Officinae Verdi, kit fotovoltaici per l’energia fai-da-te: risparmi in bolletta e in emissioni.

15/dic/2011 23.35.20 Phinet Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Secondo Officinae Verdi una famiglia di 4 persone, ad esempio, che abita in una casa di 120mq, con una superficie di tetto disponibile di 24 mq, pagando una bolletta energetica (luce e gas) di 2.750 euro annui, con un EKØ 1 fotovoltaico da 3 kWp, riesce ad ottenere un risparmio di 1.900 euro/anno, ossia il 69% della spesa energetica complessiva.

Un kit pronto da istallare in casa per diventare autoproduttori di energia ed abbattere i costi della bolletta. L'iniziativa, rivolta alle famiglie ed alle piccole imprese, è di Officinae Verdi, Società UniCredit-WWF, che ha lanciato EK0, l'energia a chilometro zero, un Energy Kit Fotovoltaico ed Efficienza Energetica, finanziabile fino al 100%.

Secondo la società, gli EKØ Energy Kit consentono di tagliare la bolletta energetica anche fino all'80% nei casi di soluzioni che integrano fotovoltaico ed efficienza energetica. In base alla tipologia di abitazione e ai consumi, si può scegliere tra EKØ 1, EKØ 2, EKØ 3, rispettivamente kit fotovoltaici, kit di efficienza energetica e kit fotovoltaico + efficienza.

''Questo è per noi un passo importante - ha dichiarato Paolo Fiorentino Vice Direttore Generale e Chief Operating Officer del Gruppo UniCredit - nella logica di offrire attraverso Officinae Verdi delle soluzioni concrete alle famiglie e alle imprese in termini di energie rinnovabili, efficienza energetica e riduzione delle emissioni di CO2. Per questo abbiamo deciso di avviare anche attraverso la nostra rete un percorso di sensibilizzazione su questi prodotti, partiamo ora in 3 regioni, Lazio Abruzzo e Sardegna, per poi estenderlo a partire da marzo a tutto il territorio nazionale''.

''Con la costituzione di Officinae Verdi, ha commentato Gaetano Benedetto Presidente Officinae Verdi e Direttore Politiche WWF Italia, il WWF si è posto in un'ottica di servizio nei confronti dei cittadini che sono al tempo stesso utenti e consumatori. La svolta delle energie rinnovabili passa anche attraverso una semplificazione delle procedure, anche finanziarie, per rendere agevole e possibile sia l'acquisto di impianti fotovoltaici, sia gli interventi di efficienza energetica".

La domanda di energia su scala globale è in costante e progressivo aumento: + 40% tra il 1990 e il 2010 e, secondo le stime diffuse in occasione del Congresso mondiale sull'energia di Montreal del 2010, in ulteriore aumento per il periodo 2010 - 2030, tra il 30 e il 40%. Con la domanda di energia sono anche in aumento le emissioni di CO2; secondo l'Agenzia Europea dell'Ambiente, le emissioni nel 2010 a livello europeo sono cresciute del 2,4%.

A fronte di maggiori criticità ambientali, il 33% delle pmi in Italia ha adottato negli ultimi due anni tecnologie finalizzate alla riduzione dell'impatto ambientale (Indice di green economy elaborato da Fondazione Impresa), pur rimanendo alto il costo degli sprechi aziendali legati alla cattiva gestione dei consumi energetici: 7,8 miliardi di euro nel 2010 (dati Epson, Business Efficiency Report 2011). Eppure sarebbe sufficiente un aumento dell'efficienza del 5% per incrementare i ricavi del 4%, pari a 31 miliardi di euro.

Le famiglie, dal canto loro, combattono con bollette e costi dell'energia sempre più alti - da ottobre le tariffe del gas sono aumentate del 5,5%, dopo gli aumenti già registrati ad aprile del 3,9% e del 2% rispettivamente per energia elettrica e gas (dati Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas) - il 90% degli italiani, secondo un sondaggio realizzato dall'Istituto Makno sui comportamenti energetici degli italiani, ritiene che le fonti rinnovabili rappresentino la soluzione ai problemi del risparmio energetico e dell'inquinamento. In particolare, in un prossimo futuro, il 34% degli italiani dichiara di voler installare un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica, il 32% pannelli solari per il riscaldamento dell'acqua, il 28% un impianto di condizionamento caldo/freddo.

Ma quanto si risparmia diventando produttori del proprio fabbisogno energetico? Secondo Officinae Verdi una famiglia di 4 persone, ad esempio, che abita in una casa di 120mq, con una superficie di tetto disponibile di 24 mq, pagando una bolletta energetica (luce e gas) di 2.750 euro annui, con un EKØ 1 fotovoltaico da 3 kWp, riesce ad ottenere un risparmio di 1.900 euro/anno, ossia il 69% della spesa energetica complessiva. Un'operazione che in termini di emissioni di CO2, garantisce una riduzione del 32% all'anno. Con un tempo di ritorno dell'investimento, finanziabile al 100% attraverso la rete UNicredit, in circa 6-7 anni.

I servizi di Officinae Verdi sono chiavi in mano, attivabili con una semplice telefonata all'Energy Desk Numero Verde 800.330055: dal primo check up energetico e sopralluogo tecnico per la progettazione dell'intervento, fino alla ricerca di soluzioni finanziarie personalizzate, le pratiche per gli incentivi e le detrazioni fiscali, l'installazione dell'impianto, il collaudo e il monitoraggio.

FONTE: Adnkronos.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl