Nozioni utili sulle porte interne

01/feb/2012 16.17.17 Artemio Rossi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

In aggiunta alla loro funzione di divisione e organizzazione degli spazi e di isolamento termico ed acustico, le porte interne possiedono un ruolo estetico importante, facendo parte di fatto dell'arredo della propria casa.

Quando si tratta di comprare le porte per interni per la casa occorre valutarne attentamente la gradevolezza estetica oltre al punto di vista funzionale, per acquistare un accessorio che si adatti armonicamente con l'ambiente domestico.

Tra i materiali più impiegati per la realizzazione delle porte interne si possono trovare in modo particolare il vetro e il legno. Le porte interne in legno sono in genere realizzate in legno tamburato e disponibili in diverse finiture ed essenze per adattarsi ad ogni tipo di ambiente: noce, ciliegio, tanganika, wengé, zebrano, teak, palissandro, teak e diverse altre varianti. Le porte interne in vetro regalano notevole luminosità agli ambienti presso cui sono collocate. Si possono realizzare impiegando vetro trasparente, ma anche opaco, semiopaco e satinato, eventualmente arricchito da inserti colorati o impreziosito da decorazioni e serigrafie di varia natura. Il vetro dovrebbe essere temperato, sufficientemente robusto e resistente agli urti, per garantire un certo livello di sicurezza.

Le porte interne si possono classificare facendo riferimento alla tipologia di apertura di cui sono dotate. Distinguiamo, a questo proposito, porte interne a battente, porte interne scorrevoli (interne ed esterne) e porte interne a libro o a soffietto.

Le porte a battente sono le porte interne tradizionali, tipicamente composte da varie ante e montate su cardini. Semplici da montare, garantiscono ottime prestazioni dal punto di vista dell'isolamento termico e acustico. Le porte scorrevoli sono un tipo di porta interna che ben si presta a chi dispone di spazi ristretti e si pone in cerca di una soluzione alternativa alla classica porta battente. Distinguiamo due principali tipologie di porte scorrevoli: le porte scorrevoli esterne, che scorrono parallelamente alla parete grazie alla presenza di binari metallici, e le porte scorrevoli interne, che si inseriscono nella muratura o nel cartongesso mediante un controtelaio in metallo. Le porte scorrevoli interne si caratterizzano per un maggior grado di isolamento termico ed acustico se confrontate con quelle esterne, benché si caratterizzino per una procedura di installazione più complessa ed elaborata, che vede la presenza di lavori murari piuttosto impegnativi.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl