E-Book in ascesa? E noi torniamo alla stamperia storica

La Stamperia Benedetti è un fenomeno in ascesa, ma ha una storia di sei secoli alle spalle, ed esegue tutte le stampe, da quelle commerciali a quelle di libri, indipendentemente dalle tendenze.

Persone Johann Gutenberg, San Bernardino
Luoghi Italia, Toscana, Siena, Magonza, Pescia
Argomenti stampa, editoria

21/set/2011 23.32.57 Fifth Avenue Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La Stamperia Benedetti è un fenomeno in ascesa, ma ha una storia di sei secoli alle spalle, ed esegue tutte  le stampe, da quelle commerciali a quelle di libri, indipendentemente dalle tendenze. 

La storia prima di ogni altra cosa. La Stamperia Benedetti, la prima stamperia della Toscana, risale ai tempi in cui la stampa era ai suoi albori, praticamente contemporanea dei tempi di Gutenberg.  La prima attività di tipografia in Piazza Matteotti 10  risale al 28 febbraio 1485, con la stampa della Confessione di San Bernardino da Siena, il primo libro in assoluto stampato nella prima stamperia pesciatina. Pescia come Magonza? Evidentemente si, vista la contemporaneità degli eventi, solo che la stampa della Bibbia di Gutenberg,  per una serie di fattori, ha avuto una risonanza ben più ampia, ma l’importanza storica è praticamente la stessa. Con una storia così, la Stamperia Benedetti non aveva bisogno di proiettarsi nel futuro insieme a tutti gli altri editori informatici. Al contrario, ha ritenuto opportuno di ripercorrere tutta la storia che la contraddistingue, e muoversi in questo percorso storico. La stampa a caratteri mobili ha un’importanza nello sviluppo della comunicazione, pari all’invenzione della scrittura stessa, e pari all’impatto del computer e dei suoi derivati, come le e-mail, i social network e la stessa rete internet, dove tutto viaggia alla velocità della luce in tutto il mondo e alla portata di tutti. Ma pensiamo adesso una rivoluzione simile accaduta circa sei secoli fa. Pensiamo alla possibilità di diffondere testi stampandoli su carta in modo assai semplice, vale a dire senza dover formare un cliché per ogni pagina da dover gettare via ogni volta che si doveva cambiare testo. La rivoluzione consisteva nel prendere tante A, tante B, tante C, e così via fino alle Z, e comporre le frasi con spazi e punteggiature in modo tale da comporre velocemente interi libri. E poi, una volta finito il libro si potevano rimettere le lettere al loro posto e ricominciare con un altro testo, risparmiando tempo e soldi. La tecnologia della stampa era pronta per la rivoluzione che avrebbe portato la cultura finalmente più vicino alla gente.

La Stamperia Benedetti, con l’esperienza che vanta ormai da secoli, spazia dalla stampa antica e offset a quella digitale. Oggi questa stamperia è in grado di soddisfare tutte le esigenze sia per quanto riguarda la stampa commerciale come i biglietti da visita e i depliants, anche i più sofisticati, che per quanto riguarda la stampa di libri. Praticamente innovativi e competitivi, ma senza paura di invecchiare. Questa è la storia della  stamperia più antica d’Italia.  Chiunque voglia realizzare stampe antiche o moderne può contattare la Stamperia.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl