Case in legno: nasce un villaggio ecosostenibile alle porte di Udine

29/giu/2010 13.59.51 digitalpress Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Stratex e Carlo Colombo realizzeranno il primo villaggio in legno in Friuli Venezia Giulia costruito come sistema ecosostenibile. Un modello abitativo confortevole composto da un numero contenuto di case in legno indipendenti ed unità abitative plurime di design.

Nascerà alle porte di Udine nel comune di Pasian di Prato il primo villaggio in legno ecosostenibile e di design Il progetto è stato voluto e ideato dalla Stratex Spa di Sutrio e porta la firma dell'architetto Carlo Colombo che da anni collabora con l'azienda di Sutrio specializzata in case in legno per l'edilizia sostenibile e grandi strutture in legno lamellare.
Il villaggio si caratterizza per l'innovazione sia degli aspetti architettonici che tecnici, entrambi volti a creare ambienti in grado di garantire il massimo comfort abitativo.
Il complesso residenziale prevede la realizzazione di diverse unità immobiliari suddivise urbanisticamente in 3 settori: nel primo settore saranno realizzate 6 ville singole, nel settore centrale troveranno collocazione 8 villette a schiera suddivise in due blocchi simmetrici di 4 unità ciascuno, il terzo settore ospiterà 3 palazzine di cui una adibita ad uso commerciale e due a residenza con appartamenti di vario taglio e metratura, per un massimo di 5 unità abitative ciascuna.
Le linee architettoniche esprimono il tratto identificativo delle opere firmate da Carlo Colombo e già apprezzate nella creazione della “Concept house” per la linea Stratex Livingcase in legno minimaliste con forme molto pulite e con un gusto particolarmente moderno e allo stesso tempo mnemonico.
Il villaggio risulta estremamente armonioso ed integrato con l'ambiente circostante dove predominano gli spazi verdi. L'integrazione paesaggistica è esaltata dall’uso di coperture a falde inclinate, ampie vetrate, materiali di rivestimento naturali come le doghe di legno, che richiamano la vera essenza e l’innovazione con cui questo progetto si distingue.
Per la totalità delle sue strutture portanti e non, infatti, il complesso verrà costruito interamente in legno, con particolare attenzione quindi ai fattori di eco sostenibilità, rispetto per l’ambiente e utilizzo di energie rinnovabili. Tutta l'impiantistica è inglobata nelle pareti. Per il riscaldamento si è scelta una soluzione a pavimento con caldaie a condensazione integrate da impianti a pannelli solari e fotovoltaici. Ogni unità abitativa avrà una propria autonomia energetica.
Anche dal punto di vista urbanistico, il villaggio nasce con criteri di sostenibilità abitativa ed integrazione nel paesaggio e nel contesto urbano preesistente. Il “sistema villaggio” prevede una serie di infrastrutture tra cui una viabilità interna principale collegata con la strada comunale, una successiva filatura alberata a “protezione” della pista ciclopedonale, parcheggi sia lungo la strada principale interna ad uso pubblico di pertinenza degli utenti delle case in legno, sia laterali ad utilizzo degli utenti degli uffici e degli spazi commerciali.
All’interno di questo complesso sorgerà un’area verde attrezzata ad utilizzo pubblico, ricavata al centro delle 3 palazzine condominiali.



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl