L'importanza dei micronutrienti

29/lug/2011 09.30.01 Carlotta Tinti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


La dieta a zona è conosciuta per gli effetti di dimagrimento e non per lo scopo primario di Barry Sears, ovvero quello di migliorare la salute delle persone. Prima che questo tipo di dieta fosse inventata e diffusa l'alimentazione era intesa come l'introduzione calorie presenti negli alimenti nell'organismo. La zona ha introdotto il concetto di considerare gli effetti ormonali da parte dei cibi ingeriti e come controllare questi effetti per trarne beneficio. Inoltre il Sears suggerisce di assumere principalmente frutta e verdura, ciò che egli definisce come “carboidrati favorevoli”. Carboidrati di questo tipo sono consigliati in quanto hanno una glicemia bassa. Entrando lentamente nel circolo sanguigno contribuiscono inoltre a mantenere basso l'indice insulinico. Come la maggior parte di noi sa, l'insulina è un ormone prodotto dal pancreas, il quale tiene sotto controllo i livelli di glucosio nel sangue. Assumendo alimenti con un indige glicemico elevato si indurra il pancreas a produrre grandi quantità di insulina, in quanto questo tipo di alimenti introduce gli zuccheri molto velcemente nella circolazione sanguigna. Tutto ciò per speigare come la dieta proposta da Sears si proponga di far recedere malattie quali il diabete di tipo II. Al giorno d'oggi non tutti sono in grado di introdurre nella propria dieta le porzioni di frutta e verdura che sono previste nella zona, quindi ci avvaliamo dell'aituo degli  integratori vitaminici, i quali introducono nell'organismo quei micornutrienti che vengono persi non mangiando il giusto apporto di vegetali. L'importante è assumere integratori di origine naturali, per non incappare nei rischi che apportano gli integratori contenenti vitamine provenienti da estrazione sintetica.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl