Pitti Filati, una ventata di novità con un pacifico ritorno alla natura.

08/feb/2012 23.48.19 Fifth Avenue Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nei giorni scorsi si è svolto nella città di Firenze, presso la Fortezza da Basso, la manifestazione Pitti Immagine Filati, che si è svolta dal 25 al 27 gennaio. Questo recente appuntamento è stato un punto di riferimento per tutto il settore della maglieria, o per meglio dire, per il settore dei filati dedicati alla maglieria. In questa occasione sono state presentatele nuove collezioni di filati per la stagione primavera/estate 2013. Quasi novanta marchi presenti a Firenze, che hanno espresso tutta la loro creatività e il loro design in una vera passerella internazionale e nello stesso tempo vetrina altamente suggestiva. Il pubblico era formato soprattutto da clienti internazionali alla ricerca dell’eccellenza italiana nel settore tessile dei filati per maglieria.

Fashion At Work è stato al centro dell’attenzione, un osservatorio sulle tendenze e sulle richieste della gente, ma anche un laboratorio dove si è privilegiata la ricerca, con riferimento giusto appunto allo Spazio Ricerca, che ha attratto molti operatori. Questo spazio ha elaborato una proiezione esplorativa sulle tendenze della stagione, ed ha evidenziato il rapporto tra l’uomo e la campagna, l’ambiente rurale, contrapposto alla vita che consideriamo più progredita ed attuale, e secondo i normali canoni sarebbe quella di città. Ma quello che si evidenzia è qualcosa di diverso, una controtendenza per così dire, un ritorno alla natura e a ciò che fa parte di noi, ed è più a misura d’uomo, inoltre questa è una tendenza che contrariamente a quello che si può pensare, è più stimolante rispetto alla vita in città. Lo stimolo del ritorno alla campagna è la ricerca di una qualità e di una genuinità tipica della vita rurale, un ritorno a valori più semplici in contrapposizione alla sofisticatezza che induce la “città”. Futurural è proprio questo, un messaggio rassicurante in risposta allo stress  della vita quotidiana, un banco di lavoro per produrre le novità per il 2013.

La tendenza sembra essere orientata verso una maglieria sottile, semitrasparente, realizzata con filati dai colori accessi talvolta illuminati da tocchi  iridescenti. L'ispirazione per i filati da maglieria ovviamente, in linea con la tendenza principale, proviene dalla natura e dai suoi colori: un viaggio dalle tonalità pastello fino ad arrivare ai colori più accesi ed esuberanti, passando attraverso i colori neutrali. I colori vengono ispirati anche dai boschi, dai prati in fiore e dai laghi, insoma da ciò che c’è di più bello nella natura. Abbiamo visto una interessante nuova linea di lino misto a cashmere con i colori tipici della terra, da quelli più intensi a quelli più leggeri. E per la sera i filati si fanno scintillanti, attraverso mischie innovative create con lurex, madreperla e glitter.

Insomma sia con i colori accesi che con quelli scintillanti, i filati dell’estate dell’anno  prossimo s'ispirano alla natura. Un tema, questo, ripreso come abbiamo detto, nello Spazio Ricerca del salone, dove sono stati esposti 12 trattori New Holland Agriculture, protagonisti di una singolare istallazione simbolo della costante integrazione della tecnologia con il mondo agricolo senza dimenticare il rispetto dell'ambiente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl