pubblica

21/mar/2005 20.39.44 Connecting-Managers Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
“L’ARTE E’ SERVITA”, seminario di Art Business organizzato da Connecting-Managers
 

Gli aspetti della nostra quotidianità sono sempre più legati al marketing, lo stesso che negli anni ha però ignorato alcune vie, forse perché più insidiose, come quelle dell’arte e della cultura. Troppo spesso i manager, torchiati dall’alto, si mettono in gioco per risultati a breve termine, senza quella lungimiranza che solo poche aziende, “illuminate”, hanno dimostrato d’avere.

Chi non conosce le collezioni di “Illy Caffè” o le sue campagne pubblicitarie, tutte firmate da grandi artisti?

Dall’eloquenza di quest’esempio si dipanano poi svariate opportunità d’approccio aziendale alla cultura: c’è la società che promuove la propria immagine appoggiandosi ad artisti, affermati o anche emergenti, ma c’è pure quella che affida direttamente a loro il design per un un nuovo prodotto, anteponendo questi nuovi esteti ai più “tradizionali” architetti.

L’Experiential Marketing, è questa la nuova arena della comunicazione dove l’immagine dell’imprenditore tradizionale si evolve in quella più colorita di un mecenate postmoderno, venditore d’esperienze uniche, spesso impalpabili e per questo ancor più affascinanti. Oggi non si acquista più il mero prodotto, bensì tutto il mondo di significati in cui esso orbita.

Ecco allora che un marchio, già di per sé contenitore di creatività, ne diventa anche un promotore.

Le fondazioni bancarie sono state, per certi versi, le pioniere di questa tendenza ad investire in opere d’arte e beni dall’elevato valore artistico e culturale, ma l’opportunità di raggiungere nuovi mercati attraverso la benemerenza sociale ha spinto anche le aziende private a muoversi in tal senso: si tratta di una scelta che genera, tanto per loro quanto all’intera collettività, un indiscutibile valore aggiunto.

Su di questo scenario si è rivolto pure l’occhio attento di Connecting-Managers, che per il 30 marzo ha organizzato il 1° Seminario di Art Business. L’evento si svolgerà all’interno dell’Asolo Golf Club in provincia di Treviso, dove si parlerà d’arte intesa come possibile strategia aziendale, il tutto passando per l’Art Banking, o spiegando - ad esempio - i motivi per cui è meglio investire in arte contemporanea piuttosto che in quella classica.Fra i tanti relatori della serata ricordiamo:  Francesca Romana Corradini responsabile settore cultura MC Service, Mino Mazzocato(Associazione Bianca), Andrea Perugi (Galleria Perugi Arte Contemporanea)

Andrea Zanforlin (Marketing Consultant),  Luigi Fusco, Presidente della Sezione Triveneto del Club del Marketing e della Comunicazione, Valentina Durante (Coordinatrice e Ricercatrice dell’ OSSERVATORIO MODA SPORT SYSTEM.

Alla manifestazione sarà presente anche la Sezione Campania del Club del Marketing e della Comunicazione con il presidente Francesco Violi ed vice presidente Leonardo Lasala che porteranno i saluti di tutta la neonata Sezione Campania.

Seguirà infine il classico Marketing Relazionale che servirà a tutti per  favorire la nascita di nuove collaborazioni professionali,per  socializzare e  per moltiplicare le opportunità di business e di lavoro.

 

Marco Bianchin

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl