[PR] OpenOffice.org: download solo gratis

17/giu/2008 01.20.00 Italo Vignoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Trieste, 16 giugno 2008 - L'Associazione PLIO, Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org, ricorda a tutti gli utenti e a tutti coloro che intendono migrare alla suite libera per ufficio più diffusa sul mercato che il download del software deve essere effettuato solo da uno dei server che appartengono alla rete della comunità, accessibili attraverso il sito del progetto http://www.openoffice.org o quello della comunità italiana http://it.openoffice.org.

In particolare, il download di OpenOffice.org - comprese le vecchie versioni e le versioni di sviluppo o beta - è un'operazione che non richiede e non richiederà mai il pagamento di alcuna cifra, nemmeno simbolica, o una telefonata per accedere a un codice numerico. Per le caratteristiche del progetto, che è sostenuto solamente da volontari, il download non avverrà mai attraverso un link sponsorizzato o un banner pubblicitario, ma solo attraverso i due siti ricordati in precedenza.

Nei primi cinque mesi e mezzo del 2008, il numero dei download della versione in lingua italiana di OpenOffice.org ha già superato il totale dei download del 2007, e si avvia a superare i due milioni di unità in sei mesi. OpenOffice.org può essere utilizzato gratuitamente in qualsiasi ambito - privato o aziendale - e per qualsiasi scopo, sia personale che commerciale.

Download

OpenOffice.org 2.4.1 in italiano: http://it.openoffice.org/download/
Modelli in Italiano: http://wiki.services.openoffice.org/wiki/Modelli
OpenOffice.org nelle altre lingue: http://download.openoffice.org
Estensioni per OOo: http://extensions.services.openoffice.org

L’Associazione PLIO, Progetto Linguistico Italiano OOo, raggruppa la comunità italiana dei volontari che sviluppano, supportano e promuovono la principale suite libera e open source per la produttività negli uffici: OpenOffice.org. Il software usa il formato dei file Open Document Format (standard ISO/IEC 26300), legge e scrive i più diffusi tra i formati proprietari, ed è disponibile per i principali sistemi operativi in circa 100 lingue e dialetti, tanto da poter essere usato nella propria lingua madre da più del 90% della popolazione mondiale. OpenOffice.org viene fornito con la licenza GNU LGPL (Lesser General Public Licence) e può essere utilizzato gratuitamente per ogni scopo, sia privato che commerciale.

PLIO, Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org: http://www.plio.it. Vola e fai volare con i gabbiani di OpenOffice.org: usalo, copialo e regalalo, è legale!

Per informazioni: Italo Vignoli (348.5653829), ufficiostampa@plio.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl