Le “diete dei famosi” : più difetti che pregi

17/giu/2011 10.54.33 Carlotta Tinti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dalla Francia e più esattamente dal ministro della Salute, l’Anses (Agence nationale de sécurité sanitaire de l’alimentation, de l'environnement et du travail) arriva un grido di allarme inerente alle diete dimagranti "famose". Questo grido di allarme arriva perché ci si è accorti che più le diete dimagranti sono strane, più la gente è attratta da queste senza però mai calcolare e valutare i possibili rischi associati. Questo viene detto perché le cosiddette “diete dimagranti per personaggi famosi” vengono fatte solo per motivi estetici e quindi potrebbero presentare più difetti che pregi.

Per parlare di rischi gli esperti francesi hanno confrontato gli apporti nutrizionali di 15 diete fra quelle più popolari ( ad esempio la dieta a zona, dieta Durkan, la dieta metabolica e le varie diete citate in Internet) con gli apporti nutrizionali delle diete consigliate da nutrizionisti o dietologi. Il confronto ha evidenziato molte incongruenze sia per difetto che per eccesso. In alcune diete il dato che emerge in modo impressionante è la forte restrizione energetica come ad esempio avviene nella dieta Scarsdale dove le calorie sono circa la metà di quelle normalmente previste in una dieta ipocalorica per una donna. Altre diete invece contengono troppe proteine come nel caso della Dukan 3, oppure un grande apporto di grassi come nella Dukan e della  Atkins .

Altro errore molto comune nelle diete “dei famosi” è l’associazione con integratori alimentari, vitaminici o proteici. È possibile seguire un regime alimentare e associarlo al consumo di integratori ma sempre sotto consiglio medico oppure seguiti da un medio specializzato.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl