Auto usate Troisin

25/set/2011 05.26.46 carmine Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Auto usate.

Nella nostra Nazione, il periodo perfetto per analizzare il mondo delle auto usate sembra il periodo estivo.

E' ciò che affiora da una statistica condotta dall’Aci, sulle auto usate, durante il mese di maggio 2011, quando è stato registrato un incremento del 2,7%, relativo all’acquisto di auto usate in Italia.

Se si pensa che nel medesimo periodo si è registrata una diminuzione del 15% sul fronte delle immatricolazioni di auto nuove, l'incremento diventa ulteriormente significativo.

Inutile sottolineare come le previsioni siano destinate a dati ancora più netti rispetti a quelli di maggio, in riferimento al trimestre estivo, quando cioè il potere di acquisto da parte degli italiani solitamente tende a calare ulteriormente.

Non appartiene all’ACI, invece, uno studio secondo il quale è cresciuto in maniera significativa il numero delle inserzioni di auto usate, soprattutto quelle lanciate e spinte con internet, ma soprattutto sarebbe leggermente in ribasso il prezzo medio delle auto usate, scendendo dell'1,1% circa.

E’ proprio il web, perciò a giocare un ruolo decisivo, se si pensa che il costo delle auto usate tende a scendere in modo costante, se rapportato a ciò che avviene attraverso le concessionarie, come è facile intuire.

Negli ultimi tempi, l’Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri (Unrae) ha reso pubblico il dato che sottolinea come sia sceso nel 2011 di –22% il fatturato delle concessionarie di auto usate auto nuove; ciò rappresenta un dato positivo per il mercato delle auto usate ma negativo per il mercato delle auto in generale.

Dato il regolare proliferarsi di annunci auto usate nel Web, è lecito aspettarsi un sensibile calo dei prezzi delle concessionarie di auto usate.

Un altro dato da non sottovalutare, invece, si riferisce a come le singole case produttrici stanno rispondendo al momento di crescita del settore delle auto usate. In un contesto di questo tipo, il boom ha riguardato in primis Nissan e Ford, che con un incremento pari al 23%, in riferimento ai dati di vendita di auto usate dll'anno scorso, hanno dimostrato di saper realizzare modelli di auto che per prezzi e caratteristiche si incontrano col target interessato alle auto usate.

Pur non essendo ai livelli dei primi due brand, da non sottovalutare anche il buon periodo di Twingo, Mini, Fiat Grande Punto, auto Bmw, Audi; a patire più di tutti sembra essere l’Alfa Romeo.

Per interpretare un dato di questo tipo ci vuole una doppia la lettura;  ricordando che il calo è addirittura del 15%, i prezzi delle auto usate per le Alfa Romeo tende a non essere conveniente; in secondo luogo, l’azienda si è focalizzata sulla realizzazione di nuovi modelli di auto durante l’ultimo anno.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl