La Lancia contro l’arresto di Aung San Suu Kyi

19/dic/2008 16.29.53 Blog Network Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il logo del summit dei premi Nobel per la pace

Il logo del summit dei premi Nobel per la pace

Automobilismo e impegno sociale. Con Lancia è un binomio possibile. Non è passato inosservato il sostegno della Lancia all’ultimo summit dei premi Nobel per la pace che si è tenuto nei giorni scorsi a Parigi. Una mission principale: esprimere solidarietà a Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace 1991 che fin da giovanissima (è nata nel 1945) si è fatta notare per la strenua battaglia non violenta contro la dittatura nel suo paese: la Birmania.
Da 13 anni Aung San Suu Kyi è costretta agli arresti domiciliari e a Parigi, al nono summit presieduto da Walter Veltroni e Mikhail Gorbaciov, si è chiesta con forza e convinzione la sua scarcerazione.
Dal sito della Lancia si può accedere a una sezione in cui si può spedire il proprio messaggio di pace.  Per cercare di costruire un better world, un mondo migliore. Fa piacere che sia proprio una marca italiana a scendere in campo per una campagna del genere. Onore alla Lancia.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl