BB&T riporta un EPS di $ 0,52, pi? 73%; il reddito netto aumenta del 69%

22/ott/2011 08.56.51 Pr NewsWire Aziende Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
BB&T riporta un EPS di $ 0,52, più 73%; il reddito netto aumenta del 69%

WINSTON-SALEM, Carolina del Nord, October 22, 2011/PRNewswire/ --


- I prestiti medi totali aumentano del 4% su base annua


In calo dell'11% le attività non produttive




BB&T Corporation (NYSE: BBT) ha annunciato oggi un utile netto di 371
milioni di dollari nel terzo trimestre, per un aumento pari al 69% rispetto
ai 219 milioni di dollari dichiarati nel terzo trimestre dello scorso anno.
Il reddito netto disponibile per gli azionisti comuni era di 366 milioni di
dollari, o $ 0,52 per azione comune diluita, rispetto ai 210 milioni di
dollari, o $ 0,30 per azione comune diluita, guadagnati durante il terzo
trimestre del 2010. Tali risultati riflettono rispettivamente un aumento del
74% e del 73%.



"È con grande soddisfazione che annunciamo il trimestre con i maggiori
profitti nell'arco di tre anni", ha dichiarato il Presidente e
Amministratore Delegato Kelly S. King. "L'aumento è stato indotto da un
sensibile miglioramento della qualità del credito e del reddito da
interesse netto". Le entrate nette del trimestre in corso ammontano a 2,1
miliardi di dollari, generate da un reddito da interesse netto imponibile
equivalente di 1,5 miliardi di dollari, l'8% in più rispetto allo scorso
anno.



"BB&T ha inoltre registrato una solida crescita dei prestiti su vasta
scala", ha affermato King. "I prestiti medi di BB&T trattenuti per
investimento sono cresciuti del 4% su base annua e, se si esclude il nostro
portafoglio di ADC residenziali e coperti, sono aumentati del 7% su base
annua. Inoltre, tutti i nostri indicatori principali per la crescita dei
prestiti sono positivi, rivelando una solida distribuzione ed uno slancio
robusto man mano che si avvicina il quarto trimestre.



"Continuiamo ad assistere a tassi di crescita impressionanti nei
depositi a basso costo e a migliorare la nostra offerta di conti-deposito",
ha dichiarato King. "I depositi medi sono aumentati del 32% su base annua
rispetto al secondo trimestre, mentre i depositi non fruttiferi e i conti
corrente che offrono tassi di interesse sono aumentati rispettivamente del
22% e del 14%. Abbiamo ridotto il costo medio dei depositi fruttiferi dallo
0,72% dell'ultimo trimestre allo 0,65% di questo trimestre".



"Abbiamo ridotto le attività non produttive di circa 900 milioni di
dollari negli ultimi due trimestri, portandoli al livello più basso in due
anni e mezzo. Continuiamo a fare progressi significativi in tutti i settori
creditizi", ha dichiarato King. "In particolare, le attività non produttive
sono diminuite dell'11% nel corso del trimestre e l'afflusso di nuove
attività non produttive è diminuito del 12%.



"Infine, il nostro margine di interesse netto è rimasto saldamente al
4,09% nel terzo trimestre rispetto al 4,15% dell'ultimo trimestre", ha
affermato King. "La lieve diminuzione deriva essenzialmente dal fatto che i
titoli costituiscono una percentuale più alta di attività produttrici di
reddito".



Indici di performance del terzo trimestre 2011




- I prestiti e leasing medi trattenuti per investimento sono
aumentati del 4,3% su base annua rispetto al secondo trimestre
- I prestiti medi C&I sono aumentati del 7,5%
- I prestiti medi nei gruppi di credito specializzati sono
aumentati del 30,8%
- I mutui ipotecari medi sono aumentati dell'11,0%
- I crediti di finanziamento delle vendite sono aumentati del
2,8%
- I prestiti medi per credito revolving sono aumentati del
7,5%
- I prestiti medi diretti al dettaglio sono aumentati del 3,6%
- In totale, i prestiti medi trattenuti per investimento,
escluso l'impatto di ADC, coperti e altri deflussi di prestito
acquisito, sono aumentati del 7,4%.
- I prestiti medi di ADC residenziali sono diminuiti del 48,3%





- Il margine di interesse netto è rimasto forte
- Il margine di interesse netto si attestava al 4,09% per il
terzo trimestre, invariato rispetto al terzo trimestre del 2010 e
più basso di 6 punti base rispetto all'ultimo trimestre





- L'andamento dei miglioramenti nelle attività problematiche
è rimasto veloce nel corso del trimestre
- Le attività non produttive (NPA) sono diminuite dell'11,5%
escluse le attività garantite: il 6o semestre consecutivo
caratterizzato da NPA più basse
- I TDR performing (debiti problematici totali) sono diminuiti
del 9,4%, esclusi i prestiti garantiti dal governo
- L'afflusso di NPA è diminuito del 12,1%
- I crediti insoluti da (o da oltre) 90 giorni e ancora in
maturazione sono diminuiti del 7,9%, esclusi i prestiti coperti e
quelli garantiti dal governo
- I crediti insoluti da 30 a 89 giorni e ancora in maturazione
sono aumentati del 5,7% a causa di fattori stagionali nel
portafoglio di prestito e mutuo specializzato
- Gli storni netti ammontano in totale all'1,44% di prestiti
medi per il trimestre, esclusi i prestiti coperti, scendendo dalla
percentuale di 1,80% rilevata nell'ultimo trimestre





- I depositi medi sono aumentati di 8,6 miliardi di dollari o
32,0% su base annua collegata al trimestre
- I depositi non fruttiferi medi sono aumentati di 1,2
miliardi di dollari (21,8%)
- I depositi medi relativi a conti corrente che offrono tassi
di interesse sono aumentati di 667 milioni di dollari (14,4%)
- I depositi medi a risparmio e i depositi medi di mercato
monetario erano aumentati di 2,8 miliardi di dollari (28,1%)
- I certificati medi e altri tipi di depositi vincolati sono
aumentati di 4,2 miliardi di dollari (63,6%)
- I costi medi dei depositi fruttiferi sono scesi allo 0,65%
rispetto allo 0,72% del secondo trimestre





- I livelli di capitale sono ulteriormente migliorati durante
il trimestre
- Il TCE è rimasto stabile al 7,1%
- Il capitale comune di classe 1 è aumentato al 9,8%
- Il capitale di rischio di classe 1 è aumentato al 12,5%
- Il capitale di finanziamento è rimasto stabile al 9,2%
- Il capitale totale è rimasto stabile al 16,1%




Ampliati i servizi assicurativi di BB&T attraverso due acquisizioni



Nel corso di questo trimestre, BB&T ha ampliato le proprie attività
assicurative mediante l'acquisizione di Liberty Benefit Insurance Services
con sede a San Jose, in California. Liberty è una società di
intermediazione con una gamma completa di servizi volti ad offrire benefici
ai dipendenti; collabora con grossi clienti commerciali al fine di
assisterli nella gestione delle crescenti spese sanitarie, nella
comprensione delle normative in evoluzione e nell'amministrazione di
benefici complessi.



Inoltre, BB&T è ora presente nell'area metropolitana di Baltimora
grazie all'acquisizione della Atlantic Risk Management Corporation of
Columbia, nel Maryland. Atlantic Risk Management è una società di
intermediazione che si occupa di proprietà commerciale, sinistri e benefici
per i dipendenti; offre consulenza in materia di gestione del rischio e
fornisce una vasta gamma di servizi e di prodotti assicurativi
professionali.



Webcast sui profitti, presentazione e riepilogo trimestrale dei
rendimenti



Per ascoltare un webcast in diretta della teleconferenza sui profitti
del terzo trimestre 2011 di BB&T in programma oggi alle ore 8.00 (fuso
orario della costa orientale degli Stati Uniti), visitare il nostro sito Web
http://www.BBT.com. Nel corso della teleconferenza sui profitti, verrà
utilizzata una presentazione disponibile sul nostro sito Web. Le repliche
della teleconferenza saranno disponibili sul sito Web di BB&T fino a
venerdì 4 novembre 2011, oppure chiamando il numero 1-888-203-1112 (codice
di accesso 4313363) fino al 25 ottobre 2011.



Per accedere al webcast e alla presentazione, che comprende un'appendice
riassuntiva sugli elementi non GAAP, accedere al sito http://www.BBT.com
e fare clic su "About BB&T", quindi su "Investor Relations". Il collegamento
al webcast è disponibile nella sezione "Webcasts", mentre sarà possibile
accedere alla presentazione dalla sezione "View Recent Presentations".



Il riepilogo trimestrale dei rendimenti del terzo trimestre 2011 di
BB&T, comprensivo di programmazioni finanziarie dettagliate, è disponibile
sul sito Web di BB&T all'indirizzo http://www.BBT.com/financials.html.



Informazioni su BB&T



A partire dal 30 settembre 2011, BB&T rappresenta una delle più grandi
holding di servizi finanziari negli Stati Uniti con 168 miliardi di dollari
in attività e una capitalizzazione di mercato di 14,9 miliardi di dollari.
Con sede a Winston-Salem, N.C., la società gestisce circa 1.800 centri
finanziari in 12 Stati nonché a Washington, D.C., offrendo una gamma
completa di prodotti e servizi assicurativi, bancari per imprese e privati,
intermediazione di titoli, gestione patrimoniale, mutui. Presente nella
lista annuale Fortune 500, BB&T si distingue costantemente per l'eccellenza
nel soddisfare i clienti, come riconosciuto da J.D. Power and Associates,
U.S. Small Business Administration, Greenwich Associates e altri. Per
maggiori informazioni su BB&T e sulla sua linea completa di prodotti e
servizi, visitare il sito Web http://www.BBT.com.



I coefficienti patrimoniali dell'attuale trimestre sono preliminari. I
dati relativi alla qualità del credito non prendono in considerazione, ove
possibile, i prestiti coperti e garantiti dal governo



Questo comunicato stampa presenta le informazioni finanziarie e le
misure sui rendimenti stabilite attraverso metodi diversi da quelli che si
attengono ai principi di contabilità generalmente accettati negli Stati
Uniti d'America ("GAAP"). Il management di BB&T ricorre a questi indici "non
GAAP"nell'analisi dei risultati societari. Il management di BB&T utilizza
tali indici al fine di valutare i risultati alla base e l'efficienza delle
proprie operazioni. Si ritiene che tali indici non GAAP consentano una
migliore comprensione delle operazioni in corso e permettano di raffrontare
meglio i risultati con quelli dei periodi precedenti come pure di
evidenziare gli effetti dei profitti e degli oneri significativi relativi al
periodo in corso. La società ritiene che per un'analisi significativa dei
risultati finanziari sia necessario comprendere i fattori alla base di
questi ultimi. Il management di BB&T ritiene che gli investitori possano
utilizzare questi indici non GAAP per analizzare i risultati finanziari
senza l'impatto di elementi insoliti che potrebbero occultare le tendenze
sottostanti i risultati dell'azienda. Queste informazioni non devono essere
considerate sostitutive degli indici finanziari determinati in conformità
ai principi contabili GAAP e non sono necessariamente confrontabili con
eventuali indici non GAAP presentati da altre aziende. I coefficienti
relativi al patrimonio netto materiale (TCE) e al capitale comune di classe
1 sono coefficienti non GAAP. Per il calcolo di questi coefficienti, BB&T
usa la definizione di capitale comune di classe 1 utilizzata nella
valutazione SCAP. Il management di BB&T utilizza questi indici per valutare
la qualità del patrimonio e ritiene che gli investitori potrebbero trovarli
utili per l'analisi dell'azienda. Questi indici patrimoniali non sono
necessariamente confrontabili con eventuali indici patrimoniali analoghi
presentati da altre aziende. Gli indici di qualità dell'attivo sono stati
adattati per eliminare l'influenza dei crediti acquisiti e dei pignoramenti
non riscattabili che rientrano negli accordi di ripartizione delle perdite
FDIC, poiché il management ritiene che la loro inclusione determini la
distorsione di tali indici e possa renderli non confrontabili con quelli di
altri periodi o con altri portafogli non influenzati dalla contabilità
delle acquisizioni.



Il presente comunicato stampa contiene alcune dichiarazioni aventi
carattere previsionale, come definito nel Private Securities Litigation
Reform Act del 1995. Tali dichiarazioni possono riguardare questioni che
implicano in misura significativa rischi, incertezze, stime e ipotesi del
management. I risultati effettivi potranno differire notevolmente rispetto
alle proiezioni attuali. Per una sintesi dei fattori cruciali suscettibili
di influenzare le dichiarazioni previsionali di BB&T, consultare la
documentazione su BB&T depositata presso la Securities and Exchange
Commission (Commissione per i titoli e gli scambi). BB&T non assume alcun
obbligo in merito alla revisione di queste affermazioni dopo la data del
presente comunicato stampa.





Source: BB&T Corporation

ANALISTI, Tamera Gjesdal, Vice Presidente Senior, Relazioni con gli Investitori, +1-336-733-3058, o Alan Greer, Vice Presidente Esecutivo, Relazioni con gli Investitori, +1-336-733-3021, MEDIA, Cynthia Williams, Vice Presidente esecutivo, Comunicazione Corporate, +1-336-733-1478


-------
Profile: My Profile 1
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl