 

Secondo i risultati dello studio condotto da Trend Micro, le minacce Web occupano il terzo posto nella classifica degli attacchi informatici, dopo virus e Trojan horse. Sono considerate più pericolose del pharming, del phishing e dello spam.

 

In tutti i Paesi oggetto dello studio, gli intervistati associano prevalentemente le minacce Web ad attività illegali (59%), in secondo luogo agli aspetti legati alla propagazione, come per esempio l'installazione all'insaputa dell'utente (47%) e alla diffusione via Internet (44%). Gli intervistati tedeschi sono comunque quelli più capaci di identificare questi aspetti delle minacce Web. Ad esempio il 75% degli utenti tedeschi ha correttamente associato le minacce Internet ad attività maligne, rispetto al 49% degli intervistati del Regno Unito.

 

Altri risultati importanti

 

Rispetto alle minacce Web non esiste una paura o una preoccupazione dominante. In Germania gli intervistati dimostrano maggiore familiarità nei confronti di questo tipo di attacchi e sono anche più inclini a rivelare un certo livello di preoccupazione rispetto al fenomeno. Ad esempio il 53% degli utenti tedeschi si dice preoccupato per i download maligni causati dalle minacce Web, contro il 40% registrato nel Regno Unito.

 

Gli intervistati hanno indicato che l'installazione (57%) e l'utilizzo (54%) di software per la sicurezza rappresentano i metodi più diffusi per proteggersi da tali minacce. Gli intervistati statunitensi rivelano un comportamento più cauto e selettivo nei confronti dei siti Web visitati (51%), mentre quelli tedeschi prestano maggiore attenzione alla posta elettronica in ingresso (51%).

 

Da evidenziare che la consapevolezza rispetto a queste minacce è maggiore nelle aziende di piccole dimensioni rispetto a quelle più grandi nel Regno Unito (60% nelle piccole contro 53% nelle grandi) e in Germania (66% nelle piccole contro 59% in quelle grandi). Al contrario, in Giappone sono le aziende più grandi a registrare un livello maggiore di consapevolezza (48% nelle grandi contro 37% nelle piccole). Nel caso degli Stati Uniti invece, le dimensioni aziendali non influenzano questo aspetto.

 

Motivati da ottime opportunità di guadagno derivanti dal commercio di informazioni sottratte, gli autori di malware si stanno sempre più spostando sul Web in quanto mezzo ideale per condurre le loro attività illegali.

 

“Le minacce Web sono caratterizzate da un mix di tecniche diverse, un'ampia gamma di varianti, attacchi sferrati in maniera ben mirata e su base geografica: tutti questi aspetti si traducono in potenziali costi per consumatori e aziende sotto forma di furto di identità, perdita di dati aziendali sensibili, reputazione del brand compromessa, perdita della fiducia da parte dei consumatori nell'ambito del commercio Internet”, ha commentato Raimund Genes, CTO for Anti-malware di Trend Micro. “È rincuorante vedere che la consapevolezza rispetto alla gravità del fenomeno sta finalmente registrando una crescita. L'uso illimitato del Web da un lato e la complessità della protezione dalle minacce ad esso legate dall'altro stanno iniziando a unirsi fino a porre quella che probabilmente è la più grande sfida del decennio, ovvero tutelare la privacy delle informazioni personali e la confidenzialità dei dati aziendali”.

 

I tradizionali metodi di protezione non riescono a garantire una tutela adeguata, e comunque nessuna soluzione o tecnologia adottata singolarmente potrà mai risolvere il problema o migliorare lo scenario. È invece necessario adottare un approccio a più livelli che preveda l'impiego di un mix di tecniche per poter fare fronte e contrastare le più nuove e recenti tipologie di attacchi e minacce. La Web Threat Protection Strategy di Trend Micro va esattamente in questa direzione: si tratta di un approccio multi-livello e multi-minaccia che permette di gestire le minacce Web grazie all'utilizzo di tecnologie innovative applicate a livello di gateway, di rete, di PC e di Internet. Soluzioni perfettamente integrate fra loro che consentono di rispondere e gestire le minacce Web in costante evoluzione.

 

*In allegato la presentazione della ricerca con il dettaglio dei dati

 

Informazioni su Trend Micro

Trend Micro Incorporated è un pioniere della sicurezza dei contenuti e della gestione delle minacce. Fondata nel 1988, l'azienda fornisce a privati e aziende di ogni dimensione software, hardware e servizi per la sicurezza vincitori di numerosi premi. Con la sede centrale a Tokyo e le altre sedi operative in oltre 30 paesi, le soluzioni Trend Micro vengono commercializzate tramite una rete di rivenditori aziendali e a valore aggiunto e fornitori di servizi in tutto il mondo. Per ulteriori informazioni e per ottenere copie di prova di tutti i prodotti e servizi Trend Micro, visitare il sito Web it.trendmicro-europe.com.

 

Trend Micro, InterScan e il logo t-ball sono marchi o marchi registrati di Trend Micro Incorporated. Tutti gli altri nomi di aziende o prodotti possono essere marchi o marchi registrati appartenenti ai rispettivi proprietari.

 

 

 

 

Per ulteriori informazioni:

Morena Maestroni                                       Federica Beretta

Trend Micro                                                M&CM

Tel 02 925931                                            Tel 02 68821.619

morena_maestroni@trendmicro.it                 f.beretta@mecm.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl