Mercato immobiliare: 2012, inizio in salita. Ripresa rinviata.

20/gen/2012 09.22.30 Carlotta Tinti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’anno 2011 è stato un anno difficile, parecchio più difficile del 2010, con ogni probabilità assai più facile da affrontare di questo 2012. La crisi e la sfiducia dei cittadini si palesa in modo chiaro e netto sul riflesso che ne registra il mercato immobiliare. Già di per se il comparto edile e delle costruzione giace in grave crisi se osservato a livello nazionale, politiche inadeguate e ritardi nel pagamenti hanno tolto completamente fiato al settore che da anni lancia continui segnali d’allarme in vista di un congelamento assoluto dell’attività. La popolazione, sempre amante del bene rifugio che il mattone rappresenta, osserva, valuta la situazione e avverte un senso di incertezza e timore sempre più concreto che trattiene il possibile acquirente ad aprire un mutuo per l’acquisto di un appartamento. Come dargli torto? Di primo acchito è ben difficile non concordare con tale immobilità di difesa: gli istituti di credito non hanno fatto altro che alzare barriere sempre più difficili da scalare per i comuni cittadini, la liquidità è ormai un fantasma di cui tutti si augurano un rapido ritorno ma che non intende per ora acquistare nuovamente corpo. La situazione economica generale è incerta e l’orizzonte non si presenta proprio roseo. Eppure persiste la netta convinzione che entro pochi anni dovrà avere inizio una importante ripresa del mercato che favorisca la vendita immobili Bologna così come la nascita di una gestione dell’economia più snella e funzionale al paese.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl