Cesena 5/10 - Evidence Based Design: esperti a confronto

03/ott/2010 06.36.32 Legacoop Forlì-Cesena Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato stampa

A CESENA UN CONVEGNO SULL'EVIDENCE BASED DESIGN
CON MICHAEL MEHAFFY, ALDO COLONNETTI,
GIORDANO CONTI, PAOLO LUCCHI, RENATO TRONCON
E PIERLUIGI CERVELLATI

Le ultime frontiere della progettazione degli spazi urbani al centro della seconda giornata della Settimana del Buon Vivere che va in scena a Forlì-Cesena. Martedì 5 ottobre al Centro San Biagio della città malatestiana un incontro con amministratori e alcuni tra i massimi esperti del settore come Michael Mehaffy, former director della Prince Charles Foundation e attualmente in forza alla Sustasis Foundation di Portland. Info: http://www.settimanadelbuonvivere.it

(Cesena, 3 ottobre 2010) �“ Cosa può fare il design per la città? La ricerca architettonica considera sempre più importante l’ambiente costruito nel benessere della persona, non solo nelle sue fondamentali componenti strutturali ed impiantistiche (spazio e microclima), ma anche nelle sue componenti più “soft”: quantità e qualità della luce, colore, acustica. Sono elementi questi che concorrono certamente al “buon vivere” nelle città, ma anche ad una crescita comunitaria più civile, così come in particolare nelle strutture di ricovero e cura, nelle quali più si avverte e si soffre il male di vivere. Cesena e la Settimana del Buonvivere ospitano martedì 5 ottobre (ore 15,30 Centro San Biagio) uno dei primissimi, se non proprio il primo, seminario italiano sullo Evidence Based Design (EBD).

L’Evidence Based Design pone al centro le nuove frontiere costruttive dell'architettura alla ricerca di un equilibrio tra ambiente e funzionalità. L'incontro metterà a confronto urbanisti, autorità e esperti di design come Pierluigi Cervellati dell’Università di Venezia, Aldo Colonnetti dello IED, Renato Troncon dell’Università di Trento, Michael Mehaffy della Sustasis Foundation di Portland e già direttore della Fondazione Principe Carlo di Londra, l’architetto Giordano Conti e il Sindaco di Cesena, Paolo Lucchi.

«Dall’estero �“ dice Luciano De Fiore, il giornalista del Pensiero Scientifico Editore chiamato a moderare l'incontro - ci si propongono esperienze interessanti: per esempio, la valorizzazione del centro storico di St Gallen, in Svizzera, grazie all’intervento congiunto di un’artista e designer come Pipilotti Rist e di un architetto come Carlos Martinez». L’Evidence Based Design trova le applicazioni più note fin qui soprattutto in ambito sanitario, mirando a migliorare la sicurezza, il percorso terapeutico e la qualità di vita delle persone malate e del personale sanitario. Oggi tuttavia lo Evidence Based Design non è più proposto solo in coppia con healthcare e medicina, o con anziani e invecchiamento, ma è il filo conduttore per la progettazione degli spazi dell’abitare, dell’apprendimento, di lavoro e di ufficio, della ricerca scientifica. «Lo EBD �“ prosegue De Fiore - intende accreditarsi come una sintesi di arte e di scienza, di buon gusto e di esperienza, di creatività e di competenza che è o dovrebbe essere già solo per questo molto “italiana”. Si parlerà quindi di recupero e nella trasformazione della città di oggi e delle opportunità per le pubbliche amministrazioni di far crescere una vera cultura della città in un rapporto costante con i cittadini. Il tutto partendo da un'idea di città bella, coesa, sostenibile, in cui il senso di appartenenza, la storia e la memoria rappresentino presupposti indispensabili».

Gli spunti offerti dall’EBD sembrano insomma integrabili con le soluzioni di design ed architettoniche di chi tiene ad una città che sia tale, cioè non una “non-città”, come Cervellati ha definito quei non luoghi formati da villettopoli, svincoli autostradali, ipermercati.


«Cesena, la città che ospita l’incontro, può essere un modello di buon vivere. Proveremo �“ conclude De Fiore - a sporgerci però anche sul futuro, e non solo di Cesena. Come incideranno i nuovi movimenti politici sullo sviluppo delle città? Esiste un disegno strategico per la Regione Emilia-Romagna? Chi sosterrà le spese di gestione delle città che aspirano ad un “buon vivere” per i propri cittadini nei prossimi anni? Si può sfuggire al destino della “città infinita” da Milano a Treviso?». Per informazioni: tel. 0543 785411 �“ www.settimanadelbuonvivere.it.
Le ragioni della Settimana del Buon Vivere
«...il PIL misura tutto, eccetto ciò che rende la vita degna di essere vissuta», diceva Robert Kennedy, ed era il 1968. Oggi la Settimana del Buon Vivere si propone di attirare l'attenzione su un territorio, quello di Forlì-Cesena, premiato dalle classifiche nazionali del benessere del Sole 24 Ore. Una classifica in cui si tiene conto non solo della quantità, ma anche della qualità sociale percepita e vissuta. Il primato del territorio di Forlì-Cesena si riassume in un indice: 170, ben settanta punti in più rispetto alla media delle oltre cento realtà considerate e 21 posizioni guadagnate rispetto alla rigorosa classifica del PIL. L'ambizione, spiegano gli organizzatori, è quella di creare una vera e propria “filiera” del buon vivere che faccia da propellente allo sviluppo del territorio.

I partner della Settimana del Buon Vivere
La Settimana del Buon Vivere è promossa da Legacoop Forlì-Cesena, IRST e LILT in collaborazione con AGCI, Confapi, CNA, Confesercenti, Confindustria, CIA, CAM e Federimpresa. L'iniziativa è patrocinata da Ministero della Salute e Ministero delle Politiche Agricole, Regione Emilia-Romagna, Provincia di Forlì-Cesena, Comune di Forlì, Comune di Cesena, AUSL di Forlì e Cesena, Camera di Commercio di Forlì-Cesena, Università di Bologna, Romagna Acque, Segretariato Sociale RAI e Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì. Gli sponsor sono Takeda Italia, Apofruit, Coop Adriatica, Cear, Conscoop, CEIF, Conad, Formula Servizi, Unipol, Unisalute, Idrotermica e Insieme Salute Romagna. I partner tecnico-scientifici: AICCON, AIL, AUSL Forlì e Cesena, Macfrut, Il Pensiero Scientifico Editore, Alimos, Innovacoop, Noventia Pharma, Sedicicorto, Sapim e Sunset.

Ufficio stampa e relazioni media: Sapim Comunicazione
tel. 0543 785440 • 347 0888128 • emilio.gelosi@sapim.it

Per non ricevere più questi aggiornamenti: emilio.gelosi@sapim.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl