L’innovazione a Pavia (15 dicembre 2011): alcuni esperti del mondo universitario, della formazione, dell’impresa e della ricerca in diretta dall'Inno2days

Massimo Longo Adorno, ricercatore di storia dell'Europa contemporanea presso l'Università di Messina; Paolo Cervari, consulente, formatore e coach Master in Communication and Strategic Coaching con il Mental Research Institute (Palo Alto, California); Paolo Carucci, Founder & Ad di Zeye Srl; Giovanni Ingrosso, Responsabile Risorse umane di Arca Sgr e Gianandrea Abbate, presidente dell'Istituto di ricerca Psycho Research, testimoniano l'importanza dell'innovazione e analizzano le idee chiave per un rinnovamento delle imprese italiane sul lungo periodo.

Persone Gary Hamel, Gianandrea Abbate, Arca Sgr, Giovanni Ingrosso, Paolo Carucci, Master, Paolo Cervari, Massimo Longo Adorno
Luoghi Italia, Europa, Messina, Milano, Pavia, Lombardia, California, Palo Alto
Organizzazioni Psycho Research, Zeye Srl, Mental Research Institute
Argomenti impresa, economia

05/dic/2011 09.21.31 redoffice Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Massimo Longo Adorno, ricercatore di storia dell’Europa contemporanea presso l’Università di Messina; Paolo Cervari, consulente, formatore e coach Master in Communication and Strategic Coaching con il Mental Research Institute (Palo Alto, California); Paolo Carucci, Founder & Ad di Zeye Srl; Giovanni Ingrosso, Responsabile Risorse umane di Arca Sgr e Gianandrea Abbate, presidente dell’Istituto di ricerca Psycho Research, testimoniano l’importanza dell’innovazione e analizzano le idee chiave per un rinnovamento delle imprese italiane sul lungo periodo. Questi concetti saranno dibattuti all’Inno2days Pavia il 15 dicembre 2011

A Inno2days (Camera di Commercio di Pavia, 15 dicembre 2011), open day rivolto in particolare alle PMI e caratterizzato dalla condivisione e dalle prove pratiche di innovazione, si discuterà sulle ricette anticrisi, urgenti in questo momento di recessione. Ricercatore di storia dell’Europa contemporanea presso l’Università di Messina, Massimo Longo Adorno sostiene che “la fantasia e le capacità individuali non hanno mai fatto difetto al tessuto imprenditoriale italiano. Quella che in molti casi ha faticato a imporsi è stata la presenza di una valida cultura dell’Organizzazione, capace di spaziare a ‘tutto campo’, favorendo il processo di integrazione, aggiornamento e penetrazione commerciale delle PMI italiane, in contesti spazio temporali ampi e diversificati rispetto al mercato nazionale. All’interno dello scenario di attrito economico globale che ci troviamo oggi a vivere, le tradizionali doti di fantasia e di creatività tipiche dell’imprenditoria italiana possono fare ancora la differenza tra noi e il resto del mondo, a patto di coniugarle con una maggiore disciplina di organizzazione e di programmazione che consenta di valorizzare adeguatamente  la produttività del sistema Italia di cui le PMI sono e saranno l’architrave”.

“Il concetto di innovazione mi fa pensare non solo a quella di processo o prodotto, ma anche a quella organizzativa, che secondo Gary Hamel è l'unica a consentire vantaggi competitivi durevoli” sostiene Paolo Cervari, consulente, formatore e coach Master in Communication and Strategic Coaching con il Mental Research Institute (Palo Alto, California). “Credo anche che oggi due siano i driver fondamentali: la capacità di pensiero riflessivo e di empatia (favoriti peraltro da determinati assetti o modelli o progetti organizzativi), su cui ho scritto in ‘Il filosofo in azienda’ e ‘IES - Intelligenza empatico sociale’. Riflessività ed empatia sono peraltro due ingredienti fondamentali dell'intelligenza collettiva, altro elemento chiave per l'innovazione, che credo oggi possa cambiare di passo (o paradigma) attraverso il networking”.

“Innovare è una parola che può portare le aziende ai limiti di un territorio che non conoscono” dichiara Paolo Carucci, Founder & Ad di Zeye Srl. “Molte volte non hanno veri innovatori all’interno delle proprie strutture. Per me innovazione significa un mix di sicurezza abbinata ad un continuo apprendimento dello scenario che cambia costantemente. E’ come essere sempre pronti a cambiare pelle mantenendo però internamente l’expertise e la qualità che consentono di affrontare problematiche complesse con un team d’azione nato sui ‘campi di gioco’. Velocità ed esperienza permettono un continuo trend di innovazione aziendale che è poi facile trasferire ai clienti, vivendo con loro un successo lavorativo”.

Giovanni Ingrosso, Responsabile Risorse umane di Arca Sgr, afferma: “viviamo in un’epoca in cui spesso ci si accontenta delle parole e poco si fa caso ai concetti. Innovazione, ad esempio, è una parola che piace, di cui parlano tutti ma di cui a volte sfugge il vero significato. Inventare un nuovo prodotto, improvvisare un nuovo mestiere non significa aver innovato; un prodotto nuovo scompare, anche se potrebbe avere un mercato, perché chi lo ha inventato non lo sa portare al pubblico; un mestiere nuovo, nello stesso modo, si esaurisce perché non sa creare attorno a sè l’ambiente adatto a farlo proliferare e diffondere. L’innovazione non è quindi un fatto ma uno stato della mente: quando si inventa un nuovo prodotto bisogna avere il coraggio di capire che esso cambierà l’ambiente in cui si muoverà, quali effetti il suo ingresso nel mercato porterà, quali mestieri nuovi produrrà e che effetti avrà sulla società. Spesso in Italia le piccole e medie imprese sono il frutto di innovazione: un tecnico inventa una nuova attrezzatura, un artigiano inventa un nuovo processo produttivo ma sovente tutto si ferma qui; innovare invece significa non solo guardare avanti ma anche intorno, sopra e sotto. Significa accettare il cambiamento che l’innovazione introduce; è difficile ma se le cose vanno in questo modo l’innovazione diviene solo un altro pacco di carte presso il più vicino ufficio brevetti”.

Gianandrea Abbate, presidente dell’Istituto di ricerca Psycho Research, spiega il significato più profondo di innovazione nella ricerca psicolinguistica: “un marchio senza emozioni non è altro che merce anonima e ben oltre il 70% del comportamento del consumatore è emotivo, non razionale. Il nostro contributo è quello di sondare e integrare i bisogni profondi degli utenti nella costruzione del prodotto e della sua immagine. I bisogni profondi emozionali, infatti, sono diversi da quelli razionali e funzionali. Basta una vocale, un colore ‘incoerenti’ per comunicare erroneamente”.

Inno2days è organizzato da Innovhub, l’azienda speciale per l’innovazione della Camera di Commercio di Milano, dalla Camera di Commercio di Pavia, da QUESTIO Regione Lombardia e da Enterprise Europe Network. A partecipazione gratuita (previa iscrizione a susy.longoni@mi.camcom.it) si svolgerà il 15 dicembre 2011 dalle 10 alle 17; ad interrompere la giornata ci sarà un pranzo a km zero per valorizzare il territorio e le sue risorse.

 

http://inno2days.wordpress.com/  

 

SAVE THE DATE

Inno2days

15 dicembre 2011

Camera di Commercio di Pavia - via Mentana, 27

Iscrizione: susy.longoni@mi.camcom.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl