KALYPSO la benna per la raccolta rifiuti nei centri storici

Con una capacità di carico di 5 m3, la benna Kalypso è concepita come le attrezzature di raccolta tradizionali che si montano su telai stretti.

05/gen/2010 11.39.55 CITEF - Ufficio stampa di Ubifrance in Italia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il costruttore di mezzi e attrezzature per il trattamento dei rifiuti GILLARD ha realizzato e brevettato una benna per la raccolta dei rifiuti di nuova concezione. Per il suo concetto brevettato della massima sicurezza per l’operatore, abbinato alla garanzia, la benna Kalypso per veicoli leggeri rappresenta la soluzione ottimale per la raccolta dei rifiuti manuale o in container in strade strette e nei piccoli agglomerati urbani e nei centri storici.
 
 
 
 
 
 
 
 
La benna di raccolta Kalypso nata dopo due anni di ricerca, offre un rapporto resistenza/peso davvero ottimale. A differenza dei tradizionali cassoni che utilizzano da 6 a 9 martinetti idraulici di sollevamento, Kalypso ne utilizza solo 3 con conseguente miglioramento dell’affidabilità e riduzione del peso. Sfruttando questa caratteristica, GILLARD ha scelto di sostituire l’alluminio abitualmente utilizzato con l’acciaio, più pesante ma anche molto più resistente e ha rinforzato la resistenza di tutti i componenti che sono sottoposti a forti sollecitazioni, ad esempio le bielle, la pala, ecc.
 
Con una capacità di carico di 5 m3, la benna Kalypso è concepita come le attrezzature di raccolta tradizionali che si montano su telai stretti.
Il dispositivo di sollevamento di Kalypso può movimentare uno o due bidoni, da 60 a 1.100 litri, in un ciclo automatico o manuale in conformità con la norma 1501-5.
La scelta di utilizzare un materiale conforme a questa norma dimostra la volontà di garantire la sicurezza dell’operatore. Inoltre due radar rilevano eventuali intrusioni nella zona di manovra del dispositivo di sollevamento quando la base del bidone si porta ad un metro di altezza. In questo caso il ciclo di funzionamento in automatico viene interrotto e sono ammessi solo i cicli manuali.
 
La sicurezza viene ulteriormente potenziata dalla presenza di dispositivi di protezione laterali per garantire la completa sicurezza dell’operatore nell’area di manovra del dispositivo di sollevamento. In aggiunta, la pala, che nella fase di trasporto è abbassata, chiude la tramoggia di carico per evitare la fuoriuscita di rifiuti o polveri durante i percorsi di trasferimento.
 
E’ stato preso anche in considerazione il rischio di ribaltamento  e per evitarlo due martinetti meccanici automatici assicurano la stabilità della benna durante le fasi di svuotamento. Quando la benna è abbassata con la massima angolazione i martinetti risalgono automaticamente, consentendo di  muovere lentamente il veicolo per facilitare il deposito dei rifiuti al suolo.
 
 
Sul piano dell'ergonomia, Kalypso presenta una soglia di caricamento di circa 1,5 m che facilita le operazioni di raccolta nelle fasi di caricamento manuale. L'apertura della pala di compattazione per il caricamento manuale dei sacchi è comandata da un pulsante che disattiva automaticamente le cellule che rilevano la presenza di contenitori di raccolta per l’azionamento del  dispositivo di sollevamento . Quando nella fase di caricamento manuale la tramoggia è piena, con un semplice pulsante si può facilmente abilitare un ciclo di compattazione.
 
Gillard cerca rappresentanti locali per far conoscere i numerosi vantaggi di Kalypso.
 
 
Per maggiori informazioni: 
 
G. GILLARD SAS
Mme Nathalie GILLARD
Responsabile Export
Tel :  +33 (0)1 60 69 19 93
 
 
Contatto stampa :
 
Agenzia stampa CITEF di UBIFRANCE in Italia
Corso Magenta, 63 – 20123 Milano
Tel : 02 48 547 310 / Fax. 02 48 12 774
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl