Le ragioni della nostra ironia

Le ragioni della nostra ironia Molti di voi si sono chiesti il perché del comunicato stampa evidentemente ironico che abbiamo emesso lunedì, e ci hanno manifestato - per email o per telefono - questa curiosità.

17/ott/2007 12.10.00 Italo Vignoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Molti di voi si sono chiesti il perché del comunicato stampa evidentemente ironico che abbiamo emesso lunedì, e ci hanno manifestato - per email o per telefono - questa curiosità. Siccome la nostra risposta ha confermato delle ipotesi di interpretazione ma ha anche fornito nuovi elementi, riteniamo opportuno condividerla con tutti, scusandoci con coloro che sono già a conoscenza dei fatti.

Prima di tutto, il tono ironico è stato una scelta precisa, per evitare di inasprire una polemica che è già nata all'interno di quelle università - un ambiente dove OpenOffice.org conta su un ampio numero di utenti e sostenitori - dove gli studenti hanno ricevuto un messaggio di posta elettronica che promuove l'offerta di un'altra suite per ufficio (con uno sconto dell'85% rispetto al prezzo di listino), direttamente al proprio indirizzo personale di ateneo, alla faccia - scusate l'espressione - delle più elementari norme sulla privacy.

E già che c'eravamo, abbiamo cercato di sottolineare lo scarso significato che attribuiamo alle ripetute accuse di violazione di 235 brevetti da parte del software open source, perlomeno fino a quando il numero e l'ambito dei brevetti stessi non verrà dichiarato, in modo da eliminare qualsiasi sospetto sul fatto che si tratti di una minaccia generica e tesa esclusivamente ad alimentare la paura, l'ncertezza e il dubbio tra gli utenti.

Oggi torniamo a comunicare in modo serio, ringraziandovi per l'attenzione che ci dedicate ormai quasi ogni giorno.

Italo Vignoli per l'Associazione PLIO

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl