Fabrizio Palenzona, Aeroporti di Roma, ecco il Leonardo da Vinci del futuro

Fabrizio Palenzona, Aeroporti di Roma, ecco il Leonardo da Vinci del futuro.

Persone Fabrizio Palenzona
Luoghi Cargo City, Roma, Mediterraneo, Singapore, Singapore
Organizzazioni Scott Wilson, Changi Airport International
Argomenti trasporti, aeronautica

27/set/2011 08.51.11 Phinet Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Fabrizio Palenzona, Aeroporti di Roma, con il piano di sviluppo 50 milioni di passeggeri nel 2020 e 100 milioni nel 2040. Nuova pista, nuove area d’imbarco, nuovi terminal, sostenibilità ambientale ed energia elettrica autoprodotta. L'obiettivo di Aeroporti di Roma è dotare il Mediterraneo di un rinnovato hub di riferimento, e divenire un polo di scambio di primaria importanza nel contesto Europeo

ADR sta lavorando al futuro dell'aeroporto "Leonardo da Vinci". La realizzazione delle nuove infrastrutture è programmata con precise cadenze temporali, per garantire negli anni un equilibrato rapporto tra domanda ed offerta e sostenere il costante miglioramento del livello di servizio offerto al passeggero.
Nella prima fase gli interventi sono previsti nell'attuale area aeroportuale; in una fase successiva, mediante l'acquisizione di nuovi terreni, è prevista l'espansione dello scalo a nord. Entro l'anno 2020 si prevede l'innalzamento della soglia di capacità dello scalo a 50 milioni di passeggeri/anno, per allineare il "Leonardo da Vinci" ai principali scali europei. Oltre al potenziamento dei piazzali di sosta aeromobili ed al completamento di una nuova pista di volo, sarà ampliato anche il sistema aerostazioni. Verrà realizzata l'area di imbarco A, direttamente collegata al Terminal 1, e saranno completate le aree di imbarco E ed F, e quindi il Terminal 4 e l'area di imbarco J, direttamente collegati al Terminal 3.

Sono in programma due nuovi sistemi di smistamento e controllo bagagli, uno a servizio del Terminal 1 ed uno a servizio del Terminal 3. Per facilitare l'accessibilità verrà introdotto un nuovo sistema di trasporto automatizzato GRTS (Ground Rapid Transit System) che collegherà i Terminal con il Parcheggio Lunga Sosta e l'area Cargo City.
Allo stesso tempo si sta provvedendo alla redazione del MasterPlan a Lungo Termine che prevede l'espansione nell'area a nord rispetto all'attuale individuando come orizzonte di Piano l'anno 2044. ADR, che nel coordinamento del progetto è affiancata dagli esperti di Changi Airport International (Singapore) stima la crescita del traffico aereo su Roma intorno ai 90-100 milioni di passeggeri/anno al 2044. L'eccellenza dei livelli di servizio raggiunta, fa dello scalo di Singapore il punto di riferimento del settore.
Il primo passo si è concluso, nel corso del 2010 con una gara internazionale che ha visto confrontarsi alcuni tra i principali raggruppamenti mondiali di engineering e pianificazione delle infrastrutture aeroportuali. La società anglo-americana Scott Wilson, leader a livello internazionale nel settore, si è aggiudicata l'appalto per la redazione del MasterPlan entro luglio 2012. Il progetto prevede una espansione dei confini del Leonardo da Vinci di ulteriori 1.300 ettari in aggiunta ai 1.600 attuali, e la realizzazione di una serie di infrastrutture di portata tale da ridisegnare completamente l'aeroporto. L'obiettivo di ADR è dotare il Mediterraneo di un rinnovato hub di riferimento, e divenire un polo di scambio di primaria importanza nel contesto Europeo.

In dettaglio lo sviluppo individua:

Nuovi Terminal per una superficie di circa 1milione di metri quadrati
100 uscite di imbarco di cui almeno il 70% dotate di loading bridge
Nuove piste di volo
140 nuove piazzole di soste per aeromobili
Un nuovo sistema di vie di rullaggio per consentire un agevole deflusso degli aerei
Nuove centrali tecnologiche tali da garantire 600 milioni di kwh/anno di energia elettrica autoprodotta
Una nuova stazione ferroviaria per il collegamento diretto con il centro di Roma ed una stazione di people mover automatico per agevolare il collegamento con i Terminal esistenti
Un nuovo sistema di strutture ricettive, terziarie, servizi e parcheggi

Il futuro aeroporto sarà dotato dei più moderni standard tecnologici e impiantistici, per raggiungere i più alti livelli di servizio da offrire ai passeggeri. Il progetto sarà sviluppato nel rispetto della sostenibilità ambientale, per realizzare un polo tecnologico a basso impatto emissivo.

FONTE: Aeroporti di Roma

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl