Comunicato stampa - Inprinting: i contenuti della manifestazione che si è svolta a Vicenza (8-11 ottobre 2008)

Allegati

11/nov/2008 18.02.10 4IT Group Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Gentili Signori,

 

vi inviamo il Comunicato Stampa relativo ai convegni organizzati durante la manifestazione Inprinting con la preghiera di inserirli sul vostro sito.

 

Ringraziando per la vostra disponibilità porgiamo i migliori saluti.

 

Segreteria Inprinting

 


Inprinting a Vicenza
I contenuti emersi nei convegni parlano di dinamicità e progresso delle imprese

Inprinting – Fiera di Vicenza, 8 - 11 ottobre 2008


Il raddoppio rispetto all’anno scorso del numero dei visitatori che sono intervenuti ai convegni conferma il posizionamento della manifestazione come preziosa opportunità in Italia per chi cerca contenuti di qualità e occasioni di scambio e dibattito.

Segrate, 31 ottobre 2008 - Il panel dei relatori di Inprinting, la manifestazione organizzata da 4IT Group che si è chiusa l’11 ottobre scorso, e che si dedica al mercato della stampa digitale e delle sue applicazioni nei mercati di sbocco, si è avvalso di molti contenuti a livello internazionale e di speaker che hanno saputo portare spunti innovativi che fanno da ponte per progetti nuovi per lo sviluppo del mercato in Italia.


Direct Marketing e Transpromo

Il tema della postalizzazione caro all’industria del Direct Mail ha visto dialogare al tavolo del 2nd European MailForum personalità autorevoli come Michele Florio, presidente e AD di TNT Post, Paolo Luca Stanzani Ghedini, direttore Srategic Planning di Poste Italiane e la Direzione per la Regolamentazione Postale del Ministero delle Comunicazioni rappresentata da Mario Fiorentino.
Il convegno, introdotto da Marco Rosso, presidente della Commissione DM di Xplor Italia, è stata una occasione irripetibile per ascoltare le strategie degli operatori di servizi postali in vista della liberalizzazione del mercato e per riflettere su competitività ed efficienza della nostra industry.

A seguito di questo primo incontro Xplor Italia ha lanciato un progetto per l’anno 2009 di studio del mercato e di collaborazione con l’Ufficio del sottosegretario del Ministero delle Attività Produttive, che oggi ha delega alle Comunicazioni per analizzare quale impatto avrà il mercato libero sugli operatori che lavorano a monte nella catena del valore della produzione di invii postali. I risultati della ricerca saranno pubblicati in un Libro Bianco che intenderà rappresentare le linee guida istituzionali di Xplor in tema di Direct Mail e rapporti con il sistema postale.

Per la prima volta in Italia è stata di scena Barbara Pellow, direttore di Infotrends, la più accreditata società di ricerca internazionale nel settore dell’High Volume Printing. A fianco di Andy Plata che con la sua testata online Outputlinks rappresenta un riferimento internazionale importante per il mercato del digital printing, Barbara ha sviscerato il tema del transpromo, cioè dell’utilizzo di documenti transazionali come bollette, estratti conto e fatture come strumento di comunicazione al cliente e veicolo di messaggi di marketing.
In media il destinatario della comunicazione cosiddetta obbligatoria dedica attenzione al suo contenuto per 2 o 3 minuti, il 20% dei destinatari addirittura oltre 5 minuti e il 62% dichiara di preferire ancora l’invio cartaceo e non elettronico di queste informazioni.

Si tratta quindi di un nuovo mezzo di comunicazione, innovativo e di grande potenzialità economica, perché coinvolge molti aspetti: la conoscenza particolare del parco clienti e la sua profilazione consente l’offerta di servizi e prodotti rilevanti per le necessità del singolo destinatario e tutto ciò può essere realizzato con una comunicazione già dovuta a prescindere. In una lettera che il fornitore è obbligato a inviare si combina un servizio aggiuntivo che, per la sua natura personalizzata, produce ritorni economici in grado di coprire le spese. Sembrerebbe l’uovo di Colombo, e infatti è una delle frontiere con più largo margine del settore della stampa digitale.
Anche qui, Inprinting è stato lo spunto per nuove azioni da sviluppare in futuro, come per esempio una ricerca a livello europeo che partirà a fine anno per stabilire percezione, uso e potenzialità di questa applicazione indagando non solo fra i produttori di tecnologia ma coinvolgendo anche chi produce comunicazione obbligatoria (banche, utilities, assicurazioni) e chi ne fruisce.

Eco-posizionamento per lo sviluppo e la competitività delle aziende

E ancora, a Inprinting, si è parlato di impegno verso un business eco-sostenibile con iniziative, convegni, seminari e un’area espositiva: rendere sostenibile il ciclo di vita di un documento è una responsabilità di tutta la filiera, da chi opera nella comunicazione, allo stampatore, sino a chi fornisce le tecnologie e i supporti per stampare. Il consumo di energia dei dispositivi di stampa, le emissioni di CO2 prodotte nei processi di lavorazione, la possibilità di riciclare i componenti al termine del loro ciclo di vita, inchiostri e carta dal basso impatto ambientale sono oggi parametri che inducono sempre più l’industria grafica a riflettere sui problemi ecologici.

Joe Czyszczewski, Chief Sustainability Officer di InfoPrint Solutions Company, ospite d’eccezione del convegno Green thinking, green printing, ha sottolineato come le aziende del comparto oggi sono consapevoli che il risparmio di energia, la riduzione di spreco di risorse primarie, e l’uso consapevole della carta sono i parametri competitivi del futuro. “Il 40% delle tipografie e services di stampa – ha affermato Czyszczewski - stanno chiedendo ai loro fornitori un supporto nell’ottica di una maggiore sensibilità alle problematiche ambientali”.
Durante l’incontro c’è stata anche l’opportunità per presentare le certificazioni Fsc e Pefc, illustrate direttamente dai segretari nazionali delle due associazionie Mauro Masiero e Antonio Brunori. I due marchi, attraverso il meccanismo della catena di custodia, certificano la provenienza della carta da foreste correttamente gestite.

In aggiunta 4IT Group, segreteria organizzativa di Inprinting, si è impegnata in prima persona aderendo al progetto di forestazione del Parco del Molgora, un’iniziativa affidata ad AzzeroCO2 per la neutralizzazione di 95 tonnellate di CO2 associate ai consumi di carta, agli spostamenti di relatori ed espositori e ai pernottamenti degli organizzatori. L’iniziativa è stata rafforzata con la realizzazione di una campagna di sensibilizzazione ambientale consistente nel calcolo, e successiva compensazione, delle emissioni di gas effetto serra prodotte nel tragitto effettuato dai visitatori per raggiungere la Fiera di Vicenza.


Stampa digitale ed editoria

Anche il tema del digital publishing è stato affrontato con serietà nel convegno La Produzione di libri in digitale, che si è avvalso della partecipazione di Mario Guaraldi, editore e docente presso l’Università Carlo Bo di Urbino, e Giuseppe Vitiello, docente presso l’Università Ca’ Foscari di Vicenza. Curato dal 4IT Group, il convegno si iscrive in un’azione congiunta che da qualche anno le associazioni Asso.It e Xplor Italia hanno intrapreso per comprendere le ragioni alla base dei profondi cambiamenti che l’editoria sta vivendo oggi nell’epoca del file digitale e per promuovere la diffusione e la conoscenza delle opportunità offerte dal digital printing.

In Italia sono più di 60 mila i titoli pubblicati ogni anno, di cui la maggior parte sono novità (61,8% nel 2007), mentre 20 mila sono all’incirca i titoli che escono dal commercio, quintali di carta da smaltire e perdite considerevoli per gli editori. In questo quadro la stampa digitale si trova ad essere protagonista di un profondo cambiamento che investe le modalità di fruizione della conoscenza. Il book on demand permette infatti di disaccoppiare il mercato del libro dalla catena distributiva tradizionale, stampando solo se e dove serve. Una nuova economia del libro che dà voce ad autori e contenuti che altrimenti non troverebbero una propria collocazione.

Declan Rea di InfoPrint Solutions Company, Riccardo Porro di Océ, Marco Zuliani di Kodak, Gabriella Moretti di HP, e Danny Mertens di Xeikon, hanno toccato argomenti quali i costi, le nuove possibilità offerte dal colore, la gestione dei flussi del documento digitale dall’in all’output di stampa, sino alle piattaforme internet che permettono una rinnovata gestione dei rapporti tra l’editore e lo stampatore. Inoltre la testimonianza di alcuni stampatori, Silvia Argalia delle Arti Grafiche Editoriali di Urbino e Eleonora Baruffi di Andersen, ha confermato che gli strumenti per la realizzazione del libro on demand sono pronti a raccogliere le sfide della nuova economia del libro.


Giovani e Donne

Inprinting non ha trascurato la formazione delle nuove leve ospitando un progetto di ENIPG che ha portato oltre 150 studenti provenienti dall’Istituto Salesiano San Marco di Mestre, dalla Scuola Grafica San Zeno di Verona e dall’Istituto Pavoniano Artigianelli di Milano a frequentare un convegno formativo di approfondimento e aggiornamento sulle tecnologie digitali tenuto da Océ e Kodak. I ragazzi poi hanno potuto toccare con mano quanto appreso con una visita approfondita della parte espositiva guidata da Giovanni Battista Colombo, presidente del Gruppo Stampa Digitale.

Un altro progetto originale ha caratterizzato questa edizione della manifestazione: per la prima volta in questo settore si è affrontato il tema del ruolo della figura femminile nell’ICT e nell’industria Grafica. Il convegno Quote Magenta, coordinato da Paola Mangiagalli, redattore capo di Digital Document magazine e moderato da tre capo redattori del settore Chiara Bezzi (Rassegna Grafica), Alexia Rizzi (Graphicus), Cristina Rossi (Il Poligrafico) ha visto come protagoniste donne che hanno raggiunto posizioni prestigiose in ambiti generalmente riservati agli uomini.
Hanno preso la parola Ida Belloni - amministratore delegato di Diatex Group, Sara Bonini - marketing & communication manager Emea Infoprint Solutions Company, Elisabetta Brambilla - consigliere delegato Quality Assurance Eurolabel, Mafe De Baggis - scrittrice e consulente di marketing digitale, Carola Goglio - presidente Comitato provinciale per l’istruzione grafica di Milano, Maria Teresa Pinelli - presidente Gruppo Pinelli, Angela Raija Gerber - direttore marketing Cartiere del Garda, Cristina Toffolo - managig director Gidue.
Il confronto, avvenuto in un clima disteso e partecipato, sottolinea quanto la presenza femminile nel mercato del lavoro, sebbene non sia più considerata un fenomeno ma una tendenza in costante crescita, non debba essere data per scontata: attualmente, nonostante venga dichiarata una pari condizione di accesso e di mantenimento a un impegno lavorativo ad alta quota, vi sono ancora ruoli che nell’immaginario collettivo sono destinati solo al mondo maschile e altri riservati solo alle donne.

 

 

 

 

Claudia Selvetti

Web Designer

                        

4IT Group srl

Tel. 02 26 92 70 81

Fax 02 26 95 10 06

 

www.4itgroup.it

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl