Sicurezza Rete Elettrica: “Trasversale in Veneto” Terna, AD Flavio Cattaneo, riavvia la concertazione

Sicurezza Rete Elettrica: "Trasversale in Veneto" Terna, AD Flavio Cattaneo, riavvia la concertazione.

Persone Flavio Cattaneo
Luoghi Veneto, Venezia, Treviso, Fonte, Volpago del Montello
Argomenti elettricità

08/nov/2011 15.42.40 Phinet Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La realizzazione dell’elettrodotto è indispensabile per la sicurezza della rete della regione.
Lo sviluppo e la sicurezza della rete elettrica delle aree di Treviso e Venezia passa per la concertazione. In quest’ottica si inserisce infatti la ripresa dei contatti fra Terna, AD Flavio Cattaneo, e gli Enti locali che saranno interessati dai lavori dell’elettrodotto “Trasversale in Veneto”, una nuova linea indispensabile ed urgente per evitare i black out.

Lo sviluppo e la sicurezza della rete elettrica delle aree di Treviso e Venezia passa per la concertazione. In quest’ottica si inserisce infatti la ripresa dei contatti fra Terna, la società che gestisce la rete nazionale, e gli Enti locali che saranno interessati dai lavori dell’elettrodotto “Trasversale in Veneto”, una nuova linea indispensabile ed urgente per evitare i black out.



L’analisi effettuata sulla rete di trasmissione del Veneto, infatti, ha evidenziato valori critici dei transiti di corrente, non consentendo sufficienti margini di riserva qualora altre linee elettriche esistenti dovessero andare fuori servizio per guasti accidentali o manutenzioni programmate, comportando così gravi rischi di black out.

Al fine di garantire maggiori livelli di affidabilità e qualità al sistema elettrico del Veneto il Piano di Sviluppo della Rete di Trasmissione Nazionale, approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico, prevede la realizzazione in Veneto di un collegamento a 380 kV trasversale alle due esistenti direttrici 380 kV.

Terna ha, dunque, elaborato un complesso intervento di razionalizzazione della rete esistente che prevede la realizzazione di una linea a 380 kV tra l’esistente stazione di Venezia Nord e la nuova stazione elettrica a Volpago del Montello, nonché l’abbattimento di oltre 80 km di vecchie linee elettriche, che oggi sono lambite da più di 1.000 abitazioni; ciò a fronte di circa 30 km di nuova linea costruiti su terreno agricolo, contemplando sempre distanze di sicurezza dagli edifici nettamente superiori a quanto imposto dalla normativa vigente.

Fonte: WebMagazine

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl