L’imaging medico, un settore aperto e dinamico in Francia

Il settore delle tecnologie per l'imaging medico in vivo sta vivendo una fase di grande dinamismo in Francia: secondo le ultime stime, nel 2010, il valore della produzione di questo comparto si è attestato all'incirca sugli 800 M€, mentre il mercato mondiale di riferimento è valutato intorno ai 20 Md€.

Persone Barbara Galli, Hervé Pottier
Luoghi Italia, Europa, Milano, Francia, Alsazia, Aquitania, Bretagna, Provenza, Rhône-Alpes, Ile de France, Limosino, Midi Pyrénées, Paesi della Loira
Organizzazioni Guerbet, Supersonic Imaging, Agenzia Nazionale per la Ricerca, MITA., Digirad, Bioptics, Agfa Healthcare, Hitachi, Siemens Medical Solutions, General Electric Healthcare, Compagnie Industriali Riunite, Toshiba, Philips
Argomenti impresa, economia, medicina, industria

07/ott/2011 12.44.06 Ufficio Stampa di Ubifrance in Italia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il settore delle tecnologie per l’imaging medico in vivo sta vivendo una fase di grande dinamismo in Francia: secondo le ultime stime, nel 2010, il valore della produzione di questo comparto si è attestato all’incirca sugli 800 M€, mentre il mercato mondiale di riferimento è valutato intorno ai 20 Md€. Sono tre i segmenti che compongono questo mercato: l’imaging classico (radiografia, ecografia), che rappresenta il 59% del totale; l’endoscopia (19%) e il comparto dei grandi strumenti d’indagine e refertazione (scanner X, IRM PET) (22%).

L’imaging applicata all’essere vivente sta conoscendo un rapido sviluppo nei seguenti segmenti :

- l’imaging per la visualizzazione funzionale del cervello, che consente di perfezionare la cartografia delle funzioni cerebrali per comprendere meglio le anomalie dello sviluppo e/o le alterazioni e disfunzioni;
- la radiobiologia, che si propone di lottare contro il cancro, e per la quale la ricerca si sviluppa con la collaborazione del Commissariato per l’Energia Atomica francese (CEA), che nelle radiazioni ionizzanti e gli strumenti a disposizione  non ha attualmente equivalente;
- la telemedecina (telesorveglianza, teleconsultazione e telecomunicazioni per favorire il mantenimento delle relazioni sociali), che consente di tenere sotto sorveglianza a distanza lo stato di salute dei pazienti, che accompagna l’allungamento della speranza di vita e il monitoraggio della perdita di autonomia.

Numerosi player stranieri del settore hanno puntato sul mercato francese: Philips, General Electric Healthcare, Siemens Medical Solutions, Toshiba e Hitachi, Agfa Healthcare, Bioptics, Digirad, MITA..Insediati tramite siti produttivi o centri di ricerca sul mercato francese, realizzano i due terzi del fatturato del settore in Francia, e circa l’80% delle esportazioni.

L’imaging medico beneficia della capacità di ricerca del settore medicale e ospedaliero francese che gode di solide competenze e ottima reputazione con nomi di primo ordine come il centro di neuro-imaging NeuroSpin del CEA, la piattaforma d’imaging Mircen, i Poli Ospedalieri Broussais e Pitié Salpétrière, i centri di competenza dell’Inria, Inra ed Inserm, o ancora del CNRS.

Nei cluster francesi, chiamati oltrealpe “poli di competività”, vengono stretti accordi di partnership innovativi che coinvolgono spesso dei gruppi stranieri. In questo campo sono attivi i cluster Alsace BioValley (nella Regione dell’Alsazia), Atlanpole Biothérapies (nella regione dei Paesi della Loira), Cancer-Bio-Santé (nel Midi-Pirenei), Elopsys (nel Limousin), Eurobiomed, (nella Regione Provence-Alpes-Côte d'Azur, abbreviata in PACA), Minalogic, Optitec e Lyon-biopôle (nella Regione del Rodano-Alpi),  Medicen Paris Région, Cap Digital Paris Région e  Systematic (nella Regione Ile-de-France), Images et Réseaux (Bretagna e Paesi della Loira), Alpha-Route des lasers (nell’Aquitaine). Tutti rappresentano elementi di forte attrattività  per i territori che li accolgono e sono ecosistemi aperti. Più di 650 società estere sono membri di uno dei 71 clusters francesi.
Questa dinamica virtuosa è rafforzata sia dalla presenza di incentivi fiscali molto vantaggiosi per lo sviluppo dell’innovazione sotto la forma del “Credito d’Imposta per la Ricerca” o CIR, che dalla politica detta ‘dell’Investimento per il Futuro’, avviata dal Presidente della Repubblica.
In questo contesto, il programma dedicato alla salute e alle biotecnologie, gestito dall’Agenzia Nazionale per la Ricerca (ANR), è dotato di un capitale di 1,55 Miliardi di €. Questo programma contribuirà a dinamizzare ulteriormente la ricerca francese, favorendo la definizione di accordi di partenariato tra imprese e organismi pubblici di ricerca; inoltre il piano porterà ad un’ulteriore accelerazione delle ricadute economiche positive derivanti dai recenti progressi nel settore delle tecnologie della post-genomica, e favorirà l’acquisizione di nuovi dati sull’essere vivente. 
Le principali imprese del settore possono infine contare sul know-how e sulla capacità d’innovazione di molte piccole e medie aziende francesi, che hanno dimostrato di saper sviluppare con grande competenza strategie di specializzazione e di nicchia. Così, l’azienda Supersonic Imaging è l’unica al mondo in grado di proporre un dispositivo di multi-wave imaging utilizzato in oncologia. La società Guerbet invece è « leader » nel settore dei mezzi di contrasto, con una quota di mercato in Europa che si attesta intorno al 25%.

L’Agence Française pour les Investissements internationaux (AFII) è l’agenzia nazionale francese incaricata della promozione, della ricerca e della raccolta degli investimenti internazionali in Francia. L’AFII è l’organismo di riferimento per il monitoraggio dell’attrattività e dell’immagine economica della Francia. L'agenzia dispone di una rete internazionale e lavora in stretto partenariato con le agenzie regionali di sviluppo economico nell’obiettivo di fornire un servizio personalizzato agli investitori. Per maggiori informazioni, contattare monique.trapenard@afii.fr o consultare il sito Web www.investinfrance.org

Contatti in Italia:
 
AFII - Agenzia Francese per gli Investimenti Internazionali - Milano
Dr. Hervé Pottier  - Direttore
Via Cusani, 10 – 20121 Milano
Tel.  02 72 02 25 43
Fax  02 87 66 12  
E-mail: herve.pottier@afii.fr

Per maggiori informazioni:
Contatto stampa:  UBIFRANCE Italia – Pole Presse - Barbara Galli
Corso Magenta, 63 – 20123 Milano
Tel. 02 48 547 310
barbara.galli@ubifrance.fr
www.ubifrance.fr
www.ubifrance.com/it
http://twitter.com/ubifranceitalia

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl