Torino, sequestrati beni mobili e immobili affiliati alla mafia

09/dic/2010 10.27.52 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Luogo : Torino e provincia. Le forze dell’ordine hanno fatto indagini su case a Torino, ad uso privato, e hanno scoperto traffici illeciti. Infatti sono stati sequestrati beni per 8 milioni a Vincenzo Verterano, 46 anni, di origini calabresi, e presunto affiliato alla ‘ndrangheta. L’uomo sarebbe stato accusato di essere il referente della cosca Aquino che governa il traffico di droga in Piemonte. Gli inquirenti hanno ricostruito una serie di “tesori” appartenenti a Verterano che poi hanno messo sotto sequestro e sono beni immobili e mobili. In particolar modo gli sono state sequestrate due aziende operanti nel settore autodemolizione con sede nella capitale piemontese, una decina di unità immobiliari  tra cui appartamenti, autorimesse e fabbricati ubicati in diverse zone del Piemonte. Oltre a tutto questo, i carabinieri hanno anche sequestrato mezzo chilo di hashish fiutato dal cane antidroga.  Questo sequestro però è merito di una segnalazione dei residenti che stanchi di tutto un via e vai continuo dall’appartamento di Verterano e stanchi di vedere facce non proprio rassicuranti aggirarsi per il complesso residenziale, hanno deciso di contattare la polizia e di svolgere legale e giusta segnalazione.

Immobili e droga erano i principali soggetti dei traffici illeciti del presunto affiliato della ‘ndrangheta. Un grazie è arrivato dalle alte cariche dello stato alle forze dell’ordine, in particolar modo ai carabinieri, di Torino oltre che a elogi meritevoli per il lavoro svolto.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl