L'impiego di stufe a pellet per il riscaldamento della propria casa

Con la voce stufe a pellet ci si riferisce a prodotti pensati per il riscaldamento di qualsiasi tipologia di ambiente che impiega in qualità di combustibile il pellet, sostanza ricavata dalla segatura compressa ed essicata.

01/feb/2012 16.18.34 Artemio Rossi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Con la voce stufe a pellet ci si riferisce a prodotti pensati per il riscaldamento di qualsiasi tipologia di ambiente che impiega in qualità di combustibile il pellet, sostanza ricavata dalla segatura compressa ed essicata.

Il pellet rappresenta il prodotto degli scarti industriali del legno, si trova nella forma di minuscoli cilindri di segatura compressa ed essicata. Pellet di legno di qualità si distingue per una ridotta umidità residua, funzionale ad notevole potere calorifero e ridotte emissioni. I pellet si possono realizzare con gli scarti della lavorazione del legno di abete, faggio, frassino, rovere, ontano. Il pellet non è impiegato solo con stufe a pellet: esistono altri strumenti alimentati con questo tipo di combustibile, come caminetti e caldaie. Il pellet sta inoltre conquistando un impiego sempre superiore nel teleriscaldamento e nella produzione di energia.

Le stufe a pellet possono riscaldare luoghi di piccole e grandi dimensioni (sulla base del modello considerato, la stufa può avere capacità di riscaldamento fino a 200 mq). Rispetto alle stufe a legna, le stufe a pellet consentono diverse ore di funzionamento autonomo della combustione e non necessitano di essere ricaricate manualmente. L'autonomia della stufa a pellet è variabile, e può arrivare sino alle 45 ore.

Le stufe a pellet presentano un serbatoio di ampie dimensioni (alcuni modelli riescono a contenere pure più di 60 Kg di combustibile) al cui interno va posto il pellet. Una coclea (vite senza fine) conduce il pellet dal vano al braciere presso cui si realizzerà la combustione mediante una resistenza di tipo elettrico che innescherà la fiamma. La stufa a pellet produce in tal modo calore, che sarà diffuso negli ambienti attigui tramite convezione naturale e ad aria forzata. Il meccanismo delle stufe a pellet controllato da una scheda dotata di microprocessore, la cui funzione è quella di regolare l'afflusso d'aria e l'alimentazione sulla base dei dati che provengono da sensori e sonde interne.

L'utilità delle stufe a pellet consiste altresì nell'opportunità di controllare le tempistiche di spegnimento e accensione della stufa, dosare il combustibile a piacere e monitorare la temperatura sfruttando le funzionalità del processore nell'apparecchio. L'innesto per accendere la fiamma è anch'esso di tipo elettronico e non è in questo modo fondamentale l'uso di fiammiferi o accendini come nel caso di altre varianti di stufe. Certi modelli di stufe possono persino essere controllati a distanza, con i benefici derivanti dal punto di vista della funzionalità.

Le stufe a pellet sono un bene particolarmente efficiente, che permette di abbassare i costi di riscaldamento in modo anche notevole (annualmente, il risparmio può arrivare anche al 30-50%). Il prezzo di una stufa a pellet può differire in relazione al modello preso in considerazione, della marca e delle funzionalità offerte. In generale i costi oscillano dai mille ai cinquemila euro.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl