Un alto livello qualitativo contraddistingue la vendemmia 2011 di La Scolca

Un alto livello qualitativo contraddistingue la vendemmia 2011 di La Scolca.

Persone Chiara Soldati
Luoghi Gavi, Italia, Bordeaux
Argomenti viticoltura, agricoltura

18/ott/2011 08.04.41 Pr NewsWire Aziende Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Un alto livello qualitativo contraddistingue la vendemmia 2011 di La Scolca

GAVI, Italy, October 18, 2011/PRNewswire/ --

E' Iniziata il 24 Agosto, con anticipo rispetto alla media della Docg
Gavi, la 92degree(s) vendemmia di La Scolca:



merito di studiati diradamenti e delle avanzate tecniche di coltivazione
messi in atto.



http://www.youtube.com/user/Scolca1?blend=22&ob=5#p/u/1/ylXVOcna_eE
[http://www.youtube.com/user/Scolca1?blend=22&ob=5#p/u/1/ylXVOcna_eE_ ]



Vendemmia 2011 come quella del 2003 o più calda? E' la domanda che il
consumatore si porrà quando avrà sul tavolo una bottiglia di vino, in
specie bianco, dell'annata 2011.



La nostra risposta è che forse il 2003 ha avuto picchi di temperature
più elevate, ma la stagione 2011 ha avuto un clima giornaliero caldo, per
un periodo lungo fuori dal normale, si parla degli ultimi 100 anni, ma la
differenza fondamentale per la qualità della nostra uva bianca è stata
quella di avere delle notti fresche, il che ha permesso alla pianta di
recuperare lo stress del giorno. Il motivo del nostro anticipo sul resto
della zona del Gavi è stata la corretta lavorazione sia del terreno che
della parte verde. In questo ci è stato di grande aiuto seguire le regole
dell'università di Bordeaux da cui proviene l'agronomo che segue i nostri
vigneti.Possiamo dire di aver terminato le operazioni di raccolta nel giro
di 12 giorni quando nelle maggiori proprietà di Gavi la vendemmia non era
ancora cominciata! La temperature della prima uva che raccoglievamo al
mattino era intorno ai 17degree(s), poi saliva gradatamente nel corso della
giornata e nelle ore più calde veniva messo in funzione l'avanzato sistema
di raffreddamento delle uve che al momento dello scarico riportava in
temperatura l'uva in modo da proteggerla e mantenerla intera prima della
pigiatura. Il mosto poi ricoverato subito in serbatoi termo-condizionati
passava le ore successive scendendo verso i 15degree(s) operando una
decantazione statica naturale delle parti solide più pesanti, scartate poi
con il travaso successivo della sola parte più limpida.Nel ricordare
l'andamento climatico, si segnalano le abbondanti riserve idriche che hanno
compensato il caldo e la mancanza di precipitazioni dell'estate. Le
escursioni termiche notturne hanno consentito di raggiungere livelli
qualitativi interessanti sia per i contenuti aromatici che per il
bilanciamento tra acidità e zuccheri, inoltre il clima asciutto ha favorito
il raccolto mattutino rinfrescato da venti moderati.In termini di qualità
le attese hanno confermato una qualità elevata, grazie al fatto che la vite
non ha subito stress e le uve sono sane e molto belle.



Contatto: Chiara Soldati, Phone: +39-0-143-682176, Mobile:
+39(335)5896104





Source: La Scolca s.s.

.


-------
Profile: My Profile 1
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl