Nuovo approccio del G-20 alla mancanza di finanziamenti per le PMI

28/ott/2010 06.01.02 Pr NewsWire Aziende Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Nuovo approccio del G-20 alla mancanza di finanziamenti per le PMI

WASHINGTON, October 28, 2010/PRNewswire/ --

Se ci fosse una soluzione unica per ridurre la povertà nel mondo, creare
nuovi posti di lavoro e ricchezza, e per garantire la ripresa economica
globale, tale soluzione potrebbe essere: garantire il successo delle piccole
e medie imprese nel mondo (PMI).



Tuttavia, il settore finanziario di fatto ignora queste realtà
economiche. Vengono considerate troppo informali, oppure troppo rischiose,
troppo piccole, o troppo grandi. E in mancanza dei finanziamenti necessari
per la loro crescita, la grande maggioranza è destinata all'insuccesso.



Questa situazione deve cambiare. I paesi del G-20 sono a conoscenza di
questa situazione, ma affrontare questa sfida complessa è risultato essere
difficile. Fino a ora.



In collaborazione con Ashoka's Changemakers, un pioniere nelle
competizioni globali in linea mirate alla soluzione dei problemi sociali, il
G-20 ha diffuso una richiesta per ricevere soluzioni che possano aiutare a
sbloccare i finanziamenti per le PMI - The G-20 SME Finance Challenge (La
sfida per il finanziamento alle PMI del G-20)
(http://www.changemakers.com/g20media). Le soluzioni ricevute affrontano il
problema con profonda creatività e da molte angolazioni. Le migliori verranno
proposte al livello superiore e la loro applicazione sarà estesa con milioni
di dollari, e saranno presentate al Summit di Seoul.



Queste soluzioni consentiranno a milioni di persone di entrare nel ceto
medio e aiuteranno a stabilizzare l'economia mondiale. Inoltre, le PMI hanno
il potere di poter fare molto di più.



Ad Haiti, per esempio, quando il terremoto ha creato donazioni nel mondo,
la PMI stavano già raccogliendo i pezzi. Grazie al rapporto esistente con la
popolazione colpita e un interesse reale per promuovere una ripresa veloce e
duratura, esse sono state le prime a fornire risposte di importanza critica.
E rimangono a lungo, per molto tempo dopo che le telecamere delle TV sono
andate via. Le aziende locali stanno iniziando a ricostruire l'infrastruttura
distrutta per l'energia elettrica come ad esempio RePower Haiti
(http://www.changemakers.com/g20media/post-disaster), che offre contratti con
tariffe fisse a lungo termine alle PMI del settore delle energie rinnovabili
che stanno lavorando per riparare la rete elettrica e stanno creando posti di
lavoro.



Le PMI impiegano quelle prassi aziendali di cui si parla così tanto nel
mondo, ma la cui applicazione presenta dei problemi: sostenibilità
ambientale, diritti umani, e progresso sociale.



Una PMI in Brasile protegge la foresta pluviale utilizzando raccoglitori
di gomma indigeni che usano pratiche tradizionali per produrre lattice in
modo redditizio, e al tempo stesso salvaguardando la foresta. Solo il cinque
percento della popolazione mondiale, ma circa un terzo delle popolazioni
indigene ed estremamente povere
(http://www.changemakers.com/g20media/indigenousSMEs) spesso vivono nelle
vicinanze delle maggiori risorse naturali mondiali. Questo tipo di soluzione
da piccola azienda, replicata molte volte, potrebbe costituire una soluzione
con più effetti. Altre PMI stanno risolvendo la crisi degli alloggi nel mondo
(http://www.changemakers.com/g20media/housing), mattone dopo mattone,
rivoluzionando il diritto alla proprietà
(http://www.changemakers.com/g20media/propertyrights), e favorendo il
progresso delle donne.



Le PMI creano lavoro per le donne
(http://www.changemakers.com/g20media/womenSMEs). Abbiamo bisogno di molte
altre donne. Le donne imprenditrici restituiscono i prestiti ricevuti in modo
più coerente degli uomini e reinvestono i loro utili nelle aziende. Le donne
che lavorano investono una quantità maggiore del loro reddito, fino al 90%,
nelle loro famiglie, nella loro istruzione, nel migliorare la loro posizione,
e per aggiungere valore alla stabilità economica e sociale delle loro
comunità.



In questo momento, la soluzione dell'enigma finanziario delle PMI ha
un'importanza particolarmente critica: l'economia globale è stata scossa, gli
aiuti stranieri sono in arrivo, e tutti siamo sempre più collegati tra noi.
Le piccole e medie imprese stanno aprendo la strada verso il nostro futuro.
Il loro sforzo deve essere coronato dal successo.



Molte altre soluzioni, statistiche e risorse sono disponibili tramite
Sarah Mintz (smintz@ashoka.org), +1-415-939-0028, e di seguito:



Inglese (http://www.changemakers.com/g20media)
Spagnolo (http://www.changemakers.com/es/g20media-es)
Francese (http://www.changemakers.com/fr/g20media-fr)
Portoghese (http://www.changemakers.com/pt-br/g20media-pt)



Source: Ashoka's Changemakers

Sarah Mintz, +1-415-939-0028, smintz@ashoka.org


-------
Profile: My Profile 1
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl