Moglianoimpresa, seconda tavola rotonda: il credito, chimera o relatà? Ed una proposta-provocazione: uno sportello presso il comune farà incontrare imprese e tecnici di credito agevolato.

25/mar/2011 09.08.21 Ufficio Stampa Team Penso Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

25 marzo 2011

 

Moglianoimpresa, seconda tavola rotonda: il credito, realtà o chimera?

Ed una proposta - provocazione: a Mogliano Veneto uno sportello presso il comune farà incontrare imprese e tecnici di credito agevolato.

Si è tenuta ieri pomeriggio la seconda tavola rotonda Moglianoimpresa dal tema “il credito agevolato: strumento di sviluppo per le micro e medie imprese”. L’incontro, volto ad affrontare le delicate ed attuali problematiche delle imprese per accedere al credito e a presentare strumenti a volte poco conosciuti di credito agevolato a loro disposizione, ha generato grande interesse e fin dalle prime battute un botta e risposta vivace ed interessante.

In linea con lo spirito di Moglianoimpresa la considerazione che un primo passo concreto per favorire la ripresa economica deve essere l’aggregazione d’impresa: <l’aggregazione, afferma Roccato, Direttore di Apindustria Venezia – non è l’unione di aziende con gli stessi problemi ma, piuttosto, l’unione di aziende che mettono insieme capacità e fatturati>.  Pier Paolo Polese, ufficio credito e finanza agevolata Api Ve, aggiunge <uno degli strumenti di credito agevolato è il cosiddetto contratto di rete che consente collaborazioni tecnologiche e commerciali tra aziende appartenenti alla stessa filiera produttiva permettendo l’acquisizione di una maggiore forza contrattuale, di agevolazioni amministrative e finanziarie>.

E’ seguito l’intervento di Giuliano Russo, Manager di Sviluppo di Informest Consulting s.r.l., che ha illustrato le opportunità agevolative a disposizione per le aziende che intendano sviluppare un progetto di internazionalizzazione produttiva e commerciale.

Una tavola rotonda a tutto tondo dove, sotto la regia di Lucio Verbeni, vivacizzata da numerosi  interventi dei presenti. Quali sono le micro e medie imprese, le agevolazioni per gli artigiani, l’innovazione tecnologica e le certificazioni, le situazioni creditizie degli enti pubblici verso le imprese e le problematiche connesse, il rapporto futuro  banche-imprese: queste le domande più salienti sollevate dalla platea. Tra i presenti un istituto di credito ha tentato di assolvere il proprio istituto e le banche in generale, attribuendo l’irrigidimento verso i clienti prima considerati ‘buoni’  all’avvento di Basilea I e II ed ha invitato le imprese a dedicare una maggiore attenzione alla gestione finanziaria: <equilibrate i flussi di entrate e uscite e ponderate i prospetti economici> ha concluso. Ma queste cose sono impraticabili per una micro impresa… e difficili per una media…

Tanti gli spunti di riflessione, univoca la conclusione. <Per crescere l’impresa ha bisogno del credito, il credito ha bisogno dell’impresa> ribadisce Roccato. In una imprescindibile ritarazione di tutte le forze del sistema economico, è necessario cambiare radicalmente il modo di fare business: che l’imprenditore e la banca facciano non solo uno, ma molti passi uno verso l’altra.

A tal proposito lanciata una proposta molto concreta e innovativa, quasi al limite della provocazione: <istituiamo a Mogliano Veneto uno sportello, ospitato dal comune, presso il quale le imprese tutte, produttive e commerciali, possano incontrare funzionari degli istituti di credito assieme a quelli del Confidi e della finanza agevolata>. Tutto questo in giornate programmate settimanalmente. A questo scopo, le aziende possono rivolgersi a Moglianoimpresa e chiedere di fissare un appuntamento, senza alcun onere.

Il periodo non è dei migliori ed il principio del fare sistema aggregandosi per superarlo non vale solo per le  imprese. Liana Bovolenta,  Assessore alle Attività Produttive del Comune di Casale sul Sile, presente tra il pubblico, si è rivolta a Giorgio Copparoni, Assessore alle Attività Produttive di Mogliano Veneto e lui stesso imprenditore, plaudendo al progetto Moglianoimpresa, e ha concluso: <anche Casale si unirà a Mogliano con l’impegno comune di aggregare sempre più forze>.

 

Ufficio stampa Moglianoimpresa
041 88 21121
press@moglianoimpresa.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl