Le collaborazioni industriali nell’aeronautica attirano le imprese internazionali in Francia

Questo settore, caratterizzato da una forte connotazione internazionale (il 40% dei componenti di un Airbus A-380 è fabbricato negli Stati Uniti), offre molteplici esempi di cooperazioni transnazionali come illustra la joint venture franco-americana CFM International, che associa le società General Electric e Secma per la produzione dei motori CFM56, che equipaggiano oltre il 50% degli aerei commerciali venduti nel mondo nel corso degli ultimi 10 anni.

01/mar/2010 11.18.42 CITEF - Ufficio stampa di Ubifrance in Italia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Febbraio 2010 – Con un fatturato di circa 37 miliardi di Euro (2008), 134.000 dipendenti e 2,4 miliardi di Euro di spese per R&S, l’industria aeronautica e spaziale francese occupa una posizione importante tra i paesi europei.
 
Grazie alla presenza storica di Airbus, l’aeronautica francese ha sviluppato un tessuto di imprese specializzate nelle attrezzature aeronautiche di prim’ordine. Questo settore, caratterizzato da una forte connotazione internazionale (il 40% dei componenti di un Airbus A-380 è fabbricato negli Stati Uniti), offre molteplici esempi di cooperazioni transnazionali come illustra la joint venture franco–americana  CFM International, che associa le società General Electric e Secma per la produzione dei motori CFM56, che equipaggiano oltre il 50% degli aerei commerciali venduti nel mondo nel corso degli ultimi 10 anni.
 
 
 
 
 
 
La componentistica nel settore aeronautico è rappresentata da industrie di altissima tecnologia che realizzano un fatturato di più di 10 miliardi di Euro e occupano 80.000 persone. Lo spettro delle competenze è molto vasto e va dai motori (Safran), all’elettronica di bordo (Thalès Avionics), la radio navigazione (Safran e Thalès), l’allestimento interno degli aerei civili (C&D Europe, Camel Diam), i sistemi d’armamento e missilistici degli aeri militari (EADS, Thalès), i treni di atterraggio (Messier-Dowty, Hispano-Suiza),...
 
In questo settore è in atto un fenomeno di raggruppamento delle PMI attraverso partnership incrociate: in occasione dell’ultimo Salone Internazionale dell’Aeronautica e dello Spazio di Parigi – Le Bourget, esponevano nello stesso padiglione numerose PMI, quali Meca’Com, AeroTeam, Induxial, Ingéliance. Questa capacità di accomuncare le reciproche competenze contribuisce a dare un fattore essenziale dell’attrattività che la Francia esercita sugli investitori esteri.
 
Il settore della componentistica è anche fortemente impegnato sul fronte dell’utilizzo dei materiali compositi, in particolare dei polimeri che verranno usati per la costruzione delle ali destinate alle future generazioni di aerei. La società giapponese Toray ha aperto una nuova unità produttiva in Francia, Toray Films Europe, dedicata alla fabbricazione di film di polipropilene bistirati, un tempo fabbricati negli Stati Uniti. Il costruttore aeronautico Spirit AeroSystems, con sede negli Stati Uniti, ha iniziato il 1° ottobre 2009, a Montoir-de-Bretagne, nella Loira-Atlantica, la costruzione di uno stabilimento per l’assemblaggio di pezzi compositi con un investimento di diverse decine di milioni di euro.
 
La legge di programmazione del 3 agosto 2009 relativa all’attuazione della  “Grenelle de l’environnement”, la cosidetta «Grenelle I», indica come obiettivi di sviluppo sostenibile del settore aereonautico, entro il 2020, la riduzione per passeggero/km del 50% del consumo di carburante, dell’80% delle emissioni di ossido di carbonio e del 50% del rumore percepito. La questione ambientale impone a questa industria nuove sfide tecnologiche che saranno di stimolo alla R&S.
 
Ulteriori punti di forza a favore dell’attrattività R&S dell’aeronautica, i cluster, chiamati in Francia Poli di Competitività: Aerospace Valley (nelle Regioni dell’Aquitaine e del Midi-Pyrénées), con 94.000 posti di lavoro di cui 8.500 ricercatori,  conta tra i suoi associati un numero considerevole di gruppi internazionali, fra i quali EADS, Freescale Semiconductors, Goodrich, Honeywell, Rockwell Collins, Siemens. ASTech Paris Région (Ile-de-France) che rappresenta 100.000 posti di lavoro nel settore aeronautico fra cui il più alto numero di posti di lavoro nel settore R&S in Francia, associa società importanti quali Dassault Aviation, Safran, Astrium. Pégase (Provenza – Alpi – Costa Azzurra), con 35.000 posti di lavoro, di cui il 30% nella ricerca, è specializzata nell’Aeronautica dello Spazio e riunisce più di 250 imprese.
 
«La Francia vanta un tessuto di imprese specializzate nei componenti e insiemi aeronautici di primissimo ordine in Europa, grazie alla presenza storica di Airbus e alla recente creazione di strutture collaborative (clusters e nuove forme di raggruppamenti di imprese). Questa capacità di mettere in comune le reciproche competenze costituisce un fattore essenziale dell’attrattività che la Francia esercita sugli investitori esteri.», precisa David Appia, Presidente dell’AFII.
 
L’Agenzia francese per gli investimenti internazionali (AFII) è l’agenzia nazionale che provvede a promuovere, ricercare ed accogliere gli investimenti internazionali. L’AFII facilita la realizzazione del vostro progetto in Francia ed è l’organismo economico di riferimento per l’attrattività e l’immagine della Francia. L’Agenzia dispone di una rete operativa a livello internazionale, nazionale e territoriale. L’AFII  opera in stretta collaborazione con le agenzie regionali per lo sviluppo economico per offrire agli investitori internazionali servizi personalizzati. Per maggiori informazioni, scrivere a monique.trapenard@investinfrance.orgo visitare il sito: www.afii.fr
 
 
Contatti:
AFII - Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali - Milano
Dott.. Hervé Pottier  - Direttore
Via Cusani, 10 – 20121 Milano
Tel.  02 72 02 25 43
Fax  02 87 66 12  
 
Contatto stampa: 
Agenzia Stampa CITEF di UBIFRANCE in Italia                      
Corso Magenta, 63 – 20123 Milano
Tel. 02 48 547 310 / Fax. 02 48 12 774
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl