Il franchising è donna: lo dimostrano i dati del 2011

Il franchising è donna: lo dimostrano i dati del 2011. p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { } Le donne investono nel franchising.

04/mag/2011 13.41.11 Maria Cavallo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { }

Le donne investono nel franchising. Dati in crescita di quasi il 7% dimostrano le nuove tendenze del mercato e la direzione degli investimenti.

 

Il settore del franchising è in costante aumento. E in questa crescita, che va in controtendenza rispetto alla crisi economica generale, un dato rilevante è rappresentato dal ruolo assunto dalle donne. Dai dati resi disponibili dal salone di RomExpo franchising, si evincono segnali importanti di crescita.

La presenza delle donne nel franchising è in crescita del 6,7% (si passa dal 23.3% del 2010 al 28% del 2011). Un segnale forte che dimostra la chiara tendenza verso cui evolve il mercato. Interi settori in crisi ma non quelli del franchising femminile. Le donne dimostrano di avere quelle capacità di gestione e di saper sostenere anche un investimento iniziale importante, per avviare un'attività in proprio.

I settori sui quali si punta maggiormente sono:

  • abbigliamento

  • cosmesi

  • gioielli

  • intimo

  • pelletteria

  • articoli per bambini

  • servizi di baby-sitter

Settori in cui le donne riescono a dimostrare le capacità di gestione adeguate. Il tutto è facilmente comprensibile considerando che si tratta di attività molto più vicine al mondo femminile. Il franchising pertanto, si tinge di rosa, come dimostrano dati concreti. I punti vendita in franchising presenti in Italia sono 49.259, di cui 14.000 sono gestiti da donne.

Tra i vantaggi che spingono le donne a puntare sul franchising vi sono:

  • la flessibilità

  • la possibilità di investire somme contenute

  • l'esistenza di un "progetto" già definito e studiato

  • la conciliazione tra vita privata e lavoro

 

Si evince un fattore comune a quanto detto: la volontà delle donne di mettersi in discussione, di aprire punti vendita propri ma con la sicurezza di avere alle spalle un marchio importante e di garanzia. Nessuna scelta azzardata quindi, ma tutto gestito e condotto in modo oculato e preciso.

Luisa Barrameda, Coordinatrice Nazionale FIF Confesercenti afferma infatti che: “il franchising rappresenta un'opportunità per le donne imprenditrici non solo per le caratteristiche di questa formula commerciale ma anche per le attitudini delle donne imprenditrici. Le donne hanno grandi capacità nelle relazioni, in particolare nella comunicazione e nella ricerca del consenso, qualità necessarie che deve avere chi intraprende un'attività di franchising. Insomma, il franchising piace molto alle donne che lo trovano adatto alle loro esigenze, e per supportare lo sviluppo dell'imprenditoria femminile nell'ambito del franchising, la FIF ed il Coordinamento Nazionale Imprenditoria Femminile di Confesercenti attiveranno uno sportello informativo presso lo stand istituzionale FIF durante il RomExpo Franchising".

Quanto esposto, mette in evidenza un'informazione importante. Il franchising è un settore che tira e che continua a fornire dati in crescita. Il tutto è spiegato dalla possibilità di avvalersi di marchi importanti anche con investimenti iniziali ridotti.

 

Se anche tu vuoi trasformare la tua idea in un successo imprenditoriale o cerchi qualsiasi tipo di informazione visita www.italiainfranchising.it, la scelta migliore per i tuoi affari.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl