Infertilità e malattie sessualmente trasmesse: interviene la procreazione assistita

Infertilità e malattie sessualmente trasmesse: interviene la procreazione assistita.

Persone Mirella Iaccarino, Stefania Iaccarino
Luoghi Napoli
Organizzazioni Organizzazione Mondiale della Sanità
Argomenti medicina

14/ott/2011 15.59.52 Assunta Rea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Molto serie le conseguenze che le malattie sessualmente trasmesse possono avere sulla fertilità, sia maschile che femminile. Accanto alla prevenzione, molto può fare la scienza attraverso le tecniche di procreazione assistita. Tra i centri specializzati: il Centro Chemis di Napoli.

Secondo le ultime stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’infertilità è un fenomeno riguardante circa il 15% delle coppie. Tantissime e di diversa natura le cause. Tra queste senza dubbio la maggiore libertà sessuale che negli ultimi decenni ha favorito un deciso incremento delle malattie sessualmente trasmissibili che, oltre a recare fastidiosi disturbi, costituiscono un grave problema per la capacità riproduttiva sia maschile che femminile.

Infezioni come la Chlamydia ad esempio, assai diffusa tra i giovani (i meno consapevoli riguardo ai rischi derivanti da rapporti sessuali non protetti), possono portare nella donna un danno irreversibile delle tube in grado di comprometterne la fertilità o in caso di concepimento, il rischio di una gravidanza extra-uterina. Allo stesso modo nell’uomo, un’infezione protratta nel tempo e mai curata, può generare alterazioni delle vie seminali con serie conseguenze per la riproduzione.

Il primo passo da compiere rimane senza dubbio quello di intervenire maggiormente con azioni mirate all’informazione e alla promozione di comportamenti sessualmente responsabili.

Tuttavia, accertato che la prevenzione rappresenta l’arma più efficace per contrastare la diffusione di queste malattie e limitare le conseguenze sulla fertilità, è bene sottolineare che per coloro che desiderano avere un bambino pur avendo contratto in passato un’infezione genitale, molto può fare la scienza attraverso le tecniche di procreazione assistita.

Numerose le strutture specializzate presenti sul territorio italiano. Tra queste il Centro Chemis di Napoli, presidio sanitario specializzato in Procreazione Medicalmente Assistita di I e II livello e ginecologia.

Qui una valida equipe medico-biologa guidata dalle dottoresse Stefania e Mirella Iaccarino, valuterà attentamente le problematiche della coppia e le possibile soluzioni.

Per ricevere maggiori informazioni sulle prestazione effettuate dal Centro Chemis, visita questa pagina.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl