BB&T presenta la relazione sugli UPA del secondo trimestre equivalenti a US$,30, un rialzo del 50%; utili totali per azione US$,33 escluse le spese di fusione

26/lug/2010 14.52.34 Pr NewsWire Aziende Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
BB&T presenta la relazione sugli UPA del secondo trimestre equivalenti a US$,30, un rialzo del 50%; utili totali per azione US$,33 escluse le spese di fusione

WINSTON-SALEM, North Carolina, July 26, 2010/PRNewswire/ --

- BB&T liquida 682 milioni di dollari in investimenti in difficoltà



BB&T Corporation (NYSE: BBT) oggi ha presentato gli utili per il secondo
trimestre del 2010. Il reddito netto disponibile per i possessori di azioni
ordinarie equivaleva a 210 milioni di dollari, o US$,30 per azione ordinaria
diluita, contro i 121 milioni di dollari, o US$,20 per azione ordinaria
diluita, del secondo trimestre del 2009. Questi risultati riflettono rialzi
del 73,6% e del 50,0%, rispettivamente. I risultati includono 38 milioni di
dollari, o US$,03 per azione, di spese legate alla fusione.



"Le aziende principali di BB&T hanno continuato a registrare utili forti
nel secondo trimestre," afferma Kelly S. King, Presidente e Amministratore
Delegato. "In particolare, abbiamo assistito a una ripresa nei finanziamenti,
con 17,5 miliardi di dollari in spese di apertura di questo trimestre contro
i 15,4 miliardi di dollari del primo trimestre. La crescita è condotta dai
finanziamenti per l'acquisto dell'auto principale, i prestiti alle imprese e
le ipoteche di prima iscrizione. Abbiamo anche avuto una crescita dei ricavi
netti del 6,4% su base annuale rispetto al primo trimestre, esclusi i
guadagni sui titoli e l'utile derivato dall'accordo loss-share FDIC.



"Inoltre, abbiamo attuato con successo una strategia per accelerare la
liquidazione di investimenti in difficoltà," dice King. "I nostri obiettivi
principali per la strategia sono ridurre l'esposizione della società a
investimenti improduttivi e ridurre o eliminare qualsiasi ritardo derivante
dal ciclo creditizio. Il nostro piano a lungo termine ha sempre previsto la
vendita degli investimenti in difficoltà per migliorare la determinazione dei
prezzi. All'inizio del secondo trimestre, abbiamo raggiunto un punto di
flesso e abbiamo avuto un numero superiore di offerenti e valutazioni più
accettabili per gli investimenti in difficoltà. Di conseguenza, abbiamo
liquidato 682 milioni di dollari di investimenti in difficoltà, abbassando il
nostro rischio in bilancio e facendo progressi significativi nel
raggiungimento degli obiettivi della strategia.



"Infine, questo trimestre siamo riusciti a completare la conversione dei
sistemi Colonial, la più grande nella storia della nostra società.
Probabilmente si è trattato della migliore esecuzione di acquisizioni della
nostra storia, abbiamo infatti ottenuto una risposta quasi totalmente
positiva da clienti e dipendenti di Colonial."



L'analisi trimestrale include:
-- Vantaggi significativi ottenuti dalla strategia di liquidazione NPA e
un credit outlook stabile
-- Riduzione del 3,1% degli investimenti improduttivi, la prima
riduzione dal primo trimestre del 2006
-- Il rapporto riserva per perdite su prestiti e locazioni a prestiti
improduttivi per investimenti, esclusi i prestiti coperti, ha
raggiunto il 98% al 30 giugno contro il 93% al 31 marzo
-- Gli indicatori del credito nella fase iniziale mostrano segni
continui di miglioramento
-- Le cancellazioni nette, esclusi i prestiti coperti, hanno
raggiunto il 2,66% per il trimestre, incluse cancellazioni per 148
milioni di dollari associate alla strategia di liquidazione NPA.
Escludendo queste perdite e i prestiti coperti, le cancellazioni
nette sono state del 2,06% nel trimestre
-- Gli accantonamenti per rischi su crediti sono diminuiti del 7,3%
nel secondo trimestre rispetto allo stesso periodo del 2009.

-- Il reddito gestione denaro per il secondo trimestre è salito del 19,5%
rispetto al secondo trimestre del 2009
-- Il margine d'interesse netto è salito del 4,12% per il secondo
trimestre, un aumento di 56 punti base rispetto al secondo
trimestre del 2009 e di 24 punti base rispetto all'ultimo
trimestre
-- Il margine dell'attuale trimestre è il più forte registrato in BB&T
dal 2003
-- L'aumento del margine è dovuto principalmente ai maggiori
rendimenti sui prestiti acquisiti e ai minori costi di deposito
-- Il margin outlook del 2010 migliora secondo la valutazione dei
flussi di cassa derivanti dai prestiti acquisiti eseguita nel
secondo trimestre
-- Circa l'80% dell'aumento del margine dai prestiti coperti è
compensato come una riduzione di altri redditi generali
-- La migliore prestazione in prestiti acquisiti sarà condivisa con
FDIC in conformità ai termini degli accordi di loss-share

-- La riduzione della leva finanziaria in bilancio ha prodotto guadagni e
ha fornito un'ulteriore flessibilità in bilancio
-- BB&T ha venduto 8,0 miliardi di dollari di titoli, al netto degli
acquisti, e ha registrato guadagni netti di 219 milioni di dollari
nel trimestre
-- Il nostro obiettivo dichiarato per i titoli è del 15-20% di
immobilizzazioni produttive e di titoli con leva finanziaria
ridotta fino al 18,1% di immobilizzazioni produttive
-- Raggiungimento di un mix migliore di immobilizzazioni produttive
-- Miglioramento significativo della posizione "asset sensitive"
-- Miglioramento della posizione del capitale di BB&T

-- La media dei depositi clienti aveva raggiunto il 18,9% nel secondo
trimestre rispetto al secondo trimestre del 2009, incluse le aperture
di conti più forti presso le filiali Colonial
-- I conti clienti ordinari netti sono aumentati del 68,1% su base
annuale legata al trimestre, incluso l'impatto di Colonial
-- Il mix depositi ha continuato a migliorare con una crescita media
del 25,3% sui conti di deposito infruttiferi e una crescita media
del 46,3% sui conti fruttiferi
-- La media dei certificati di deposito clienti è aumentata
dell'11,0% rispetto all'anno scorso
-- Su base trimestrale, i conti ordinari hanno raggiunto un 18,8%
all'anno
-- Il costo sui depositi e il mix depositi ha continuato a crescere

-- La media dei prestiti e delle locazioni totali medi è aumentata del
4,4% per il secondo trimestre rispetto allo stesso periodo nel 2009
-- La crescita derivante dai prestiti acquisiti tramite
l'acquisizione Colonial, un aumento del 9,4% nei prestiti medi dal
gruppo specializzato in finanziamenti della BB&T, un aumento del
6,8% sui finanziamenti medi sulle vendite e un aumento dell'11,1%
sui prestiti relativi a crediti rotativi
-- I prestiti commerciali sono scesi del 2,5% riflettendo una
riduzione di 2,1 miliardi di dollari sulle acquisizioni
residenziali, su sviluppo e costruzione e una minore richiesta
complessiva di prestiti commerciali.
-- Su una base trimestrale, i prestiti medi per l'investimento sono
aumentati del 2,6% annuo, escludendo la riduzione del portafoglio
ADC e i prestiti acquisiti da Colonial

-- I livelli del capitale di BB&T sono migliorati al 30 giugno rispetto
quelli al 31 marzo
-- Il capitale ordinario materiale è passato al 7,0% dal 6,4%
-- Il tasso ordinario di classe 1 è passato all'8,9% dall'8,6%
-- Il tasso del capitale basato su rischi di classe 1 è passato
all'11,7% dall'11,6%

-- La crescita dei ricavi netti, esclusi i guadagni (perdite) su titoli e
il reddito da loss-share FDIC, era del 6,4% nel secondo trimestre su
base annuale rispetto al primo trimestre del 2010
-- I risultati prima delle imposte e prima degli accantonamenti per
le azioni ordinarie è stato di 885 milioni di dollari per il
trimestre


BB&T risponde alla legislazione di riforma finanziaria industriale


Questa settimana il Presidente ha firmato l'ampia legislazione che avrà
conseguenze fondamentali su tutto il sistema finanziario americano. Sebbene
BB&T sostenga molte sezioni della legislazione, d'altra parte siamo
preoccupati per l'incertezza a essa legata e per il potenziale di conseguenze
non intenzionali.



"In termini di impatto legislativo su BB&T, il nostro modello aziendale è
tuttora quello della tradizionale banca commerciale, pertanto tanti
provvedimenti avranno un impatto minimo o inesistente su di noi," dice King.
"Sebbene all'inizio avremo un moderato aumento dei costi e una riduzione dei
ricavi in alcune aree, applicheremo adeguatamente le disposizioni della legge
e ci aspettiamo una conseguenza minima sulla nostra prestazione a lungo
termine. Ci aspettiamo alcuni cambiamenti su prodotti e servizi che offriamo
e ridurremo al minimo qualsiasi conseguenza sui clienti. Continueremo a
concedere i migliori prestiti possibili e ci dedicheremo al finanziamento
della crescita economica nei nostri mercati."



La valutazione dei prestiti acquisiti indica continui risultati superiori
alle aspettative


Dopo aver completato la valutazione del secondo trimestre dei flussi di
cassa sui prestiti acquisiti, BB&T ha stabilito che i prestiti continuano a
superare le aspettative. La valutazione, unitamente ai risultati della
valutazione del primo trimestre, ha evidenziato un ulteriore reddito da
interessi di 100 milioni di dollari nel secondo trimestre. L'aumento deriva
principalmente dalle migliori aspettative per i flussi di cassa. La
valutazione ha anche rivelato un'ulteriore svalutazione minima su alcuni
prestiti, controbilanciata dai ritorni su altri prestiti risultanti in uno
storno di 2 milioni di dollari in accantonamenti per perdite su prestiti e
locazioni. Circa l'80% sia di storni per accreditamenti e accantonamenti è
compensato tramite l'utile infruttifero ed esigibile FDIC dovuto alle
clausole degli accordi loss-share FDIC.



I ricavi infruttiferi sono aumentati del 4,6%


I ricavi infruttiferi sono aumentati di 46 milioni di dollari o di 4,6%,
nel secondo trimestre del 2010 rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso,
principalmente grazie all'aumento di 200 milioni di dollari in ricavi su
titoli, controbilanciati da una riduzione di 74 milioni di dollari in ricavi
su mutui bancari e una riduzione di 78 milioni di dollari in ricavi
infruttiferi che riflettono una riduzione dell'80% in esigibili previsti da
FDIC grazie a una migliore prestazione del prestito acquisito.



BB&T ha guadagnato 110 milioni di dollari in proventi da mutui nel
secondo trimestre del 2010, un aumento del 94,6% annuale, rispetto al primo
trimestre del 2010, ma una diminuzione del 40,2% rispetto al secondo
trimestre dell'anno scorso. L'aumento dell'utile da mutui bancari del primo
trimestre è dovuto principalmente a un aumento dell'attività di
rifinanziamento dovuto ai migliori tassi di interesse. BB&T ha speso 5,0
miliardi di dollari di prestiti ipotecari durante il secondo trimestre del
2010 contro i 4,8 miliardi di dollari in aperture del primo trimestre e 8,5
miliardi di dollari nel secondo trimestre dell'anno scorso.



Le operazioni assicurative di BB&T hanno prodotto ricavi trimestrali
record di 287 milioni di dollari nel secondo trimestre del 2010, il 2,1% in
più rispetto al secondo trimestre del 2009. Gli utili assicurativi sono
aumentati del 53,9% su base annuale rispetto al primo trimestre di
quest'anno.



Gli oneri e le commissioni legati a bancomat o a prodotti non oggetto di
deposito sono aumentati del 22,8% e del 18,9% rispettivamente, rispetto al
secondo trimestre del 2009. L'aumento degli oneri da bancomat è dovuto
principalmente al maggior uso da parte di clienti esistenti e nuovi. La
crescita degli oneri e commissioni legati a prodotti non oggetti di deposito
sono dovuti principalmente all'aumento dei ricavi legati ai finanziamenti
commerciali. Gli oneri di servizio sui conti deposito ammontavano a 164
milioni di dollari nel secondo trimestre del 2010, una riduzione del 2,4%
rispetto allo stesso trimestre del 2009. La riduzione è dovuta principalmente
a una modifica nelle politiche sugli scoperti di BB&T. I ricavi su consulenze
per fondi e investimenti sono aumentati del 18,2% per lo stesso periodo
grazie alle migliori condizioni del mercato e a un aumento nella gestione
patrimoniale guidato da Sterling Capital Management.



Gli altri utili infruttiferi ammontavano a (2 milioni di dollari) durante
il secondo trimestre del 2010, contro i 42 milioni di dollari dello stesso
periodo nel 2009. La riduzione di 19 milioni di dollari è dovuta a riduzioni
legate al mercato dei beni intercambiabili per coperture del TFR compensate
da una riduzione simile nella spesa per il personale e 20 milioni di dollari
per perdite legate ai clienti e per ridotti guadagni sulle compravendite alla
Scott & Stringfellow.



L'aumento delle spese generali è dovuto principalmente all'acquisizione
di Colonial e all'aumento dei costi sul credito


I costi generali della BB&T sono saliti a 319 milioni di dollari, il
27,0%, nel secondo trimestre del 2010 rispetto allo stesso periodo del 2009.
L'aumento include 180 milioni di dollari in ulteriori costi di manutenzione,
perdite nette dalle vendite e svalutazioni sul valore di proprietà pignorate;
39 milioni di dollari in spese legate alla fusione; e 36 milioni di dollari
in guadagno sull'estinzione del debito registrato al secondo trimestre del
2009. Questi aumenti sono stati parzialmente compensati con flessioni di 19
milioni di dollari per la spesa da copertura del TFR compensata da una
riduzione dell' utile infruttifero; 15 milioni di dollari per spese del piano
pensionistico e una spesa di 71 milioni di dollari legata alla valutazione
speciale FDIC ottenuta nel secondo trimestre dell'anno scorso. Esclusi queste
voci e le spese legate all'acquisizione Colonial di circa 125 milioni di
dollari, i costi generali sono saliti di circa il 4% rispetto al secondo
trimestre dell'anno scorso.



Webcast sugli utili, presentazione e Riepilogo sulla Prestazione
Trimestrale


Per ascoltare un webcast dal vivo della teleconferenza sugli utili del
secondo trimestre di BB&T di oggi alle 8 (ET), visitare il nostro sito
http://www.BBT.com. Durante la teleconferenza sugli utili sarà utilizzata una
presentazione disponibile sul nostro sito. Sul sito della BB&T saranno
disponibili delle registrazioni della teleconferenza fino a giovedì 5 agosto,
oppure chiamando il +1-888-203-1112 (codice di accesso 4313363) fino a
martedì 27 luglio.



Per accedere al webcast e alla presentazione, oltre che a un'appendice
che include tutte le informative non-GAAP, visitare il sito
http://www.BBT.com e fare clic su "About BB&T", quindi passare a "Investor
Relations." Il link al webcast si trova alla sezione "Webcasts" e la
presentazione alla sezione "View Recent Presentations".



Il Riepilogo della Prestazione Trimestrale del secondo trimestre 2010 di
BB&T che contiene i programmi finanziari dettagliati, è disponibile sul sito
della BB&T http://www.BBT.com/financials.html.



La BB&T


Al 30 giugno, la BB&T era una delle 10 società finanziarie più estese
esistenti negli Stati Uniti con un patrimonio di 155,1 miliardi di dollari e
una capitalizzazione in borsa di 18,2 miliardi di dollari. Dalla sua sede di
Winston-Salem, N.C., la società gestisce circa 1.800 centri finanziari in 12
stati e a Washington, D.C. e offre un'ampia gamma prodotti bancari
commerciali e per privati, brokeraggio titoli, gestione patrimoniale,
prodotti e servizi ipotecari e assicurativi. Una delle 500 società elencate
dalla rivista Fortune, BB&T ottiene continui riconoscimenti per la chiara
soddisfazione dei clienti da parte di J.D. Power and Associates, la U.S.
Small Business Ulteriori informazioni su BB&T e sull'intera linea di prodotti
e servizi sono disponibili sul sito http://www.BBT.com.



Gli indici del capitale di vigilanza sono preliminari.


Questo comunicato stampa contiene misurazioni della prestazione stabilite
con metodi conformi a principi contabili diversi da quelli generalmente
accettati negli Stati Uniti d'America ("GAAP"). I responsabili BB&T
utilizzano queste misurazioni "non-GAAP" nelle loro analisi della prestazione
aziendale. I responsabili BB&T usano queste misurazioni per valutare la
sottostante prestazione e l'efficienza delle sue operazioni. Credono che
queste misurazioni non-GAAP permettano di comprendere meglio le operazioni
future e di valorizzare il confronto dei risultati con i periodi precedenti,
oltre che dimostrare gli effetti di profitti e oneri significativi nel
periodo attuale. La società crede che un'analisi eloquente della propria
prestazione finanziaria richieda una comprensione dei fattori sottostanti
tale prestazione. I responsabili BB&T credono che gli investitori potranno
usare queste misurazioni finanziare non-GAAP per analizzare la prestazione
finanziaria senza l'impatto di voci non comuni che potrebbero rendere i trend
nella prestazione sottostante della società confusi. Queste informative non
devono essere considerate come un sostituto delle misurazioni finanziarie
stabilite in accordo al GAAP, né vogliono essere necessariamente paragonabili
alle misurazioni di prestazione non-GAAP che potrebbero essere sottoposte da
altre società. Gli indici Tangible common equity e Tier 1 common equity sono
misurazioni non-GAAP. BB&T si avvale della definizione Tier 1 common equity
usata nella valutazione SCAP per calcolare questi indici. I responsabili BB&T
usano queste misurazioni per valutare la qualità del capitale e credono che
gli investitori possano trovarli utili nella loro analisi della società.
Queste misurazioni del capitale non sono necessariamente paragonabili a
misurazioni del capitale simili che potrebbero essere adottate da altre
società. Gli indici sulla qualità degli investimenti sono stati adeguati per
rimuovere l'impatto dei prestiti acquisiti e della proprietà pignorata
coperti dagli accordi sul loss-share FDIC, poiché i responsabili credono che
l'inclusione provochi la distorsione di tali indici e possa non essere
paragonabile con altri periodi presentati o altri portafogli non colpiti
dalla contabilità delle acquisizioni.



Questo comunicato stampa contiene alcune dichiarazioni proiettate verso
il futuro in conformità al Private Securities Litigation Reform Act del 1995.
Queste dichiarazioni possono riguardare argomenti che includono rischi,
incertezze, stime e ipotesi dei responsabili. I risultati reali possono
differire materialmente dalle proiezioni attuali. Fare riferimento agli
archivi BB&T presso la Commissione per i Titoli e gli Scambi per un riepilogo
dei fattori importanti che potrebbero colpire le dichiarazione proiettate
verso il futuro di BB&T. BB&T non ha alcun obbligo di rivedere queste
dichiarazioni dopo il presente comunicato stampa.




Source: BB&T Corporation

ANALISTI - Tamera Gjesdal, Vice Presidente Senior, Relazioni con gli Investitori, +1-336-733-3058; o Alan Greer, Vice Presidente Esecutivo, Relazioni con gli Investitori, +1-336-733-3021; MEDIA - Cynthia Williams, Vice Presidente Esecutivo, Comunicazioni Interne, +1-336-733-1478


-------
Profile: My Profile 1
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl