Il Kazakistan si colloca tra le prime cinquanta economie mondiali per la conduzione di attivit? imprenditoriali e continua a scalare le classifiche della Banca Mondiale

Il Kazakistan si colloca tra le prime cinquanta economie mondiali per la conduzione di attivit?

Persone Altay Abibullayev, Karim Massimov
Luoghi Europa, Cina, Russia, Bielorussia, Kazakistan, Astana
Organizzazioni Nuova, Banca Mondiale ASTANA, Banca Mondiale, Reuters
Argomenti economia, commercio, finanza

21/ott/2011 07.22.53 Pr NewsWire Aziende Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il Kazakistan si colloca tra le prime cinquanta economie mondiali per la conduzione di attività imprenditoriali e continua a scalare le classifiche della Banca Mondiale

ASTANA, Kazakistan, October 21, 2011/PRNewswire/ --

Nel 2011 il clima di fiducia delle imprese in Kazakistan ha conseguito
un drastico miglioramento, avanzando di 11 posizioni nella graduatoria
"Doing Business" stilata della Banca Mondiale e collocando il Paese tra le
prime 50 economie mondiali per la prima volta nella storia.



Secondo il rapporto "Doing Business 2012", compilato dalla Banca
Mondiale e divulgato in data odierna, il Kazakistan si colloca al 47o posto
in classifica, con un'ascesa di 11 posizioni grazie ai notevoli progressi
conseguiti nelle categorie di protezione degli investitori e pagamento delle
imposte.



Questo successo è un'ulteriore conferma di una crescita stabile già in
corso in Kazakistan, collocatosi l'anno scorso al 59o posto con un balzo di
15 posizioni e confermatosi come il Paese con il più rapido iter di riforme
al mondo nelle graduatorie del 2010.



Karim Massimov, primo ministro kazako, ha commentato: "Il rapporto della
Banca Mondiale è una dimostrazione che il nostro costante programma di
riforme economiche e finanziarie funziona. La nostra apertura agli
investimenti stranieri ha raggiunto livelli senza precedenti, così come il
nostro impegno nella realizzazione di un ambiente che garantisca la
prosperità delle piccole e medie imprese come elementi chiave nell'ambito
degli sforzi volti a creare un'economia futura che sia diversificata,
flessibile e sostenibile. Il Kazakistan è reduce da venti anni di successi
in campo economico, ma in tempi di crisi finanziaria come quelli odierni il
governo ha il compito di continuare a migliorare l'ambiente imprenditoriale
e proseguire la scalata alle classifiche mondiali."



L'ascesa in graduatoria coincide con il periodo in cui l'economia kazaka
si prepara all'implementazione dello Spazio Economico Comune della Customs
Union, prevista per il 1o gennaio 2012, che consentirà il libero movimento
di capitali, beni e manodopera tra Kazakistan, Russia e Bielorussia. La
classifica presenta il Kazakistan come il Paese con le maggiori attrattive
imprenditoriali nell'ambito un mercato di consumatori in rapida crescita che
attualmente conta 165 milioni di persone.



Principali dati emersi dal rapporto:




- Il Kazakistan ha scalato 34 posizioni nella categoria della
protezione degli investitori, classificandosi 10o al mondo, grazie ai
miglioramenti apportati alle norme sull'approvazione delle transazioni
tra le parti interessate e alla semplificazione delle procedure legali a
carico del personale dirigente in caso di transazioni compromettenti tra
le parti interessate.
- Il Kazakistan è avanzato dal 26o al 13o posto al mondo nella
categoria del pagamento delle imposte, grazie a un semplice sistema di
pagamento e a basse aliquote fiscali per promuovere la crescita delle
piccole e medie imprese.
- Il Kazakistan ha mantenuto la stessa posizione tra le prime 30
economie mondiali nelle categorie di registrazione della proprietà (29)
ed esecuzione dei contratti (27).




Note agli editori



1. Rapporto "Doing Business" della Banca Mondiale



Il progetto "Doing Business" fornisce misurazioni oggettive delle
normative che regolano le attività imprenditoriali e della loro
applicazione in 183 economie e città selezionate a livello subnazionale e
regionale. Il progetto, lanciato nel 2002, analizza le piccole e medie
imprese nazionali e misura i regolamenti ad esse applicati durante il ciclo
di vita. Il rapporto relativo al Kazakistan è disponibile all'indirizzo:
http://www.doingbusiness.org/data/exploreeconomies/kazakhstan



Il rapporto completo della Banca Mondiale "Doing Business 2012" è
disponibile all'indirizzo:
http://www.doingbusiness.org/~/media/FPDKM/Doing%20Business/Documents/Annual
-Reports/English/DB12-FullReport.pdf
[http://www.doingbusiness.org/~/media/FPDKM/DoingBusiness/Documents/Annual-Reports/English/DB12-FullReport.pdf ]



2. Cenni storici sull'economia kazaka



Un successo duraturo




- Nell'arco dello scorso decennio, l'economia kazaka ha
registrato una crescita superiore al doppio. Con un tasso di crescita
media annua dell'8-9%, il Kazakistan si colloca tra le dieci economie
con il miglior rendimento a livello mondiale.
- Dal 1994 lo stipendio mensile di un lavoratore kazako è
aumentato di ben 45 volte, fino a raggiungere la media attuale di $600
al mese. Il tasso di povertà si è ridotto di quattro volte in 10 anni.
- Nell'anno in corso l'economia è già avviata verso una crescita
massima del 7%, con una prospettiva di crescita media del 7% per gli
anni 2011 - 2015.
- Nell'anno trascorso il surplus del commercio estero kazako è
cresciuto di oltre un terzo, da $8,1 miliardi nel primo trimestre del
2010 a $11,6 miliardi nello stesso periodo del 2011.
- Le esportazioni hanno registrato un incremento annuo del 36%,
con una quota pari a $18,3 miliardi nei mesi di gennaio-marzo 2011;
analogo l'andamento delle importazioni, cresciute del 26% durante lo
stesso periodo per un valore totale di $6,8 miliardi.




Promozione di diversificazione e investimento




- La strategia di diversificazione implementata dal governo ha
consentito all'industria manifatturiera kazaka di registrare una
crescita di quasi un quinto nel 2010, con una percentuale di crescita
industriale complessiva pari al 10%.
- Quasi 700.000 piccole e medie imprese impiegano attualmente più
di 2,5 milioni di lavoratori kazaki e rappresentano oltre il 30% del
PIL.
- Il governo ha in programma l'implementazione di 294 progetti di
investimento entro il 2014, per un valore di $55,5 miliardi.
- Ad Astana è prevista la realizzazione di 11 progetti di
investimento nel corso dei prossimi cinque anni, per un valore di $5
miliardi. Tali progetti riguardano settori differenti quali
infrastrutture e tecnologie spaziali. Nella capitale kazaka sono già
state istituite due zone economiche speciali.
- Il Kazakistan ha messo in atto un programma di ingenti
investimenti infrastrutturali: la Nuova Via della Seta ridurrà di ben
45 giorni il tempo necessario a raggiungere la Cina dall'Europa. Oltre
che dalle grandi potenzialità del Paese, dunque, gli investitori
trarranno vantaggio dalla facilità di accesso a una regione di enorme
importanza geostrategica.




Fonti: Governo del Kazakistan, Economist Intelligence Unit, Banca
Mondiale, Reuters, Bloomberg





Source: Ministry of Foreign Affairs of the Republic of Kazakhstan

Per ulteriori informazioni o per richiedere un'intervista, si prega di contattare Altay Abibullayev al numero +77018882653 o all'indirizzo e-mail altaykaz1@gmail.com


-------
Profile: My Profile 1
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl