Tutto ciò da sapere per la stipula della polizza vita

04/nov/2010 10.31.53 marketing@ms3sw.com Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Visto i tempi che corrono destinare una parte dei propri risparmi per la costruzione di una pensione integrativa è diventato imprescindibile per gli italiani. Il modo più tradizionale e facile per costruirsi una rendita aggiuntiva consiste nella sottoscrizione di una polizza vita.

 Nel tempo la polizza vita è cambiata: dalle iniziali forme tradizionali si è passati a strumenti più complessi con maggiori contenuti in termini finanziari (come ad esempio le polizze vita "unit linked" e "index linked", legate all'andamento di particolari indici azionari).

 La polizza vita è un contratto particolare stipulato tra un privato (il contraente) e una compagnia di assicurazione. In cambio del pagamento di una determinata somma di denaro (premio), la compagnia di assicurazione si impegna, ad una data prestabilita, a corrispondere una rendita o un capitale. I soggetti che danno forma alla polizza vita sono: 1) la società di assicurazione; 2) il contraente, ovvero colui che stipula il contratto; 3) l'assicurato, la persona, a cui è riferito l'evento; 4) il beneficiario, ovvero colui che, al verificarsi di un determinato evento, ha diritto a ricevere la prestazione.

 In cambio del versamento del premio da parte del contraente la compagnia assicuratrice si impegna al versamento a una data stabilita, di un capitale o di una rendita. Se si opta per il capitale si ottiene dalla compagnia assicuratrice il versamento in un'unica soluzione di quanto maturato negli anni in base ai premi versati; chi sceglie invece la rendita, si assicura un vitalizio per il resto della propria vita o per un periodo prefissato.

 Ulteriori informazioni sul sito www.reteassicurazioni.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl