COMUNICATO STAMPA Contraccezione d'emergenza: su www.mettiche.it babbo natale la porta gratis ma non in Italia

21/dic/2011 10.42.57 barbara2011 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Contraccezione d’emergenza: quest’anno le donne inglesi la troveranno sotto l’albero e direttamente a casa propria. Ne da notizia il sito www.mettiche.it realizzato in collaborazione con la Società Medica Italiana per la contraccezione (SMIC). Per scongiurare il pericolo di gravidanze indesiderate, diffuse in Gran Bretagna con livelli superiori alla media soprattutto tra le giovanissime, l’organo consultivo inglese per la prevenzione delle gravidanze indesiderate,  il British Pregnancy Advisory Service, ha deciso di mettere a disposizione gratuitamente la pillola del giorno dopo durante le festività natalizie, giorni in cui le farmacie sono chiuse ed il numero dei rapporti sessuali, anche a rischio, aumenta.  Per questo ha avviato un servizio di consultazione on line che in 15 minuti stabilisce se vi sono controindicazioni mediche e se chi fa la richiesta è un’adolescente, dopo di che la pillola del giorno viene inviata per posta insieme a una confezione di profilattici. In questo modo si aiutano le donne anche a proteggersi dalle malattie sessualmente trasmissibili in una logica di “doppia” protezione.

Trattandosi di una soluzione d’emergenza che le donne chiedono al medico quando pensano che il loro contraccettivo abituale non sia stato efficace (dimenticanza di una o più pillole, rottura del preservativo, errato calcolo dei giorni fertili, rapporto subito contro volontà, ecc) la pillola del giorno dopo va assunta, a seconda del tipo, il prima possibile e comunque entro 72 ore o entro 120 ore dal rapporto al rischio. E’ evidente quindi che vada usata senza ritardi e che per queste peculiarità debba essere accessibile per le donne nel momento del bisogno. Questo vale ovviamente non solo per le donne inglesi e qui non possono non tornare alla mente i casi, spesso frequenti, in cui dalle nostre parti le donne sono spesso costrette a lunghe file al pronto soccorso o magari si vedono rifiutate la somministrazione in farmacia per un errato richiamo a una clausola dell’obiezione di coscienza.

Quella del governo inglese è sicuramente una decisione destinata a suscitare dibattito come richiama in un’intervista pubblicata sul sito www.mettiche.it il Presidente della Società Medica Italiana per la Contraccezione, Emilio Arisi. Oltre a plaudire una simile iniziativa e ad incoraggiarne la sperimentazione anche in Italia, il presidente della SMIC chiarisce anche non si tratterebbe di un servizio che, se replicato in altri Paesi, potrebbe incoraggiare un uso non corretto della pillola del giorno dopo che rappresenta un sistema di emergenza e quindi a cui ricorrere soltanto nel momento in cui non vi siano altre alternative. Sarebbe come credere che chi acquista una macchina pensi di poter essere imprudente, perché tanto c’è l’airbag o che le scialuppe di salvataggio e i salvagenti rendano più imprudenti i naviganti. Ben vengano dunque iniziative come queste in cui si mette al primo posto la protezione della salute e la libera scelta delle donne.

Per approfondimenti

www.mettiche.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl