Perché Comunicare la Sicurezza sul Lavoro in azienda?

Tre, la legge non scritta, a cui tutti o quasi crediamo, che gli incidenti e gli infortuni possono capitare a tutti ma non a me.

04/mar/2011 18.47.53 Gianluca.Fiscato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Accendi la luce. Clic. Detto fatto. Sicurezza sul lavoro. Clic. Detto, scritto, frequentati tutti i corsi ma non fatto. O meglio non fatto in quella maniera ottimale ed efficace che sarebbe desiderabile. Tra il dire e il fare in ambito della sicurezza non c’è di mezzo il mare. Il pezzo mancante è un elemento che, come spesso accade, si da per scontato e quindi non si cura. L’indiziato numero uno a mio avviso è la comunicazione ovvero perché e come comunicare la sicurezza. Andiamo a scoprire le ragioni del movente? Uno, la definizione di Sicurezza sul Lavoro. Definire il concetto di Sicurezza del lavoro sembrerebbe semplice ma scorrendo l’intero D.Lgs. 81/2008 non vi è alcuna traccia. Le ipotesi sono due. Prima ipotesi, il legislatore si è dimenticato di definirla. Seconda ipotesi, ciò che sembra semplice in verità risulta molto più articolato e complesso. Se prendiamo per buona la seconda ipotesi abbiamo che non conoscendo bene qual’è l’oggetto della comunicazione risulta inevitabilmente difficile comunicarlo. Due, il vissuto della Sicurezza sul Lavoro. Chi vive tutti i giorni a contatto con la Sicurezza sul Lavoro tende spesso a dimenticarsi il perché di alcuni gesti, e di alcune prassi e tende a considerarle inutili perdite di tempo. Poco a poco la motivazione dietro a determinate procedure diventa la legge e non la propria sicurezza e da qui il passo ad ignorarle o aggirarle è breve. Troppo spesso la comunicazione inerente tale ambito tende a sottolineare le sanzioni o l’obbligatorietà di una prassi piuttosto che le ragioni. Tre, la legge non scritta, a cui tutti o quasi crediamo, che gli incidenti e gli infortuni possono capitare a tutti ma non a me. Non neghiamolo: ci sentiamo dei piccoli highlander e proprio per questo è importante imparare da parte dei responsabili a comunicare il rischio in maniera adeguata. Sembra dunque necessario ritrovare un posto nell’ambito della Sicurezza sul Lavoro alla comunicazione anche in accordo con il D.Lgs. 195/2003 che sottolinea l’importanza degli aspetti relazionali e comunicazionali in tale ambito. Comunicare la Sicurezza è importante perché:

  • Aiuta i responsabili a motivare alla sicurezza in modo duraturo e a diffondere la visione della Sicurezza come scelta aziendale;
  • Trasforma la Sicurezza sul Lavoro da un adempimento legislativo obbligatorio ad un sistema per la creazione di un processo lavorativo di qualità fondato su migliori relazioni interpersonali;
  • Crea una maggiore sinergia all’interno dell’azienda - nei confronti della sicurezza e non solo - e di evitare infortuni o situazioni rischiose collegate alla mancata adozione di prassi;
  • Rende efficaci gli investimenti fatti sulla sicurezza aumentandone la comprensione e la diffusione all’interno dell’azienda;
  • Aumenta l’efficienza aziendale portando la sicurezza nel vissuto quotidiano e quindi rendendola parte dell’operatività aziendale;
  • E’ una opportunità di migliorare la comunicazione aziendale in maniera trasversale.

Vi piacerebbe sapere come comunicare la sicurezza? O cosa significa comunicare la sicurezza nello specifico? Non vi rimane che aspettare i prossimi post! Se siete interessati al tema della comunicazione della Sicurezza sul Lavoro vi segnalo questo evento presso Siria dove ci sarò come formatore.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl