L’isola solare di Atag Italia: Tecnologie integrate in autonomia ed efficienza

10/mar/2009 14.53.43 Prima&Goodwill Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Isola solare: non c’è nome più adatto per definire il complesso tecnologico itinerante, già protagonista di un tour di successo che nel 2008 ha percorso l’Italia in modo capillare, realizzato da Atag Italia per dimostrare a livello pratico l’applicazione della condensazione in abbinamento al recupero di energia solare. Si tratta infatti di una vera e propria “isola”, perfettamente autosufficiente nella gestione e nel recupero dell’energia per il riscaldamento; e proprio “solare” è il tipo di energia alla base del suo funzionamento, in coerenza con la filosofia ecologica da sempre perseguita da Atag Italia. Ecco, in breve, un identikit dell’Isola Solare: a costituirla, un pannello solare termico ed uno fotovoltaico che lavorano in associazione alla caldaia Q Solar con accumulo da 200 litri, l’affermato modulo a condensazione ad integrazione solare Atag già oggetto di una vasta risonanza nel settore. L’Isola è completata da un impianto radiante a pavimento (Floor di Atag Italia), dal termoarredo e persino da un essenziale rubinetto che eroga acqua calda sanitaria (schematicamente è simulato un tipico impianto di riscaldamento). Ecco lo strumento su cui Atag Italia ha basato una serie di incontri informativi destinati a proseguire nel 2009, utilizzando l’impatto visivo e pratico di cellula tecnologica pienamente autonoma dell’Isola Solare per illustrare al pubblico la possibilità di unire solare termico, fotovoltaico e condensazione per ottenere riscaldamento (sia “classico” sia a pavimento) ed acqua calda con la massima efficienza, con il minimo ingombro e con bassissime emissioni inquinanti.

 

“Un complesso articolato, assolutamente completo nei suoi componenti, per esprimere al meglio le potenzialità del connubio tra riscaldamento e condensazione ed energia solare: l’Isola Solare nasce per dimostrare le opportunità di autonomia ed efficienza di questa tecnologia a tutto il pubblico professionale che voglia davvero toccarle con mano, sempre e ovunque”. A parlare è il portavoce della superiorità tecnologica di Atag Italia, l’ing. Francesco Altomonte: è lui ad illustrare il pensiero alla base dell’Isola Solare e a renderne evidenti le potenzialità. Ecco come: “L’alimentazione elettrica dell’Isola Solare è fornita dal pannello fotovoltaico che, tramite un inverter ed una batteria, garantisce il funzionamento del generatore di calore e delle pompe di circolazione: 160 watt a 220 Volt per la caldaia e 14 Watt per ogni singola pompa con alimentazione a 12 Volt. Per un impianto di media grandezza quindi basterebbero due pannelli fotovoltaici da 200 Watt per ottenere un funzionamento autonomo.” Numeri che dimostrano nella pratica il basso consumo connesso all’utilizzo di questa tecnologia: per il lavoro di Q Solar basta unicamente il pannello fotovoltaico. “Il secondo pannello, solare termico, trasferisce l’energia solare allo scambiatore inferiore del bollitore”, riprende l’ing. Altomonte. La tipologia impiegata per l’Isola Solare è a marchio Jodo di Atag Italia (200 e 250): il pannello piano è dotato di una superficie captante trattata con ossidi di titanio, per ottimizzare il recupero di energia solare. Eccoci alla caldaia, il cui accumulo posteriore “ha tre scambiatori di calore a fascio tubiero: quello inferiore è collegato al pannello solare termico, quello intermedio è collegato in serie sul ritorno dell’impianto di riscaldamento, il terzo ed ultimo nella parte superiore alla caldaia. La filosofia prevede l’utilizzo di un bollitore di particolare dimensione per ottimizzare la stratificazione  e, nel caso di utilizzo con impianti a bassa temperature, poter sfruttare l’energia solare anche per il preriscaldamento degli ambienti. Il generatore termico interverrà per la produzione dell’acqua sanitaria solamente nel caso di mancanza di energia solare, riscaldando solamente la parte superiore dell’accumulo.” La gestione di tutto il processo è affidata all’apparecchiatura elettronica di bordo caldaia che tramite valvole servocomandate permette l’ottimizzazione del recupero energetico del sistema e quindi un basso costo di gestione dell’impianto.

 

In effetti, la dimostrazione che l’Isola Solare sta fornendo in qualità di cellula tecnologicamente autosufficiente è ineccepibile, in particolare per quanto riguarda le parti della struttura dedicate al riscaldamento (l’impianto a pavimento Floor e il termoarredo classico). Come illustra l’ingegnere, “il protagonista è il collettore a stratificazione: grazie ad esso, si può – sfruttando la stratificazione e restando nel livello termico della caldaia – ottenere due livelli termici per alimentare un termoarredo e uno inferiore per il pavimento radiante. L’ottimale programmazione derivante dalla possibilità di accedere agli svariati parametri dell’apparecchiatura permette di ridurre i costi impiantistici, sfruttando le peculiarità del generatore termico che si potrà adattare a qualsiasi tipo di impianto  calibrando l’erogazione a seconda delle richieste”.

 

Arriviamo quindi alle applicazioni pratiche, in utenze industriali o private reali: una struttura come l’Isola, dotata di due pannelli, può addirittura risultare sufficiente per il fabbisogno di acqua calda sanitaria di una famiglia standard. “Il pannello fotovoltaico è monocristallino, quindi richiede la presenza effettiva dei raggi solari che colpiscono i cristalli di silicio, polarizzandoli e generando energia elettrica – specifica il nostro interlocutore – Più il sole è perpendicolare al pennello, maggiore è la resa di quest’ultimo: ecco perché è consigliabile posizionare il pannello sulla parte meridionale del tetto, inclinato in modo da ‘catturare’ al meglio i raggi solari”. Se possibile, ovviamente, l’ideale è coprire interamente il tetto dell’abitazione o dell’azienda con pannelli sia fotovoltaici che termici, attribuendogli una funzione attiva: “un investimento capace di ripagarsi in un tempo sorprendentemente breve, sia in termini economici sia – ancora più importante – ambientali”, precisa l’ingegnere.

L’Isola Solare si dimostra sempre più il frutto di un progetto estremamente orientato ad un’applicazione effettiva: “anche il cuore dell’Isola, la caldaia Q Solar, è una scelta decisamente vantaggiosa. Oltre alle sue caratteristiche intrinseche di modulo a condensazione con integrazione solare, che garantiscono la maggiore resa possibile con il minor consumo, e di conseguenza un abbattimento delle emissioni nocive, Q Solar è pensata per occupare poco spazio e basarsi su una struttura idraulica pre-montata a bordo”. Così si semplifica inoltre il lavoro del tecnico per l’installazione, la quale richiede solamente sette collegamenti idraulici e uno elettrico. “Questa soluzione è ideale anche per la multiutenza”, aggiunge l’ing. Altomonte: “basta sostituire alla caldaia singola prevista per l’Isola un impianto centralizzato contabilizzato a zona. Per questo nasce Q Solar Maxi, l’ampliamento della medesima tecnologia su scala superiore: la Q Solar Maxi da 120 Kilowatt è la risposta alle esigenze di ben 10/15 utenze”.

La medesima versatilità e utilità ad ogni livello appartiene anche ad uno dei co-protagonisti di questa applicazione, l’impianto a pavimento Floor di Atag Italia: la tipologia installata nell’Isola Solare è standard, anche per semplicità di fruizione da parte del pubblico professionale che assiste alle applicazioni dell’Isola nel caso di interventi formativi e promozionali; dal punto di vista pratico è inoltre altrettanto eccellente - specialmente nel caso di ristrutturazioni - il nuovo modello Floor 45, che condivide la medesima struttura impiantistica della versione standard ma in uno spessore molto più ridotto. Si tratta di un sistema di pavimento radiante studiato per tutte le situazioni in cui lo spessore disponibile per la realizzazione dell’impianto è limitato, evitando i limiti che caratterizzano gli impianti a pavimento a basso spessore del tipo “a secco” attualmente presenti sul mercato; inoltre, presenta eccellenti proprietà fonoassorbenti, riducendo drasticamente la trasmissione dei rumori da impatto. Il tutto in uno spessore di soli 4,5 cm!

 

Ecco la funzione dell’Isola Solare: rivelare come ogni prodotto a marchio Atag Italia si confermi efficiente e completo, assolutamente integrabile ad altre applicazioni tecnologiche all’avanguardia per un risultato sempre più avanzato a livello di resa e di risparmio energetico. “Ciò che l’Isola Solare fa in piccolo è concentrare la filosofia con cui realizziamo il ‘sistema Atag’: nella nuova sede aziendale di Peschiera di Garda, in provincia di Verona, è installato a dimensioni reali un complesso tecnologico altrettanto autosufficiente”. Con una caratteristica unica: sul mercato non ci sono alternative altrettanto complete e autonome, capaci di favorire il recupero del riscaldamento a partire dall’energia solare; in generale il solare termico è infatti sfruttato solo per la semplice produzione di acqua calda. Nelle parole dell’ingegnere, “l’Isola Solare, ispirata al ‘sistema Atag’, mostra con semplicità una via nuova e promettente per lo sviluppo tecnologico rispettoso dell’ambiente”. Una strada tutta da scoprire, grazie alla ricerca costante di Atag Italia.

 

A disposizione su richiesta, schede tecniche e immagini relative alle componenti tecnologiche citate nel testo:

-          Q Solar

-          Q Solar Maxi

-          Jodo

-          Floor

-          Floor 45.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl