Bagno di Romagna: il bilancio 2005 di Soggetel

previsioni per la società sono positive, con un budget in crescita per

19/dic/2005 05.18.24 Legacoop Forlì-Cesena Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato stampa Legacoop Forlì-Cesena

IL BILANCIO 2005 DELLA SOGGETEL DI BAGNO DI ROMAGNA

(Bagno di Romagna, 19 dicembre 2005) - La Soggetel di Bagno di Romagna
- società aderente a Legacoop Forlì-Cesena - chiude il 2005 con 1,37
milioni di euro di fatturato e un margine positivo di 40mila euro. Le
previsioni per la società sono positive, con un budget in crescita per
il 2006 a 1,59 milioni di euro.

Poco meno di un terzo del fatturato proviene dal servizio di
teleriscaldamento geotermico e cogenerazione gestito per conto del
Comune di Bagno di Romagna. Gli utenti raggiunti sono 320, per una
volumetria riscaldata di 350mila metri cubi e 1,8 milioni di KWh
prodotti. Altre due voci importanti riguardano la gestione del servizio
energia, manutenzione e costruzione di impianti tecnologici per privati
- tra cui le Terme S.Agnese e l’Hotel Tosco-Romagnolo - e la gestione
del centro sportivo comunale Body Art Village di Bagno di Romagna.

Soggetel, che con il tempo è venuta configurandosi come una piccola
“multiutility” per l’alta valle del Savio, gestisce inoltre per conto
di Hera il “front office” per l’utenza e i servizi tecnici di gestione
degli acquedotti pubblici di Bagno di Romagna e Verghereto. «Nel 2006 -
spiega l’amministratore, Fabio Rossi - oltre al consolidamento delle
attività attualmente esercitate, in un quadro di maturazione dei
rapporti commerciali attivati, prevediamo un incremento dei servizi
gestiti per conto di Hera Forlì-Cesena.


:: Soggetel e i benefici del teleriscaldamento
Dal 1985 Soggetel fornisce a case, edifici e alberghi di Bagno di
Romagna energia elettrica e riscaldamento a basso costo e con un
ridotto impatto ambientale, grazie alla cogenerazione. Sfruttando il
calore della terra per produrre calore ed energia elettrica si
abbattono completamente le emissioni di ossidi di zolfo e vengono
ridotti rispettivamente del 18% e del 35%, le emissioni di ossidi di
azoto e di anidride carbonica. Il risparmio è di 300 tonnellate
equivalenti di petrolio all’anno. L’acqua termale di Bagno, che sgorga
a una temperatura di circa 40°C viene portata ai 70-80°C per gli usi di
riscaldamento sfruttando il principio della produzione energetica in
sinergia, attraverso pompe di calore che, utilizzando come fluido di
base l’acqua geotermica, provvedono a riscaldare l’acqua di
circolazione. L’energia necessaria per il funzionamento delle pompe di
calore è prodotta in loco da gruppi di cogenerazione ad energia totale,
alimentati a gas naturale, che permettono il contemporaneo utilizzo
dell’energia termica dovuta al recupero del calore prodotto dai gas di
scarico e dagli organi di movimento. Il calore così prodotto è
impiegato per innalzare ulteriormente la temperatura dell’acqua di
circolazione, che giunge così a circa 76°C, mentre l’energia elettrica
in surplus viene immessa in rete. L’acqua calda per la climatizzazione
degli ambienti e per gli usi sanitari arriva nelle case attraverso una
rete di distribuzione speciale interrata e preisolata, che elimina il
bisogno di avere una caldaia di proprietà.

Emilio Gelosi
Ufficio stampa Legacoop Forlì-Cesena
tel.+39 0543 378240
cell. +39 347 0888128
fax +39 0543 35383
www.legacoopforlicesena.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl