Il caso italiano : 4 pignoramenti al giorno!

A detenere il primato di espropriazione forzata dalle abitazioni è Brescia con un 25% e cioè una media di quattro pignoramenti al giorno.

26/gen/2011 10.41.39 Sara Borsari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il 2011 è arrivato e sembra non portare con sé nessuno spiraglio di luce per quanto riguarda il tunnel della crisi economica. La salvezza sembra ancora distante. A dimostrare le difficoltà che ancora colpiscono le famiglie italiane, soprattutto nell'ambito casa, sono i dati della Federconsumatori e dell'Osservatorio Adusbef sulle pratiche di pignoramento degli immobili. I pignoramenti nel 2010hanno subito una netta impennata : su 3 milioni e 600 mila mutui stipulati in Italia, 350 mila sono le famiglie che faticano a rimborsare le rate mensili e 28mila i casi di pignoramento. Rispetto al 2009 il numero è aumentato a livello nazionale del 31% , anno in cui furono registrati 21mila pignoramenti. A detenere il primato di espropriazione forzata dalle abitazioni è Brescia con un 25% e cioè una media di quattro pignoramenti al giorno. La maglia nera in questo settore è detenuta dalle case di Torino, seguita da quelle di  Milano, Venezia, Rovigo, Padova , Palermo e Reggio Emilia. Entrando nello specifico gli aumenti maggiori sono stati registrati in percentuale in tal maniera :

-        Milano con + 1592;

-        Torino con + 930 ;

-        Roma con + 728 ;

-        Monza con + 424;

-        Verona con + 425;

-        Bergamo con + 416;

-        Brescia con + 290;

-        Genova con +336;

-        Bari con +3 40;

-        Firenze con + 199;

-        Padova con + 168.

E' attraverso questi dati che Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, presidenti rispettivamente di Adusbef e Federconsumatori, reclamano urgentemente un decreto “salva-famiglie”.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl