Gianfranco Micciche': 'Luigi Crespi ci da al 2,1%, puntiamo piu' in alto'. E intanto Forza del Sud lascia il Pdl

09/giu/2011 12.59.32 Fabrizio Pivari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L'istituto di ricerca Crespi Ricerche diretto da Luigi Crespi, ha condotto un sondaggio sulle intenzioni di voto in cui il partito Forza del Sud di Gianfranco Micciche' risulta al 2,1%.

Gianfranco Micciche'Luigi Crespi, direttore dell'istituto demoscopico Crespi Ricerche, in un recente sondaggio sulle intenzioni di voto da' a Forza del Sud, il nuovo movimento fondato e guidato da Gianfranco Micciche', il 2,1% a livello nazionale. Il leader del partito ha annunciato l'uscita dei suoi parlamentari dal Pdl e nuove allenaze "che renderanno Forza del Sud sempre piu' forte".

Il 'punteggio' lusinga il leader di Forza del Sud, ma ancora non lo soddisfa, come lo stesso Micciche' ha rivelato a Clandestinoweb.com in un'intervista esclusiva.

Una 'quotazione' del 2,1% nelle intenzioni di voto degli italiani. Per un partito nato da poco è un ottimo risultato. A cos'è dovuto il successo di Forza del Sud?

"Certamente al fatto che a livello nazionale c'è un forte movimentismo, un disagio nei confronti dellla politica, e l'unico vero movimento che abbia un progetto molto preciso e che la gente comprende è proprio Forza del Sud. E parlo di un progetto chiaro, non un vago meridionalismo. Mi riferisco alla ricostruzione di un partito tipo quello della Lega, perche' vogliamo che il sud abbia una rappresentanza governativa tale da condizionare le scelte della maggioranza. Oggi abbiamo compreso di essere forti, numerosi, e tradizionalmente migliori: non dimentichiamo che tutte le piu' grandi aziende italiane sono del sud".

Un 2,1%, insomma, piu' che meritato?

"Il 2,1 % che risulta a Luigi Crespi è indice della nostra crescita, crescita che avevo previsto da tempo. E' vero che essendo un partito piccolo non abbiamo la possibilita' di farci conoscere in larga scala, ma man mano che visitiamo posti e incontriamo gente riscontriamo il loro apprezzamento. Penso quindi che il 2,1% sia un ottimo risultato, ma ancora non mi soddisfa. In realta' è una cifra che nasce da tre o quattro regioni dove siamo realmente presenti, come Sicilia, Calabria e Campania, ma a poco a poco ci stiamo aprendo a tutte le regioni del sud. Si tratta a mio parere di un risultato in progress, non solo perche' stiamo aggredendo altre realta' territoriali, ma soprattutto per il fatto che abbiamo chiuso accordi con la parte che io definisco 'buona' di Noi Sud, che nelle ultime amministrative di Napoli ha riportato il 3,5%, che unito al 5,5% accordato dai napoletani a Forza del Sud, ci fa calcolare che attualmente, insieme, possiamo contare su un 9% pieno. E quest o non è poco".

Manca una settimana, poi gli italiani saranno di nuovo chiamati alle urne per il referendum. Qual e' il suo punto di vista sull'argomento nucleare?

"Quello che penso sul nucleare l'ho gia' espresso nel mio blog. Riguardo al voto noi di Forza del Sud lasciamo liberi gli elettori di decidere. Ma penso che il referendum piu' interessante sia quello sull'acqua. Inizialmente ero per la privatizzazione, ma poi mi sono reso conto che si tratta di un bene pubblico e pubblico deve restare. Piuttosto proporre di indire un referendum per decidere chi deve gestire l'acqua pubblica!".

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl