ADR, Fabrizio Palenzona: arrivano oggi al Leonardo da Vinci, le Nazionali di basket in carrozzina

Aeroporti di Roma, Fabrizio Palenzona, le Nazionali di basket in carrozzina sfilano al Leonardo da Vinci.

Persone Dionigi Cappelletti, Lorenzo Molteni, Damiano Nicola, Clifford Fisher, Leonardo Da Vinci, Fabrizio Palenzona
Luoghi Palafijlkam, Roma, Italia, Europa, Spagna, Londra, Turchia, Regno Unito, Ostia
Organizzazioni Comitato Italiano Paraolimpico, INAIL
Argomenti sport

07/nov/2011 17.03.48 Phinet Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Aeroporti di Roma, Fabrizio Palenzona, le Nazionali di basket in carrozzina sfilano al Leonardo da Vinci. Italia, Gran Bretagna Spagna e Turchia prenderanno parte a “Road To London 2012”, il torneo internazionale che si svolgerà dall’8 al 10 novembre al Palafijlkam di Ostia.


E' stata la squadra Nazionale Turca di basket in carrozzina, all'aeroporto Leonardo Da Vinci a dare il via, oggi, all'arrivo in Italia delle quattro Nazionali (oltre all'Italia del neo CT Clifford Fisher, le altre partecipanti sono la Spagna e la Gran Bretagna), che prenderanno parte a “Road To London 2012”, il Torneo Internazionale di basket in carrozzina. L'evento, organizzato dal Comitato Italiano Paraolimpico, con il supporto di INAIL, della FIPIC e la collaborazione del XIII Municipio, si svolgerà dall'8 al 10 novembre al Palafijlkam di Ostia e sarà un importante banco di prova per testare queste quattro Nazionali, tutte già qualificate ai prossimi Giochi Paraolimpici estivi di Londra 2012. Riflettori ovviamente puntati sulla Nazionale italiana. “L'Italia a questo torneo internazionale ci arriva in forma e abbastanza preparata - ha detto Damiano Nicola, uno degli Azzurri, sbarcato all'aeroporto Leonardo Da Vinci insieme con Lorenzo Molteni, un altro atleta della Nazionale e con il vice allenatore, Dionigi Cappelletti - abbiamo nuovi stimoli, un nuovo Tecnico, abbiamo modo di dimostrare che la partita che abbiamo sbagliato con la Spagna agli Europei è stato un errore e ora vogliamo rifarci.”


E mentre si pensa ai pronostici, uno sguardo va anche al futuro. “L'obiettivo della manifestazione è quello che l'evento possa ripetersi ogni anno - tengono a sottolineare nello scalo romano alcuni addetti del Comitato Paraolimpico - quale sodalizi tra sport Paraolimpico e città di Roma, ossia un passo verso Roma Paraolimpica 2020.”

I due giocatori della Nazionale italiana, apparsi di buon umore e sorridenti, così come gli atleti della Nazionale Turca, appena giunti nello scalo romano sono stati accolti nelle Hall Arrivi dei Terminal 1 e 3 , in appositi desk predisposti dalla società di gestione, Aeroporti di Roma. Poi da qui tutti gli atleti e i team al seguito, costantemente assistiti dal personale aeroportuale, sono stati accompagnati fino all'uscita dei terminal, dove ad attenderli c'erano alcuni autobus dell'Esercito per il trasferimento a Ostia.

In serata sono giunti da Londra anche gli atleti di Gran Bretagna, attuale squadra campione d'Europa; altri giocatori ancora, sia di Spagna, sia della Nazionale italiana, invece, sono arrivati alla spicciolata da diverse città.

Le prime squadre che si affronteranno al Palazzetto dello Sport di Ostia, martedì prossimo alle 10:30, sono Italia e Turchia. Alle 16 sarà la volta di Gran Bretagna e Spagna; mercoledì alle 10:30 gli azzurri affronteranno la Spagna, nel pomeriggio scenderanno in campo Turchia e Gran Bretagna.


FONTE: Aeroporti di Roma

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl