Una corsa di solidarietà attraverso la storia

29/set/2011 18.47.42 Clara Garcovich Events and Public Relations Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Si è svolta domenica 25 settembre la XIV edizione del Trofeo AIDO “Monica Giovanelli” – Gran Premio “Annalisa Gnutti”, che anche quest’anno ha visto Centro Porsche Brescia e Centro Porsche Brescia Città partner ufficiali della manifestazione.

E’ stata una giornata di sport e solidarietà, vissuta in un ideale clima di inizio autunno, quella che ha visto 96 auto storiche prendere il via alle 10.15 da Gardone Val Trompia per la gara di regolarità classica, con uno starter d’eccezione: Enzo Iacchetti. Circa 220 i chilometri percorsi dalla colorata carovana di auto che per celebrare il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia erano tutte verdi, bianche e rosse, eccezion fatta per una decina di auto azzurre, da sempre il colore dell’Italia nelle manifestazioni sportive, e tutte prodotte prima del 1961, anno del centenario dell’Unità d’Italia. Centro Porsche Brescia e Centro Porsche Brescia Città, main sponsor della manifestazione, hanno accompagnato la gara, presenti fin dalla partenza con un corner Porsche Design Driver’s Selection e sei auto in esposizione statica: Panamera Diesel, Panamera S Hybrid, Cayenne S Hybrid, 911 4S, 911 4S Cabrio e 911 2S, le ultime tre a disposizione dell’organizzazione durante l’intera giornata.

Suggestivo il percorso affrontato, che ha visto lo storico corteo insinuarsi per la Val Sabbia, scendendo fino ai piedi dei colli bresciani attraverso la splendida Franciacorta. Qui tutti i partecipanti si sono fermati per la pausa pranzo ospiti della famiglia Gussalli Beretta presso l’Azienda Agricola “Lo Sparviere” a Monticelli Brusati, dove li aspettava un buffet all’aperto. La competizione è ripresa nel pomeriggio costeggiando il Lago d’Iseo, e quindi con le splendide ed impegnative ascese, fitte di tornanti, al Passo Crocedomini e al Passo Maniva, rispettivamente a 1892 e 1800 mt. sul livello del mare.

Dopo una breve pausa in quota, le auto hanno ripreso il loro cammino verso l’arrivo che ha visto sfilare le 79 vetture ancora in gara sul traguardo di Sarezzo intorno alle 17.30. Ad aggiudicarsi la classifica generale è stato l’equipaggio composto da Andrea Vesco e Andrea Guerini su Fiat 508 Balilla del 1934, seguito al secondo posto da Ezio Salviato e Francesca Salviato su Lancia Aprilia del 1939 e al terzo da Michele Cibaldi e Andrea Costa su Gilco 1100 Sport del 1948. L’equipaggio della scuderia Saottini Auto composto da Biagio Capolupo e Beatrice Saottini su Porsche 356 1500 Speedster del 1954, assistito durante la gara da una Porsche Panamera S Hybrid con a bordo il meccanico specializzato del mondo Classic del Centro Porsche Brescia, Stefano Bazzoli, ha concluso al 66° posto.

La serata è terminata con una cena a base di spiedo ad Inzino dove si sono potute ammirare nuovamente tutte le vetture del Centro Porsche Brescia esposte alla partenza e si sono svolte le premiazioni dei vincitori con estrazione di omaggi per i partecipanti offerti dagli sponsor. Il sugello ideale, in un clima festoso e rilassato, per un evento che ha accomunato ideali diversi e, soprattutto, ha posto la sua attenzione sulle nobili finalità dell’AIDO, l’Associazione Italiana Donatori Organi Tessuti e Cellule, che dal 1973 opera con costanza e determinazione in questo delicato ambito.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl