Street Style: Keith Haring e l’originale Uniform Experiment

Uniform Experiment è un progetto nato diversi mesi fa dalla collaborazione di due istituzioni del mondo streetwear: Hiroshi Fujiwara di Fragment Design e Hirofumi Kiyonaga di Sophnet.

Luoghi Giappone
Organizzazioni Keith Haring Foundation
Argomenti abbigliamento, commercio, economia, accessori

20/dic/2011 17.13.05 Fifth Avenue Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Uniform Experiment è un progetto nato diversi mesi fa dalla collaborazione di due istituzioni del mondo streetwear: Hiroshi Fujiwara di Fragment Design e Hirofumi Kiyonaga di Sophnet. La sfida che i due designer giapponesi hanno dovuto affrontare è stata senza dubbio importante: si trattava di creare una nuova collezione di abbigliamento che doveva comportare un'evoluzione dello streetwear. Uno stile più maturo e consapevole, forse meno istintivo ed intuitivo, e quindi doveva anche essere un po' più formale, e doveva avere lo scopo preciso di attrarre quella fascia di clienti che per motivi professionali oppure di età è costretta ad abbandonare questo stile così d'impatto giovanile, e che sempre più spesso viene riservato agli under 30. Sarebbe stata un'impresa di non poco conto. Ma qui entra in scena “Uniform Experiment”, parola intesa soprattutto come unìforme di lavoro, come divisa che lascia ben poco spazio alla creatività e alla fantasia. Il risultato di questo stile è un tratto stilistico elegante ma fresco, classico ma con svariate contaminazioni del mondo street.In questa particolare linea diabbigliamento, i due stilisti hanno scelto come protagonista un’artista Street di prim'ordine come Keith Haring, già famoso in tutto il mondo per le sue opere d’arte e famoso anche per essere stato "riportato" su una gamma infinita di accessori e capi di diversi marchi. La linea, in particolare per il mercato europeo, comprende borse, collane, papillon, foulard e cravatte. In primo piano soprattutto i colori e il “bimbo radiante” presente come un grande marchio sulla maggior parte dei lavori firmati da Keith Haring. Certo è che possiamo dire quello che vogliamo sull'originalità, sulla giovinezza dei capi street, ma il fascino dell’uniforme non delude mai. Certo dobbiamo dire anche che questi signori della moda non si scomodano certo per pochi spiccioli. Pochi esempi basteranno per chiarirci le idee sull’ordine di spesa di questo “esperimento” di street style. Questo esperimento giapponese sul concetto di uniforme ha rafforzato non poco la propria firma, ha disegnato una borsa “di stagione” color verde brillante che integra alcune opere d’arte contemporanee (grande Keith Haring!). Il verde brillante in una accattivante stampa è stato applicato direttamente sul tradizionale logo-monogramma in pelle stampata grigia, ed è attualmente in vendita ad un prezzo di circa 550 dollari, che sono circa 400 euro. La borsa è disponibile in Giappone solo in negozi altamente selezionati (alla faccia della moda street), ma per coloro che non possono volare in Giappone a soddisfare il loro capriccio, non si è trovato neppure un negozio online su cui acquistare l’ambita borsa. Ma come fa questa fondazione ad essere così affermata? Come si giustificano questi prezzi? La Keith Haring Foundation ha iniziato la propria attività nel 1989 grazie all’amato artista di strada Keith Haring, e lo scopo era quello di raccogliere dei fondi per i bambini che convivono con la piaga dell'AIDS. La sua arte e l’abbigliamento da lui creato hanno creato un grande beneficio per le finalità umanitarie della fondazione. Quest’altro “esperimento” è una “uniforme” nera, giacca in lana con bottone, una giacca con patterning Keith Haring, la quale arriva sul mercato proprio per la stagione delle feste, e dispone di un fazzoletto colorato Keith Haring nascosto nella tasca della giacca. Pensato per essere indossato con pantaloni abbinati, è disponibile per l’acquisto fin dal primo di ottobre, ad un prezzo di soli (si fa per dire) 75.600 yen (circa 985 dollari, o 700 euro circa). Un bell’esperimento, non c’è che dire!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl