HR Italia e la formazione tramite coaching

27/ott/2011 00.34.28 Fifth Avenue Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Che cosa è il coaching? L’ultima frontiera della formazione professionale e della crescita personale, per essere un passo avanti agli altri.

L’importante non è quanto il tuo cervello sia pieno di informazioni utili a fronteggiare le situazioni, ma è piuttosto quanto il tuo cervello sia elastico nell’assorbire l’epocale cambiamento di questi anni e nel gestire i ritmi di business che si profilano all’orizzonte dell’economia e del mondo del lavoro attuale. Inutile negare che coloro che avranno maggiori possibilità e facilità di adattamento alla situazione attuale, saranno quelle persone che dopo una corretta formazione, riusciranno a cogliere le opportunità presenti in questa particolare situazione, e che sapranno vedere opportunità dove tutti gli altri vedono problemi. Questo è il principio cha anima la formazione di HR Italia, che vuole essere un passo avanti agli altri non solo per un mero motivo di orgoglio professionale, ma soprattutto per permettere di sopravvivere a coloro che si sono rivolti a questa importante azienda di formazione professionale.

Adesso finalmente la società stessa, tramite condizioni di vita un po’  più dure, è divenuta in grado di vagliare le persone uscite da una scuola, da un corso, da un master, o da qualsiasi altro percorso formativo, al fine di verificare che la formazione acquisita non sia solo accademica ma con dei contenuti utili a fronteggiare le problematiche di questa società. Oggi la formazione teorica e accademica rimangono cose “belle” ma altrettanto inutili. Invece la formazione vincente non è quella che si compiace nella cultura passata e presente, ma quella che fornisce strumenti adatti per cambiare sistema, e per cambiare radicalmente il proprio modo di lavorare senza incappare in una comprensibile depressione nervosa. Saper gestire il cambiamento oggi come oggi è la prima cosa da imparare, ma quando ciò sarà abbastanza consolidato, allora si potrà concedere ancora qualcosa in più alle strategie e alle teorie. Oggi la formazione necessaria a cambiare i propri meccanismi interni al fine di gestire il cambiamento, come ad esempio una guida per ridisegnare le proprie mappe mentali, deve essere condotta in modo pratico e più simile ad una palestra o un esercito piuttosto che ad un’aula universitaria. Gli interventi non devono essere informativi (questa è solo una fase propedeutica alla formazione), ma devono essere estremamente formativi ed entrare nel modo di vivere per cambiare i meccanismi principali del nostro pensiero. Solo così la persona potrà essere formata per fronteggiare le situazioni attuali, specie se si tratta di una persona con una esperienza pregressa importante, che ha imparato a lavorare con altri sistemi. Pensiamo a quanti sforzi deve compiere un over 50 per trovare una collocazione logica nell’attuale mondo del lavoro. Si capisce adesso perché la formazione deve essere così incisiva nella psiche di chi vuole misurarsi con questo mondo? Ecco perché la PNL, o più recentemente la fisica quantistica si sforzano di trovare dei principi di funzionamento e soprattutto lavorano per cambiare tutti i baricentri del nostro modo di pensare.  

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl