Alcol detector direttamente in automobile

Questo delicato dispositivo, sarà montato in prossimità del guidatore e sarà in grado di rilevare il tasso alcolico senza che il suo rilevamento sia influenzato dal tasso alcolico degli altri passeggeri.

Luoghi Giappone, Ancona
Argomenti autoveicoli, trasporti

19/mar/2012 15.26.32 Andrea P Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

<!-- /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:"Times New Roman"; mso-fareast-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-font-family:"Times New Roman";} .MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-size:10.0pt; mso-ansi-font-size:10.0pt; mso-bidi-font-size:10.0pt;} @page WordSection1 {size:595.3pt 841.9pt; margin:59.55pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:35.45pt; mso-footer-margin:35.45pt; mso-paper-source:0;} div.WordSection1 {page:WordSection1;} -->

Auto usate Ancona. Tra le novità che con probabilità vedranno la loro applicazione nel prossimo futuro c’è quella dell’alcool test integrato all’abitacolo della macchina, in grado di rilevare il tasso di alcool dal fiato del conduicente e di bloccare il motore. Questo delicato dispositivo, sarà montato in prossimità del guidatore e sarà in grado di rilevare il tasso alcolico senza che il suo rilevamento sia influenzato dal tasso alcolico degli altri passeggeri. I test preliminari di questo innovativo apparecchio, saranno effettuati in Giappone nell’arco di tre mesi. Il sistema sarà munito anche di una telecamera che riprenderà il volto del conducente, che con un sofisticato software potrà anche esaminare le espressioni facciali del guidatore e incrociarle con quelle del tasso alcolico riscontrato. In questo modo, quando si avrà il superamento della soglia di sicurezza, il motore dell’auto tenderà a bloccarsi per evitare che quel guidatore possa mettersi alla guida.

Nel caso invece che la soglia non sia raggiunta, ma comunque si sia nei pressi, il sistema emetterà un segnale di messa in guadia nei confronti del guidatore.

Il protocollo di sperimentazione prevede diversi passaggi in cui il guidatore  dovrà effettuare il test in condizioni controllate. Questi risultati saranno poi trasmessi ad un computer che elaborerà i dati per trarne la migliore combinazione di applicazione possibile.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl