OpenOffice.org: un download ogni cinque secondi

OpenOffice.org: un download ogni cinque secondi Trieste, 3 luglio 2008 - L'Associazione PLIO, Progetto Linguistico Italiano OOo, comunica i dati aggiornati dei download della sola versione in lingua italiana della suite libera per ufficio, che durante giugno 2008 hanno segnato cifre record a tutti i livelli: - 523.234 download nel mese, uno ogni cinque secondi, che hanno permesso di superare il "muro" del mezzo milione (probabilmente, nello stesso periodo il totale dei PC acquistati in Italia à stato più basso).

Allegati

03/lug/2008 13.30.00 Italo Vignoli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Trieste, 3 luglio 2008 - L'Associazione PLIO, Progetto Linguistico Italiano OOo, comunica i dati aggiornati dei download della sola versione in lingua italiana della suite libera per ufficio, che durante giugno 2008 hanno segnato cifre record a tutti i livelli:

- 523.234 download nel mese, uno ogni cinque secondi, che hanno permesso di superare il "muro" del mezzo milione (probabilmente, nello stesso periodo il totale dei PC acquistati in Italia è stato più basso).

- 2.096.043 download dall'inizio dell'anno, contro 1.788.096 nel corso dell'intero 2007 (un numero che all'epoca sembrava già molto alto, ma nel giro di soli sei mesi è stato superato di 307.967 unità).

- 3.066.748 download negli ultimi dodici mesi, che dimostrano - visti i dati degli ultimi sei e dell'ultimo mese - una tendenza alla crescita superiore a qualsiasi previsione, che potrebbe portare a raggiungere o addirittura superare 5 milioni di download nel 2008.

Tutti questi numeri non tengono conto delle copie di OpenOffice.org installate da CD, visto che il software viene allegato ogni mese alla maggior parte delle testate italiane di information technology, e delle copie in ambiente Linux installate con le distribuzioni o aggiornate dai repository delle stesse, che non fanno parte del circuito dei mirror di OOo. Un totale difficile da valutare, che potrebbe essere di alcune centinaia di migliaia di copie.

"L'Italia è il terzo mercato nel mondo per OpenOffice.org, dopo la Germania - la 'patria' di StarOffice - e la Francia - dove c'è un impulso importante da parte del settore pubblico, che è in parte migrato verso il software open source", commenta Davide Dozza, Presidente dell'Associazione PLIO. "Oggi, OpenOffice.org cresce rapidamente in tutti i Paesi, e il formato ODF - che viene riconosciuto da molti governi - verrà supportato in modo nativo anche da Microsoft Office nel corso del 2009".

"Il successo di OpenOffice.org è una vittoria per tutti gli utenti di suite per ufficio, che oggi possono scegliere il software libero senza rinunciare alle funzionalità del software proprietario, sostenuti da una comunità di sviluppatori e volontari capace di garantire l'evoluzione del prodotto, i servizi di localizzazione e promozione, e il supporto per la soluzione dei problemi", aggiunge Andrea Pescetti, co-maintainer del Progetto Linguistico Italiano e Consigliere dell'Associazione PLIO.

A partire da oggi, gli utenti potranno essere aggiornati in tempo reale sul numero dei download di OpenOffice.org grazie al contatore presente nella home page del sito dell'Associazione PLIO all'indirizzo http://www.plio.it.

Download

OpenOffice.org 2.4.1 in italiano: http://it.openoffice.org/download/
Modelli in Italiano: http://wiki.services.openoffice.org/wiki/Modelli
OpenOffice.org nelle altre lingue: http://download.openoffice.org
Estensioni per OOo: http://extensions.services.openoffice.org

(Il documento PDF allegato - con i grafici dei download nel 2008 e negli ultimi dodici mesi, relativi sia al totale che alla media giornaliera - è un PDF "ibrido" creato con la beta di OpenOffice.org 3, che permette di verificare una tra le funzionalità più interessanti della nuova versione della suite: il file è un PDF come tutti gli altri se viene aperto con Acrobat o un altro lettore, e un ODF editabile se viene aperto con OpenOffice.org 3.)

L’Associazione PLIO, Progetto Linguistico Italiano OOo, raggruppa la comunità italiana dei volontari che sviluppano, supportano e promuovono la principale suite libera e open source per la produttività negli uffici: OpenOffice.org. Il software usa il formato dei file Open Document Format (standard ISO/IEC 26300), legge e scrive i più diffusi tra i formati proprietari, ed è disponibile per i principali sistemi operativi in circa 100 lingue e dialetti, tanto da poter essere usato nella propria lingua madre da più del 90% della popolazione mondiale. OpenOffice.org viene fornito con la licenza GNU LGPL (Lesser General Public Licence) e può essere utilizzato gratuitamente per ogni scopo, sia privato che commerciale.

PLIO, Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org: http://www.plio.it. Vola e fai volare con i gabbiani di OpenOffice.org: usalo, copialo e regalalo, è legale!
--

Italo Vignoli per Associazione PLIO
tel 348.5653829 - ufficiostampa@plio.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl