Vino e Formazione Innovativa: il progetto della Dott.ssa Giorgia Pizzuti

Vino e Formazione Innovativa: il progetto della Dott.ssa Giorgia Pizzuti Il mutamento di prospettiva implicito nella proposta di un percorso insolito come quello dell'analisi sensoriale di un vino "obbliga" i partecipanti ad un corso di formazione, ad esprimersi, a comunicare, a prendere delle decisioni in assenza di precisi punti di riferimento favorendo così il superamento di un agire, sia professionale che non, basato esclusivamente su prassi ampiamente consolidate e solo raramente ridefinite, ridiscusse e per questo spesso disfunzionali.

15/gen/2010 15.24.24 TWT Team Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il mutamento di prospettiva implicito nella proposta di un percorso insolito come quello dell’analisi sensoriale di un vino ‘obbliga’ i partecipanti ad un corso di formazione, ad esprimersi, a comunicare, a prendere delle decisioni in assenza di precisi punti di riferimento favorendo così il superamento di un agire, sia professionale che non, basato esclusivamente su prassi ampiamente consolidate e solo raramente ridefinite, ridiscusse e per questo spesso disfunzionali.

Tra le varie esperienze formative finora realizzate “Comunicare Divinamente” rappresenta, attraverso l’introduzione alla tecnica della degustazione, uno splendido ed efficace allenamento sul processo comunicativo in generale e sulla natura emozionale e polisensoriale di ogni forma di comunicazione in particolare.

Degustare significa, infatti, “tradurre un'esperienza soggettiva in un'esperienza oggettiva attraverso un linguaggio comune” (E.Peynaud), imparare a  leggere le caratteristiche del vino, il testo, a decodificarne il messaggio per poi tradurlo in un linguaggio condiviso e condivisibile. Per far ciò occorre utilizzare una terminologia specifica acquisita nel tempo, con fatica, come le prime lettere dell’alfabeto, come le prime parole. Solo se conosciamo i simboli del codice organolettico del vino possiamo, infatti, imparare a comprenderlo e poi comunicarlo; viceversa esso rimane oggetto sconosciuto, certamente affascinante ma pur sempre indecifrabile, come quando noi, o chi comunica con noi, utilizza termini, significati mai esplicitati, mai condivisi. Come per degustare un vino non è sufficiente saper bere, così per comunicare efficacemente non basta saper parlare.

I percorsi formativi di Giorgia Pizzuti, sono presentati da TWT TEAM, leader in Italia della formazione esperenziale e sono stati progettati per una platea aziendale che voglia formarsi sui processi della comunicazione attraverso uno strumento alternativo legato all’esperienza piuttosto che ad una sessione formativa tradizionale.

 

Per informazioni rivolgersi a:

info@twt-team.it  oppure giorgia.pizzuti@fastwebnet.it  formazione@giorgiapizzuti.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl