Comunicato Stampa - Risultati anno 2011 del gruppo Legrand

Allegati

15/feb/2012 14.52.57 BTicino Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Risultati anno 2011 del gruppo Legrand

 

Performance in linea con gli obiettivi annuali e a medio termine

- Aumento complessivo delle vendite effetto cambio escluso del +11,2% di cui +6,4% di crescita organica1

- Margine operativo aggiustato del 20,2%

- Utile netto parte del gruppo di 479 M€ e dividendo di 0,93€ per azione, in aumento del 6%

- Forte generazione di cassa e solidità di bilancio

 

Successo delle iniziative commerciali e miglioramento del profilo di crescita a medio termine

- Accoglienza molto positiva dei numerosi lanci di nuovi prodotti

- 35% di vendite nelle nuove economie

- Quasi il 22% di vendite nei nuovi segmenti di mercato in rapida espansione

 

 

In occasione della chiusura dei conti 2011, Gilles Schnepp, Presidente-Direttore Generale di Legrand, ha commentato i risultati, gli obiettivi e i fondamentali del gruppo :

 

«Successo delle iniziative commerciali e performance 2011 in linea con gli obiettivi.

Portando avanti la sua strategia di crescita redditizia e creatrice di valore, Legrand ha accelerato il suo sviluppo nel 2011, rafforzando la sua struttura commerciale e conquistando nuove posizioni di mercato.

Questo approccio ha consentito al gruppo di registrare un aumento totale del suo fatturato del 11,2% effetto cambio escluso (+9,2% con effetti cambio), derivante da :

una solida crescita organica1 (+6,4%), sostenuta dal successo dei numerosi lanci di nuovi prodotti, dal dinamismo delle nuove economie (oltre il 14% di crescita organica1) e dai nuovi segmenti di mercato (13% di crescita organica1) ;

acquisizioni autofinanziate e rivolte a società di piccola e media taglia, che dispongono di buone posizioni su mercati a forte potenziale e il cui consolidamento ha contribuito per il +4,5% alla crescita del gruppo.

In questo contesto, il margine operativo aggiustato ammonta al 20,2% del fatturato (20,6% escluse le acquisizioni). Tale risultato riflette la capacità di Legrand di :

alimentare la sua crescita investendo nell’innovazione e rafforzando sui mercati più promettenti la sua organizzazione commerciale (team commerciali, showroom, concept store), proseguendo al tempo stesso con le sue iniziative di produttività;

tener conto dell’incremento dei costi delle materie prime e dei componenti utilizzati nella gestione dei suoi prezzi di vendita.

Alla luce delle realizzazioni 2011, il Consiglio di Amministrazione proporrà all’approvazione dell’Assemblea Generale degli azionisti il versamento di un dividendo di  0,93€ per azione (rispetto a 0,88€ per azione nel 2010) pagabile il 5 giugno 2012.

 

Obiettivi 2012

Legrand ha pienamente realizzato i suoi obiettivi per il 2011, dimostrando così la solidità del suo modello economico e la capacità di raggiungere gli obiettivi di crescita e di redditività a medio temine.

Per il 2012, tenuto conto di previsioni macroeconomiche incerte, Legrand fissa un obiettivo di crescita organica del suo fatturato vicina allo zero. Il gruppo continuerà inoltre il suo sviluppo per acquisizioni, che apportano già il 2,6% di crescita al fatturato del 2012 sulla base delle operazioni portate a termine nel 2011. In queste condizioni, Legrand si pone come obiettivo quello di realizzare nel 2012 un margine operativo aggiustato superiore o uguale al  19% del fatturato, incluse le acquisizioni2.

 

1 Organica : a struttura e tassi di cambio costanti

2 Acquisizioni di piccola o media taglia, complementari alle attività del gruppo

 

 

 

Obiettivi a medio termine confermati e profilo di crescita migliorato

Con il 35% delle vendite realizzate nelle nuove economie e quasi il 22% in nuovi segmenti di mercato, posizioni commerciali di primo piano per i 2/3 delle sue attività, strutture reattive e iniziative continue volte al miglioramento della produttività, il gruppo confida nella solidità del suo modello economico e nella sua capacità di creare valore nel tempo attraverso una crescita redditizia e autofinanziata.

Di conseguenza, considerando gli obiettivi 2012 sopra citati, Legrand conferma i suoi obiettivi nel medio termine :

- crescita annua totale media del fatturato del 10%1 ;

- margine operativo aggiustato medio del 20%, acquisizioni2 comprese» .

------------------------

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1 Effetti cambio o rallentamenti economici maggiori esclusi

2 Acquisizioni di piccola o media taglia, complementari alle attività del gruppo

 

Cifre chiave

 

Dati consolidati (in milioni di €)

2009

2010

2011

Var.%
2011/2010

Fatturato

3 577,5

3 890,5

4 250,1

+9,2%

Risultato operativo aggiustato (1)

587,9

797,0

856,7

+7,5%

In % di fatturato

16,4%

20,5%

20,2%

 

Risultato operativo

524,1

757,6

812,3

 

In % di fatturato

14,6%

19,5%

19,1%

 

Utile netto parte del Gruppo

289,8

418,3

478,6

+14,4%

In % di fatturato

8,1%

10,8%

11,3%

 

Free cash flow (2)

654,5

645,5

522,7

 

In % di fatturato

18,3%

16,6%(3)

12,3%(3)

 

Debito finanziario netto al 31 dicembre

1 340

1 198

1 269

 

 

(1) Risultato operativo aggiustato dagli ammortamenti della rivalutazione delle immobilizzazioni immateriali e dei costi legati alle acquisizioni (per il 2009, 2010 e 2011 rispettivamente di 47,2 M€, 39,4 M€ e 28,5 M€), nonché, all’occorrenza, dalla svalutazione dei goodwill (16,6 M€ per il 2009, 0 €  per il 2010 e 15,9 M€ per il 2011).

(2) Il free cash flow è definito come la somma dei flussi di cassa generati dalle operazioni correnti e dai proventi risultanti dalla vendita di immobilizzazioni meno il totale degli investimenti e le spese di sviluppo capitalizzate.

(3) Sulla base di un rapporto costante di necessità di capitale circolante rispetto alle vendite, la generazione di free cash flow è pari al 13% circa del fatturato per l’anno 2011 così come per l’anno 2010.

 

 

Realizzazioni al 31 dicembre 2011

 

Fatturato consolidato

Dai dati pubblicati, il fatturato ammonta a 4 250,1 M€, in aumento del 9,2% rispetto al 2010, ovvero il +6,4% a struttura e tassi di cambio costanti. L’impatto del perimetro di consolidamento è pari al +4,5% e quello dei tassi di cambio al -1,7%.

Questa crescita riflette la determinazione avuta delle strutture commerciali di Legrand nel 2011 e il rafforzamento delle posizioni del gruppo in diversi Paesi e segmenti di mercato.

 

Effetto base di confronto

L’evoluzione del fatturato a struttura e tassi di cambio costanti nella seconda metà dell’anno è stata influenzata dall’inversione della favorevole base di confronto constatata nel primo semestre, e il cui effetto negativo tocca principalmente l’Europa.

 

Evoluzione delle vendite per zona geografica e a struttura e tassi di cambio costanti

 

2011 / 2010

4° trim. 2011 / 4° trim. 2010

Francia

+5,6%

+2,7%

Italia

+4,2%

-2,3%

Resto d'Europa

+5,6%

+2,2%

Stati Uniti e Canada

+3,6%

+2,4%

Resto del Mondo

+10,4%

+11,5%

Totale

+6,4%

+4,6%

 

 

 

 

 

- Francia: grazie a risultati molto positivi ottenuti nelle infrastrutture digitali e nelle canalizzazioni in filo e a buone prestazioni nelle serie civili, nella distribuzione di energia e applicazioni industriali, il fatturato è cresciuto del +5,6%. Le attività hanno inoltre beneficiato del successo dei nuovi prodotti, in particolare la gamma di serie civili Niloé e l’offerta di protezione Puissance3. Inoltre, Legrand ha rafforzato la sua organizzazione commerciale con l’apertura di un nuovo showroom nella regione parigina e l’inaugurazione del “Lab by Legrand” a Parigi, consentendo a privati, architetti, decoratori, distributori e aziende del settore elettrico di scoprire in modo originale le offerte civili di fascia alta proposte dal gruppo.

 

- Italia: in un mercato atono, il fatturato è aumentato del +4,2%, beneficiando del dinamismo delle vendite di canalizzazioni, applicazioni industriali, sistemi legati alla performance energetica e dal lancio della nuova gamma di serie civili Livinglight. Va considerato che la crescita del secondo semestre è stata influenzata dall’inversione dell’effetto base di confronto particolarmente favorevole osservato nella prima metà dell’anno. Il gruppo ha peraltro aperto un nuovo concept store a Milano, che permette di scoprire in modo interattivo e davvero innovativo le molteplici applicazioni e soluzioni offerte dal marchio BTicino.

 

- Resto d’Europa: le vendite sono aumentate del +5,6% nell’intera zona, grazie a performance molto buone in Russia, in Turchia e in Europa dell’Est che, sommate ai buoni risultati realizzati in Austria e Svizzera, compensano un’attività in calo nel Sud dell’Europa.

Più in generale, le nuove economie rappresentano quasi la metà delle attività della zona.

 

- Stati Uniti/Canada: il fatturato è aumentato del +3,6%, con buone realizzazioni complessive, in particolare nel settore civile e nel controllo dell’illuminazione ad alta efficienza energetica. Tali risultati sono sostenuti specialmente dalle attività di ristrutturazione e dal buon dinamismo commerciale, mentre il mercato delle costruzioni nuove resta molto al di sotto dei suoi livelli storici.

 

- Resto del Mondo: le vendite nelle nuove economie continuano a crescere, con risultati davvero buoni specialmente in Cina, India, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Cile e Peru. Il fatturato dell’intera zona è aumentato del +10,4%.

 

Forte crescita e rafforzamento del contributo delle nuove economie: il fatturato nelle nuove economie è cresciuto globalmente del 18% circa nel corso dell’anno, cioè oltre il 14% a struttura e tassi di cambio costanti, riflettendo la determinazione avuta delle équipe Legrand nel 2011. I buoni risultati registrati in Russia, India, Cina ma anche in Turchia, Cile, Peru, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti confermano la solidità dell’andamento delle attività su questi mercati in piena espansione. In dieci anni, la proporzione di fatturato realizzato nelle nuove economie è più che raddoppiata per raggiungere, come annunciato, il 35% delle vendite totali nel 2011, con posizioni di primo piano in 27 Paesi.

 

Paesi maturi: il fatturato nei Paesi maturi è stato sostenuto da buoni risultati nelle infrastrutture digitali, nel settore delle prestazioni energetiche e nelle attività di ristrutturazione edilizia, dal trend piuttosto positivo. I mercati del residenziale nuovo e del terziario non hanno ripreso a crescere nella maggior parte dei Paesi e l’attività in volume sul mercato delle costruzioni resta in media inferiore del 20% circa rispetto ai suoi livelli pre-crisi1.

 

Forte sviluppo in nuovi segmenti di mercato:  nel corso dell’anno le infrastrutture digitali, la performance energetica, i sistemi residenziali e le canalizzazioni in filo hanno registrato una crescita di quasi il 32%, ovvero il 13% a struttura e tassi di cambio costanti. Tale performance conferma la solidità dello sviluppo di questi nuovi segmenti trainati da forti cambiamenti tecnologici e della società. Nel 2011 Legrand ha realizzato quasi il 22% del suo fatturato in queste attività rispetto al 10% di dieci anni fa.

 

 

 

 

1 Fonte : Global Insight

 

Innovazione e lancio di nuovi prodotti

Nel corso del 2011 Legrand ha portato avanti attivamente i suoi sforzi di innovazione, destinando quasi il 5% del suo fatturato alla R&D e quasi la metà dei suoi investimenti ai nuovi prodotti che rappresentano il 38% delle vendite. Il gruppo ha così realizzato diversi numerosi lanci di nuove offerte, tra le quali in particolare:

-       e gamme principali di serie civili a vocazione internazionale: Living&Light, Niloé, Matix,

-       le gamme di serie civili dedicate: Yi Pin e K2 in Cina, Myrius in India, Titanium negli Stati Uniti,      

Newden in Corea del Sud, Zuli in Brasile, Excel Life in Australia,

-       le prime applicazioni iPad per il comando dei sistemi residenziali My Home,

-       l’offerta di distribuzione di energia Puissance3 in Francia, che sarà sviluppata progressivamente anche a livello internazionale, in particolare con le soluzioni di protezione DPX3 per le applicazioni terziarie che includono nello specifico la misura dei consumi energetici, il nuovo programma modulare DX3, il centralino di distribuzione XL3 125,

-       le nuove gamme di armadi LCS² e Ortronics per le infrastrutture digitali,

-       le nuove gamme di canalizzazioni rivolte ai segmenti  economici in Turchia e in Russia,

-       le soluzioni di efficienza energetica Digital Lighting Management di Watt Stopper negli Stati Uniti.

Il gruppo porterà avanti la sua politica di innovazione nel 2012.

 

Proseguimento della crescita esterna

Legrand ha portato avanti attivamente la sua strategia di acquisizioni auto-finanziate e rivolte a società di piccole e medie dimensioni, con forti posizioni di mercato e dalle prospettive promettenti, realizzando nel 2011 cinque operazioni di crescita esterna, per un fatturato totale annuo di oltre 200 M€. Queste società si posizionano su mercati in forte crescita come le economie nuove (48% del fatturato) o nuovi segmenti di mercato (84% del fatturato).

Il consolidamento delle società acquisite tra aprile e dicembre 2011 sta già contribuendo positivamente per il 2,6% alla crescita del fatturato consolidato nel 2012.

 

Buona generazione di cassa, solidità di bilancio e linee di finanziamento rinnovate

Grazie ad una buona performance operativa, in linea con gli obiettivi, e a una attenta gestione dei capitali investiti, il “free cash flow” ammonta a 522,7 M€ nell'anno, cioè il 12,3% del fatturato, consentendo al gruppo di auto-finanziare pienamente la sua crescita interna ed esterna.

Considerando un rapporto costante del fabbisogno di capitale circolante rispetto alle vendite, la generazione di “free cash flow” ammonta al 13% circa del fatturato nel 2011 come nel 2010.

Negli ultimi due anni, Legrand ha peraltro proseguito con la diversificazione e il prolungamento delle scadenze delle sue fonti di finanziamento, rafforzando ulteriormente una struttura patrimoniale già molto solida. Così, dopo due emissioni obbligazionarie di successo di 300 e 400 M€ di scadenza rispettivamente nel febbraio 2017 e nel marzo 2018, Legrand ha rinnovato nel secondo semestre 2011 la linea « revolver » del suo credito sindacato per un importo di  900 M€ prolungando la durata iniziale a un massimo di 6 anni .

 

Ingresso nel CAC 40

Dall’aprile 2006, data del ritorno in Borsa di Legrand, il corso dell’azione è aumentato del 34% (contro una diminuzione del 35% per il CAC 40) e la parte flottante del capitale è più che quadruplicata fino a rappresentare l’84% del capitale. Questa buona performance borsistica, l’aumento progressivo del flottante e il regolare aumento della liquidità del titolo hanno permesso a Legrand di far parte dell’indice CAC 40 dal dicembre 2011.

------------------------

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I dati consolidati auditati ed approvati dal Consiglio di Amministrazione del 8 febbraio 2012, la presentazione e la conferenza telefonica (in diretta e in differita) dei risultati 2011 sono accessibili sul sito di Legrand (www.legrand.com).

 

Agenda finanziaria:

�-�                Risultati primo trimestre 2012 : 4 maggio 2012

�-�                Assemblea Generale degli azionisti: 25 maggio 2012

�-�                Risultati primo semestre 2012: 27 luglio 2012

 

 

 

Il gruppo Legrand è lo specialista globale delle infrastrutture elettriche e digitali dell’edificio. La sua completa offerta di  soluzioni per i mercati internazionali dei settori commerciale, industriale e residenziale, ne fanno un punto di riferimento su scala mondiale. L’innovazione, il costante lancio di nuovi prodotti ad alto valore aggiunto e le acquisizioni, rappresentano i principali vettori della crescita del gruppo. Legrand ha realizzato nel 2011 un fatturato di 4,2 miliardi di €. La Società è quotata sulla piattaforma NYSE Euronext ed è una componente degli indici azionari CAC 40, FTSE4Good, MSCI World, ASPI e DJSI (codice ISIN FR0010307819).www.legrand.com

 

 

BTicino, capofila del gruppo Legrand in Italia, presente nel nostro Paese con una struttura organizzativa che comprende 8 insediamenti produttivi e circa 3.000 dipendenti, opera sul mercato italiano con le offerte dei marchi principali BTicino, Legrand, Zucchini e Cablofil. BTicino inoltre, con la presenza in oltre 60 Paesi di tutti i continenti, si colloca tra i leader mondiali sul mercato delle apparecchiature elettriche in bassa tensione per installazioni in ambito civile, industriale e terziario, testimoniando il valore del nostro Paese in termini di qualità, tecnologia d’avanguardia e cultura progettuale.

 

 

Per informazioni stampa:

Marco Fiorentino

Legrand - BTicino Spa
Media Relations

Tel:.+39. 0332 272107

Mob: 348 8595127

marco.fiorentino@bticino.it
www.bticino.it

 

 

 

 


Privileged/Confidential Information may be contained in this message. If you are not the addressee indicated in this message (or responsible for delivery of the message to such person), you may not copy or deliver this message to anyone. In such case, you should destroy this message and kindly notify the sender by reply email. Please advise immediately if you or your employer does not consent to email for messages of this kind. Opinions, conclusions and other information in this message that do not relate to the official business of Cohn & Wolfe shall be understood as neither given nor endorsed by it.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl