“L’IMPRESA AGRICOLA SFIDA LA CRISI”

"L'IMPRESA AGRICOLA SFIDA LA CRISI" Imola, 21 gennaio 2010 - " Le sfide dell'Impresa agricola" è il titolo del convegno organizzato dalla CIA ieri mattina presso la sala convegni della camera di commercio di Imola.

21/gen/2010 15.42.25 Luca Comellini Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Imola, 21 gennaio 2010 - “ Le sfide dell’Impresa agricola” è il titolo del convegno organizzato dalla CIA ieri mattina presso la sala convegni della camera di commercio di Imola.

Il convegno, che ha riscosso molto interesse e  ha radunato un vasto pubblico di imprenditori agricoli, ha affrontato diverse tematiche a partire dalle strategie per superare la crisi. Le argomentazioni si sono concentrate in particolare su tre aspetti fondamentali: l’aggregazione, il marketing e le banche.

Gli interventi del Professor Roberto della Casa, dell’università di Bologna, polo di Forlì, e dell’avvocato Gianni Ponti hanno voluto indicare possibili forme aggregative, diverse da quelle tradizionali, partendo dal presupposto che le imprese agrarie presenti sul territorio, possono trarre notevoli convenienze effettuando lavorazioni (raccolta, trapianti, potatura ecc. ) e commercializzazioni in forma cooperativa ed aggregativa.

“Le imprese agricole devono interessarsi a conoscere i bisogni e le esigenze del mercato, in modo da adeguare l’offerta dei prodotti alle esigenze del mercato stesso, e attuare tecniche efficaci e competitive di determinazione del prezzo, questo non sempre avviene  proprio perché si perde di vista  un aspetto fondamentale del marketing, cioè l’analisi, la programmazione e il controllo di progetti volti a portare a compimento obbiettivi di mercato.”

 Al vicedirettore del mercato di Treviso Massimo Minotto, il  compito di presentarci la realtà dei mercati del nord-est, cercando di fotografare la situazione degli ortofrutticoli  I. G. P e D. O. P della regione Veneto. L’intervento si propone in particolare di valutare i percorsi dei due prodotti radicchio rosso tardivo I.G.P e ciliegia di Marostica I.G.P, cercando di dimostrare la validità di questi riconoscimenti soprattutto per i produttori.

L’intervento del Dottor Gianluca Ceroni, dirigente dell’area di credito della BCC Ravennate e Imolese, ha illustrato gli strumenti finanziari a disposizione delle imprese per far fronte alla crisi. In particolar modo si è illustrata la possibilità di slittamento della quota capitale dei prestiti e mutui in corso per un anno e la possibilità di accedere a prestiti a conduzione a tasso agevolato, con abbattimento del tasso da parte della Regione.

Nel pomeriggio il convegno si è  concluso con diversi incontri di approfondimento a cura dell’Avv. Gianni Ponti, di Dario Grandi, responsabile area consulenza e progetti della CIA, e del dottor Gianluca Ceroni che ha risposto a domande inerenti tematiche finanziare e di credito.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl